“Non sono d’accordo con quello”

Matteo Brandt: Per quanto posso giudicare da me stesso, non ho mai sentito di essere meno libero prima. Ma è stata la decisione giusta interrompere il mio personaggio seriale dopo sette anni e 15 casi.

Quindi è una pura coincidenza che tu abbia poi rilevato Gantenbein nel Berliner Ensemble o ora è una satira come “King of Stonks” per Netflix?

Potresti vederlo come una catena molto più causale di me. Questa versione che suggerisci richiede un piano e la maggior parte delle volte non ne ho uno. Come attore, dipendi dalle persone giuste che chiedono al momento giusto.

Pazzo: Matthias Brandt non è mai stato così prima. (Fonte: Netflix)

Quindi è tutto per me. Ci devono essere colleghi che lo gestiscono in modo completamente diverso. Non ho mai pianificato una carriera in vita mia e non so nemmeno come.

È per questo che sei così raramente visto in ruoli comici?

Sono un attore di teatro da molto tempo e ho fatto molte commedie. Questa impressione potrebbe avere a che fare con le categorizzazioni utilizzate nei film e in televisione e in cui ottieni una foto di un attore e pensi che possa fare solo una cosa. Sono la persona sbagliata per rispondere a questa domanda per te. Dovresti chiedere alle persone che mi hanno dato il ruolo.

Ma puoi farmi sapere se ti piacerebbe apparire di più in una produzione divertente.

Vieni a vedere. A volte le persone hanno bisogno di una spinta come il King of Stones e forse ora le cose stanno cambiando. Ma ho anche preso parte alla “pulizia della scena del crimine”, che andava nella stessa direzione – e si è scoperto che di conseguenza non era cambiato molto.

Ti piace essere divertente?

Sì, mi piace scherzare. Io sempre.

Nel tuo ultimo ruolo, hai interpretato un capo arrogante e esagerato di nome Dr. Magnus Cramer e ha detto del personaggio: “Sono attratto dalle persone che vogliono potere, che hanno potere e che perdono potere”. Perché davvero?

Penso che abbia un grande potenziale drammatico. Soprattutto l’ultimo punto che hai appena menzionato: le persone che rischiano di perdere il potere. Questo è solo il materiale di gioco ideale. Questo si può osservare nei film, ma soprattutto nella vita…

I boss perderanno il loro potere?

Quasi tutti quelli che conosco hanno avuto qualche esperienza con i capi. Ci sono buoni e non così buoni. E ho visto alcune di queste specie, negli anni in cui sono stato qui, che si divertono davvero a gestire altre persone. È una qualità che di solito sono riluttante ad avere, ma è sicuramente un buon materiale di gioco. Ecco perché mi piace fare il capo.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.