Opportunità di creare una “squadra del Sud” – Notizie – notizie

Il Nord Europa aveva un “Gruppo dei Cinque Parsimoniosi”, che si era sviluppato nella “Nuova Lega Anseatica”. Gli europei dell’Est fondarono il “Gruppo di Visegrad”. Tutto in modo informale ovviamente. E i meridionali? Il non cooperativo. Anche la competizione tra loro. La Gran Bretagna ha lasciato l’Unione Europea, ma si può dire che ha lasciato le sue vecchie pratiche anglosassoni come eredità politica “dividere e conquistare”.

Tuttavia, Francia, Grecia, Spagna, Italia e Portogallo hanno un’opportunità unica di condividere e sviluppare interessi comuni e identiche aspirazioni nazionali all’interno dell’UE, agendo non in modo divisivo (come molti si aspetterebbero), ma come coeso e solidale (come molti si aspetterebbero ). cosa faranno). paura) per l’integrazione europea.

Nuova pressione su Atene per la fornitura di attrezzature all’Ucraina

Dinamica

L’opportunità di formare un “gruppo del sud” è stata data ai cinque paesi sopra menzionati dalle dinamiche di cooperazione che sembravano svilupparsi durante i due anni della crisi sanitaria, secondo un rapporto congiunto di sei gruppi di riflessione dell’Europa meridionale, tra cui la Grecia ELIAMEP. Anche la guerra in Ucraina ha messo in luce il potenziale di cooperazione e gli effetti positivi di tale cooperazione sul bene comune dei “cinque meridionali” e dell’Unione europea nel suo insieme.

Affinché questa dinamica si concretizzi, ovviamente, sono necessari i paesi dell’Europa meridionale “Sfruttare una certa affinità ideologica e una comune visione europeista che hanno, nonostante il loro governo provenga da un gruppo politico diverso”come di solito si legge nella relazione.

Le differenze significative in termini di dimensioni, potere economico e interessi nazionali di ciascun paese nel campo della politica estera rendono il gruppo dei paesi dell’Europa meridionale molto eterogeneo.

Interesse comune

Inoltre, va notato che la sola crisi del debito europeo non ha funzionato in modo coerente per i governi di Parigi, Atene, Roma, Madrid e Lisbona. Il destino comune del memorandum, che alla fine è stato imposto “solo” in Grecia, Spagna e Portogallo, invece di unire, ha diviso i paesi dell’Europa meridionale, che sembravano voler solo liberarsi delle “macchie”, rimaste in nelle mani del più debole e potente governo ateniese, finanziariamente e politicamente vulnerabile.

Tuttavia “I cinque paesi hanno interessi comuni in settori quali la politica fiscale e la governance economica, l’autonomia strategica nel campo dell’energia e della tecnologia e persino nelle loro priorità di politica estera, in particolare nel Mediterraneo. e nei loro rapporti con le altre potenti potenze del mondo” notano ricercatori di sei gruppi di riflessione – oltre alla Fondazione ellenica per la politica estera e europea, lo studio ha coinvolto l’Institut Francais des Relations Internationales (IFRI) francese, l’Istituto Affari Internazionali (IAI) italiano, il Centro per gli affari internazionali di Barcellona (CIDOB) e l’Instituto Elcano Real e il Portoghese Instituto Portugues de Relacoes Internacionais (IPRI) – NOVA.

Approccio

L’approccio generale dell’Europa meridionale è stato recentemente visto in gravi crisi, come la pandemia e le conseguenti crisi economiche. Mostra anche nella crisi ucraina la posizione generale dell’Europa meridionale in termini di sostegno a Kiev e sanzioni contro Mosca.

Soprattutto, tuttavia, il rispetto dei principi dell’UE è comune tra i paesi dell’Europa meridionale”.Qualcosa che non si trova in altre parti del continente”come rilevato nel rapporto – e il riferimento a un indiretto ma evidente diluizione, in quanto si discosta notevolmente dai principi e dai valori europei, il comportamento degli stati “neoilluminati” dell’Europa orientale.

Promozione di fonti energetiche alternative

Il cambiamento climatico è una minaccia e una necessità che i paesi dell’Europa meridionale possano trovare un terreno comune. La promozione delle fonti energetiche alternative nel soleggiato Sud, così come la promozione dell’idrogeno verde, sono aree eccellenti per la cooperazione congiunta tra i governi locali.

Zona di convergenza

La revisione “fatale” del quadro di governance economica dell’UE è un’opportunità per i paesi dell’Europa meridionale, poiché li aiuta a realizzare interessi comuni, affermano gli esperti di think tank. La guerra commerciale sino-americana, la pandemia e ora la guerra in Ucraina hanno causato gravi problemi economici e fiscali in Europa, “risveglio” dell’inflazione, crescita stagnante, contrazione del commercio internazionale e aumento del debito nazionale e del deficit di bilancio dell’Europa.
“I paesi dell’Europa meridionale hanno un chiaro interesse a collaborare per coordinare le loro posizioni nei prossimi negoziati sulla revisione del quadro di governance economica in settori quali l’introduzione di nuove regole di bilancio, la sostenibilità del debito pubblico, l’adozione di una stabilizzazione congiunta all’interno l’UE (o nell’UE).Eurozona) e l’autofinanziamento europeo delle risorse”.

L’Europa e il mondo intero

Rimarrà la convergenza sui temi chiave della politica della sicurezza e dell’ambiente all’interno dell’Unione Europea, ma anche tra i Paesi del Sud. Il rapporto di sei gruppi di riflessione ha citato come esempio il diverso approccio dei governi europei sull’ambiente nei confronti della Turchia, “una questione che pone grandi sfide alla Grecia in termini di sicurezza nazionale”. Le preoccupazioni per la sicurezza, come la recente necessità dell’indipendenza energetica dell’UE dal gas russo e la gestione dei flussi di rifugiati più anziani, sono sfide importanti e comuni per i paesi del sud, osservano i ricercatori.
La promozione dell’autonomia strategica dell’Europa non significa un ritiro simultaneo dalla NATO, ma è vista come complementare, secondo il think tank. “I paesi dell’Europa meridionale condividono una posizione simile sulla futura ‘unione geopolitica’ immaginata dalla presidente dell’UE Ursula von der Leyen”. Oltre a “condividere una visione comune” per il ruolo che l’UE dovrebbe svolgere nel mondo.
Ma cosa suggeriscono gli esperti del Sud? Al fine di stabilire e mantenere un approccio coerente da parte degli Stati del Sud alle questioni europee e internazionali, i loro governi dovrebbero approfondire la loro cooperazione in incontri congiunti, che saranno raggiunti sistematizzando più relazioni bilaterali e intensificando le relazioni bilaterali. dialogo per il consolidamento di posizioni comuni e la promozione di nuove proposte politiche comuni ai partner dell’UE”, hanno sottolineato. Perché “su un numero crescente di questioni, la visione del Sud Europa sta diventando il centro dell’Unione europea”. “I paesi della regione devono cambiare la convergenza del loro sviluppo in una maggiore influenza negli affari europei attraverso una più stretta cooperazione politica tra i loro governi”.

Lo sfondo del suo ritorno a Kiev e le opinioni del ministro degli Affari esteri Maximos

Seguire in Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità
Vedi tutte le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, da

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.