N. Mylonas: Note in occasione dell’apertura del nuovo Agios Georgios Door Halicarnassus-Kos

Tema: Appunti in occasione dell’apertura delle porte di St. George del nuovo Halicarnassus-Kos.

UN. Nei fine settimana, la nostra isola è dominata da eventi dedicati al minore ellenismo-cristiano per 100 anni dal disastro del 1922, in occasione della notte di chiusura di Agios Georgios del nuovo Halicarnassus di Kos. Le rivalità economiche, militari e politiche e nazionaliste internazionali e la manipolazione distruttiva della leadership politica all’inizio del XX secolo dalla Grecia indipendente hanno portato a secoli i nativi di lingua greca e di lingua greca, cambiando la mappa sociale della nostra regione. Kos, non lontano da Halicarnassus, con stretti legami commerciali e sociali, hanno ricevuto un grande afflusso di rifugiati. Una domanda è perché abbiamo così pochi documenti storici di quel tempo e soprattutto perché non abbiamo un posto o un’installazione che ricorda la memoria storica e gli elementi della cultura e della vita sociale della comunità cristiana nella nostra penisola vicina. Halicarnassus a quel tempo; Cosa è da biasimare; Occupazione italiana? Inoltre, dopo il 1947, la riflessione e l’evidenziazione dei ricordi storici non dovrebbero essere organizzati? O dovrebbe essere avviato un tale sforzo anche adesso? Le istituzioni culturali e i ricercatori e gli storici dell’epoca hanno colmato questa esigenza e divario. I materiali d’archivio possono essere trovati oggi su Internet a indirizzi come: Facebook Old Halicarnassus, Facebook Family Asia Minor, Facebook Old Bodrum, Facebook Eski Bodrum. Ciò che lo stato e il comune non sono riusciti a fare, l’Asia Minor Association of Kos “Erodotos” ha provato con la costruzione di Ai George in Lampi-Nea Alikarnassos! Proprio come la fraternità minore asiatica è al centro della creazione di progetti e istituzioni sociali per la coltivazione della coscienza! È noto che un gran numero di templi durante il periodo ottomano è stato eretto con l’aiuto dei membri della Fratellanza. I discendenti minori asiatici di KO meritano la nostra lode per i loro 30 anni di sforzi per espiare il vuoto nazionale e sociale e il debito collettivo del nostro paese. Da ciò che apprendiamo, ci sarà continuità con la creazione di spazi viventi per preservare ed evidenziare il patrimonio culturale dell’Asia Minore.

B. Estratto dello studio: Comunità cristiana e amicizia in Asia Minore all’inizio del XX secolo: dal codice Halicarnassou-voudrum di Charalambos Babunis, Stelios Mouzakis

… Le fraternità sono associazioni con scopi religiosi e filantropici, mirano all’illuminazione religiosa dei membri, al mantenimento o all’istituzione delle chiese e alle loro decorazioni … … I Greci di Halicarnasso sono concentrati in due parrocchie, di Agios Georgios e Agios Nikolaos, a nord -ovest della fortezza medievale di Agios Petros. Il santo più amato dopo Panagia in ellenismo in Asia Minore e a Pontus, era il collega Cappadocian Saint George. Hanno l’immagine dei santi come talismani.

… La Fratellanza di Halicarnassus è costituita da membri della gilda dei costruttori, muratori, cioè carpentieri. Per questo motivo e perché loro stessi, come gente del posto, erano stati coinvolti nella chiesa di Agios Georgios, era naturale che avrebbero voluto prenderlo sotto la loro protezione e provare a risolverlo.

…. dalla fine del 1908 / all’inizio del 1909 giovani turchi tentarono di ridurre l’influenza cristiana nel paese. Le politiche di turchificazione e persecuzione degli elementi greci e armeni sono state particolarmente intensificate dopo i risultati delle guerre balcaniche. Nel maggio 1914, la persecuzione si diffuse all’Asia occidentale Minore.

… Registri nel libro di amministrazione della Fratellanza di Halicarnassus cessò l’11 aprile 1914….

C. Dati socialisti dal movimento della popolazione. Il caso dell’installazione di Hilikarnasse su KO di Christina Petropoulou-Christakis Antropologo sociale

…. i Greci Halicarnassus, nel tentativo di evitare possibili coscrizioni durante la prossima guerra e d’altra parte il battaglione dei lavoratori (Amele Tambourou). Nel 1915, tutti i greci avevano lasciato Halicarnassus. Gli abitanti inizialmente fuggirono nei dodecanesi, principalmente a Kalymnos, Kos, Kasos, Symi e Pserimos. Nel 1916, quando c’era la carestia e la mancanza di lavoro nel dodecanese, a causa del blocco, molti dei Halicarnassus fuggirono lì, su invito dei loro compatrioti, andarono a Creta, dove si stabilirono permanentemente. Lì lavoravano come operai edili, lavoratori portuali e lavoratori dell’uvestimento. Nel 1922, quando ebbe luogo l’ultima abrogazione, la maggior parte degli Halicarnassus aveva lasciato la loro patria.

…. Nel 1922, secondo il censimento ufficiale italiano, la popolazione di KO contava 16.169, di cui 11.385 erano ortodossi, 4.662 musulmani, 66 ebrei e i resto italiani, principalmente impiegati del governo. Dopo il 1922, questa popolazione sarebbe cresciuta fino a circa 2.000 rifugiati minori asiatici, provenienti principalmente da Halicarnassus-Petro contro i cristiani, Bodrum contro i musulmani e Gerontas, ma anche da Sokia, Kusadasi, Antalya, Mylasa (o Milas), Bala. Gerontiani si stabilì nei villaggi, specialmente a Pyli. Halicarnassus (Petrumians) e il resto dell’Asia Minor si stabilì in città.

… Prima del 1922, fugge nei dodecanesi ebbe luogo in piccoli gruppi e con molte precauzioni, di notte, verso le spiagge deserte, specialmente nella zona di Psalidi, perché gli italiani che li catturarono rimandarono in Turchia. Quando gli italiani li trovarono Greci asiatici che erano fuggiti illegalmente, inizialmente erano imbarazzati a concedere loro asilo, ma alla fine furono costretti o accettati di tollerarli e sistemarli.

…. La narrazione di Anastasios Caesarlis, che lasciò Petroumi nel 1914. “Da quando ebbe luogo il primo anno di Seferbelik (coscrizione) Non appena abbiamo visto l’oscurità, andammo tutti nelle isole. Ogni notte una barca con una famiglia cristiana parte. I turchi, ovviamente, non lascerebbero andare un uomo. Ma segretamente e astuto e con conoscenti e cadendo denaro fatto.

…. Ricorda Nicholas Caesarlis “Una volta che i Petroumiani arrivarono a Kos quando gli immigrati clandestini arrivarono oggi; ecco così. Le donne portavano i bambini sulle loro spalle in sacchi di vestiti e andavano alle case e la gente di Kotes accetterebbe loro “.

—Le installazioni temporanee si svolgono in diverse parti della città. Aree come Kako Pinari, Fylakes, ma in particolare Lampi, che per questo motivo sono stati rinominati Nea Alikarnassos negli ultimi anni, hanno ricevuto un gran numero di rifugiati. La stessa cosa è successa nei villaggi:

…. «Quando i Petroumiani sono venuti qui, Kotiss non li ha visti bene, non hanno sentito i loro nomi. Li chiamavano Harups, Tsimbles, Kufalas. I Kotisses non accettano affatto i minori asiatici “(SK, 86 anni, registrazione: 22/7/2002)

… “Giorno e notte a casa nostra, abbiamo parlato di Petroumi. Mio padre ha continuato a parlarci di Petroumi.” Fermati, padre, a parlare di Petrumi “Gli dissi.” Sì, figlio mio “, mi disse: “Finché non morirò. Parlerò di Petrumi”. Mio padre era un marinaio, era un capitano, cioè aveva una nave con vele, e andava a passare per nave e il suo cuore era lieto di vedere Petroumi . E qui di nuovo andò al castello e vide a Petroumi; perché sembra, capisci? E una volta che siamo andati con mio padre a Petroumi e ci ha mostrato la nostra casa. E ora ogni anno vado, non posso, Devo andare lì per caffè e sedermi e contemplare e pensare a dove vivono i miei genitori e i miei nonni, perché mio nonno era il commissario di San Giorgio, l’Alto Commissario, e lo hai imbiancato … “(GG, 75 anni, Registrazione: 12/5/2002.

…. «Il loro livello è più alto dei KO e hanno un ampio morale. Hanno portato la cultura, portarono commercio, portarono arte, la tenevano, perché i koo erano più popolari rurali, erano coinvolti nell’agricoltura. Quando vengono qui, sentono di poter intervenire nella popolazione locale con posti di lavoro, con nuove professioni, con operazioni che i koos non conoscono.

Narrato da Petroumiani, 87 anni) [Καταγραφή: Κως, 12 Μαΐου 2002]

“Pietra di pietra che nasce

Ancora una volta nessun danno per te,

Lascia che venga il cristiano

per bere la tua acqua. “

N. Mylonas

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.