Nessun aiuto tedesco per l’Italia: questa ipocrisia deve finire

Quasi tre settimane fa, politici di spicco dell’Unione e della SPD hanno lanciato per l’ultima volta un appello per maggiori aiuti ai rifugiati nel Mediterraneo. Ora anche la Germania ha deluso di nuovo l’Italia.

Con l’aumento del numero di navi di profughi nel Mediterraneo, la credibilità politica della Germania è diminuita. Politici locali italiani come Salvatore Martello, sindaco di Lampedusa, hanno lanciato di nuovo l’allarme dall’inizio di maggio. Più barche arrivano con più persone. Ma le loro richieste di aiuto sono svanite, il governo federale per ora non ha voluto portare persone in Germania e ha lasciato l’Italia nei guai, ancora una volta.

A metà maggio, più di 2.000 persone avevano raggiunto l’isola mediterranea di Lampedusa in 24 ore. Il governo italiano conta circa 13.000 migranti sbarcati, più del triplo rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Ma l’Europa guarda dall’altra parte, preoccupata dalla pandemia di coronavirus. Anche l’Unione e la Spd sono ciechi.

Sindacato e SPD non ritengono necessario un aiuto

Gli appelli per una maggiore solidarietà con i paesi mediterranei sembrano solo più forti in Europa quando meno persone stanno attraversando il Mediterraneo. Ora che le persone praticano l’ignoranza, tuttavia, ci sono importanti elezioni in arrivo e il governo federale potrebbe temere che l’AfD diventi più forte attraverso l’ammissione dei rifugiati. Le vittime di questa politica sono stati i lampedusani e, soprattutto, le persone che hanno attraversato il Mar Mediterraneo con grande rischio. Soffrono di condizioni inadatte per l’Unione europea.

I politici dell’Unione e della SPD stanno cercando di mettere in prospettiva il problema: “Si tratta di un miglioramento significativo rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, ma certamente nulla che l’Italia stessa non possa superare”, ha detto il deputato del gruppo parlamentare dell’Unione Thorsten Frei (CDU ). ). In Germania, a fine aprile erano state presentate le prime 38mila domande di asilo. Non ha ritenuto necessario un meccanismo di emergenza. “In questo contesto, è esclusa anche la partecipazione tedesca”. Anche il portavoce del gruppo parlamentare SPD, Lars Castellucci, per le politiche migratorie, ha dichiarato: “Al momento non c’è bisogno di sostegno”.

Nessuna solidarietà, ma doppia morale

I profughi che arrivano in Italia sono solo la punta dell’iceberg. Lampedusa ha solo una capacità molto limitata, l’allerta è più legata all’ora legale, quando il numero di persone in fuga di solito aumenta in modo significativo – gli esperti avvertono di barche più piene e ancora più persone quest’anno. Tuttavia, è stato necessario bruciare prima un campo profughi in modo che l’Unione e la SPD sentissero le condizioni critiche. Politica sostenibile? Solidarietà europea? Non.

I doppi standard dei partiti di governo tedeschi sono difficili da sopportare. Nemmeno tre settimane fa volevano prendere sul serio questa faccenda. “Sostanzialmente crediamo che l’Italia non possa essere lasciata sola con questa situazione”, ha detto il ministro degli Esteri Heiko Maas (SPD). Il ministro dell’Interno Horst Seehofer (CSU) ha dichiarato: “Dobbiamo fare qualcosa per non tornare a proporzioni discutibili”. Ora l’aiuto viene negato e il problema viene minimizzato.

La stupidità deve essere fermata

In effetti, la politica migratoria è ancora una spaccatura nell’UE e molti paesi non vogliono avere niente a che fare con meccanismi di distribuzione equa. È un peccato per la comunità europea, che si considera anche un’alleanza di valori. Questi valori sembrano essere stati sepolti sotto le ceneri del campo profughi in fiamme a Moria.

La Germania ha accolto un numero relativamente elevato di rifugiati e giustamente vuole impedire ai suoi partner europei di fare sempre affidamento sul governo federale per le questioni migratorie. Ma la soluzione è non lasciare che in Europa rispondiamo a questo problema con l’ignoranza. Soprattutto quando si tratta di vita umana.

La questione migratoria deve ora essere rimessa al più presto nell’agenda dei capi di Stato e di governo europei. La solidarietà reciproca non dovrebbe essere una strada a senso unico nell’UE, paesi come l’Ungheria e la Polonia devono imparare a capirlo. L’UE deve dimostrare di essere più di una confederazione che raccoglie le ciliegie. Altrimenti, è incredibile.

Segnale sbagliato da Andreas Scheuer

Anche la Germania ha un importante modello di ruolo. L’anno scorso si consideravano gli artefici di una coalizione volenterosa. Ma in un anno elettorale, con appelli e avvertimenti in ritardo, il governo federale non è disposto ad agire. Al contrario: è stato il ministro dei trasporti Andreas Scheuer (CSU) a modificare deliberatamente l’ordinanza tedesca sulla sicurezza delle navi in ​​modo tale che il lavoro per le organizzazioni di soccorso marittimo diventasse molto difficile e costoso. Non è solo un segnale e un grano fatali per i mulini per gli scettici sulla migrazione in Europa, ma sta anche mettendo a rischio vite umane.

Al governo federale non è più permesso di costruire verbalmente bastioni morali in aria. I consigli dei funzionari di governo vanno bene, ma alla fine sono le azioni, non le parole, che contano.

Una cosa è certa: venerdì l’Unione e la Spd si sono rifiutati di aiutare l’Italia, nonostante una richiesta della Commissione dell’Unione europea. Ciò significa che la Germania non è all’altezza dei propri standard. Questa ipocrisia deve finire.

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.