Nativo di Vysočina: 167 anni fa, KH Borovsk fu liberato da Bressanone. Al suo ritorno, non gli fu nemmeno permesso di andare a Praga e praticamente rinunciò alla sua vita Jihlavská Drbna News Company

Borová u Přibyslavi merita di essere orgoglioso dei famosi nativi. Questo è Karel Havlíček Borovsk. Un nome che di certo non ha bisogno di essere introdotto nel nostro Paese. In relazione a questo giornalista, scrittore e forse anche politico, commemoriamo oggi una giornata commemorativa: il 27 aprile 1855, esattamente 167 anni fa, KH Borovsk fu rilasciato da Bressanone, nome tedesco di Bressanone, dove fu deportato con la forza prima del Natale del 1851. Finì per trascorrere quattro anni in un esilio indesiderato, segnandolo per il resto della sua vita.

Karel Havlíček Borovský, vero nome Karel Havlíček, nacque il 31 ottobre 1821 a Borová vicino a Přibyslav. Questo giornalista, scrittore, poeta e politico ceco è considerato il fondatore del giornalismo, della satira e della critica letteraria cechi. Letteralmente, è classificato come realista e politicamente appartiene alla seconda generazione del risveglio nazionale. Il soprannome “Borovsk”, che usa spesso per firmare i suoi articoli, deriva dalla sua città natale, Borová.

All’età di ventotto anni, Karel Havlíček Borovsk era all’apice della sua fama e influenza politica. Possiede il più grande quotidiano ceco, è famoso, ammirato e materialmente garantito. Ma ogni medaglia ha due facce, ed è chiaro che le sue critiche al re e alla società non saranno tollerate a lungo. Due anni dopo, Havlíček decise di vivere in isolamento e di essere meno coinvolto socialmente. Tuttavia, è ancora una spina nel fianco dei politici austriaci.

Havlíček .Casa

Pertanto, all’inizio di dicembre 1851, il ministro Bach raccomandò all’imperatore Francesco Giuseppe I di deportare Havlíček a Salisburgo. Ma non era una punizione per l’imperatore, perché Salisburgo era una città importante. Decise che Havlíček sarebbe andato in Alto Adige, a Bressanone.

“Devi fare i bagagli.”

“Dovresti fare le valigie. Fuori fa freddo e sarà una lunga strada.” Erano circa le tre del mattino quando il commissario di polizia Franz Deder e due agenti di polizia chiesero a Havlíček di seguirlo. Il 16 dicembre 1851 viene ricordato a lungo il fondatore del giornalismo, della satira e della critica letteraria ceca. Odiava persino questo appuntamento; quel giorno fu separato con la forza dalla sua famiglia, dal lavoro e dal futuro.

Detenzione di KH Borovsk 16.12.1851, fonte: Museo Havlíčkův Brod

Quando Karel Havlíček Borovsk era un bambino, andò in vacanza nella parrocchia di Batelov nella regione di Jihlava. Sua zia era la governante della parrocchia lì. Non solo compose una delle sue poesie nel villaggio, ma la chiamò persino Dumka sulla collina di Batelov.

Altro a Batelov

Anche Karel Havlíček Borovský è tornato al Batelov in un altro momento, anche se in circostanze meno favorevoli. La ruota della carrozza dove fu portato in esilio a Bressanone era rotta. Alla fucina locale dovette riposare prima che il fabbro mettesse la ruota. In quell’occasione, il famoso scrittore riuscì a ricongiungersi a breve con il suo amico, il sacerdote locale Jan Slavík. Ma poi seguì l’esilio.

Lì Havlíček ha sofferto principalmente mentalmente. Nonostante il fatto che sua moglie Julie e la figlia Zdeněk siano andate a trovarlo e insieme abbiano affittato una bella casa con giardino, gli è stato pagato un affitto mensile di 400 monete d’oro e ha mangiato in un ristorante, non era soddisfatto. Poteva ancora sentire la sorveglianza della polizia dietro di lui e la sua corrispondenza.

Bressanone (Bressanone Italia, in ladino Persenon o Porsenù) è il terzo comune della provincia autonoma italiana di Bolzano (Alto Adige) con una popolazione di oltre 20.000 abitanti. Per la maggior parte degli abitanti delle città, la lingua madre è il tedesco. La città di Bressanone è il centro storico, artistico, culturale, economico, sociale e amministrativo della Valle Isarco. Nei circoli cechi, Bressanone è conosciuta principalmente come l’esilio di Karel Havlíček Borovský nel 1851–1855.

Lo stress mentale si riflette anche nell’opera di Havlíček, la composizione autobiografica dell’Elegia tirolese, in cui descrive arresti e deportazioni. In altre opere, il Re di Lavra e il Battesimo di S. Vladimir, attacca la reazione e l’assolutismo laici ed ecclesiastici. La cosa peggiore per lui era il fatto che era lontano da tutto, e che anche sua moglie, Julie, era partita e soffriva di tubercolosi in crescita.

Solo dopo che Havlíček ha firmato un accordo sul fatto che non avrebbe continuato le sue attività è stato rilasciato in Boemia dopo quattro anni di purificazione. Tuttavia, non gli è stato permesso di attraversare il confine di Německý Brod, ha anche sbarrato Praga, dove i suoi nonni hanno cresciuto la figlia dopo la morte della moglie. Nel complesso, il suo soggiorno a Bressanone lo ha aiutato a rinunciare alla sua vita. La morte della donna, la separazione dalla figlia e il divieto del suo amato lavoro hanno peggiorato la sua salute. Morì di tubercolosi all’età di 34 anni.

Dieci fermate di memoria

In onore di questa famosa personalità, ha condotto il percorso educativo di Batel Seguendo le orme di Karel Havlíček Borovsk. La lunghezza totale del percorso è di circa 4,5 chilometri e sono previste 10 fermate.

Il percorso inizia a Batelov vicino all’ex sinagoga. Da qui conduce a via Dlouhá, dietro l’antico castello, i giardini del castello, attraverso il fiume Jihlava, oltre lo stagno Zámecký, dietro il quale gira il traffico verso la stazione ferroviaria. Quindi proseguire per circa 400 m lungo la pista, quindi svoltare a destra per tornare a Jihlava, oltrepassare il parcheggio e proseguire a destra lungo via Tovární fino alla fermata dell’autobus Batelov, Motorpal. Qui è collegato alla strada II / 402, girare a sinistra, dopo circa 400 m sulla strada a destra e lungo la strada forestale oltre Vršek per tornare a Batelov attraverso la colonia di giardinaggio. A Batelov, si apre su via Lovětínská, girare a destra e dopo un po’ a sinistra su via Pod Pařízkem, che la attraversa fino a Piazza della Pace con la Chiesa di Santa. Pietro e Paolo, dove finisce.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.