Sciare in Italia non è stato un ostacolo. L’ascensore è iniziato da qualche parte

Ad esempio sono già aperte le località del Passo Tonale o del ghiacciaio Val Senales/Val Senales. Obereggen, Plan de Corones, Alpe di Siusi e Val Gardena, tra gli altri, apriranno il prossimo fine settimana.

Naturalmente, l’azione è prevista durante la stagione in Italia: i visitatori devono fornire la prova della vaccinazione, il test negativo o la conferma della malattia. Questo è spesso necessario quando si acquistano biglietti per lo sci online. È proprio l’acquisto degli skipass a domicilio che dovrebbe evitare che si formino code al botteghino.

L’innovazione dovrebbe aiutare

In Trentino gli skipass saranno pronti per i visitatori alle reception degli hotel dopo lo shopping online e, secondo i rappresentanti della regione, l’innovazione sta giocando un ruolo chiave in questa stagione.

I commensali non devono temere in anticipo nemmeno ai tornelli o ai ristoranti, dove è possibile entrare in una coda virtuale e stare in una coda reale solo quando è il tuo turno. Nella nuova App Dolomiti Superski è disponibile un’innovativa Skier Map, dalla quale è possibile leggere il numero di sciatori diretti a ogni singolo impianto.

I nuovi impianti di risalita e in particolare la funivia dovrebbero favorire un check-in più rapido. Dallo scorso anno, ad esempio, è pronta la funivia di Carezza con la sua stazione a monte sulla roccia. E il prossimo gennaio una “cabrio gondola” da 60 posti partirà da San Ciprian in Val di Tires per il Roseto di Frommer Alm.

Anche le ricostruite stazioni a valle di Valdaora I e II si distinguono per il loro design futuristico, trasportando gli sciatori al Plan de Corones da est di Valdaora. La cabinovia Kanzel a 10 posti ha sostituito la Pulpito a due posti di Solda, a partire dalla vigilia di Natale.

Aumentare e annullare i prezzi fissi

Gli operatori delle funivie consentono di utilizzare gli skipass non utilizzati delle due stagioni precedenti. I prezzi quest’anno sono cambiati poco rispetto alla scorsa stagione, meno del dieci percento. Uno skipass giornaliero per adulti costa da 54 a 67 euro (da 1.300 a 1.700 corone circa), a seconda del fuso orario della stagione.

Ma, ad esempio, il comprensorio sciistico di Campiglio Dolomiti in Brenta ha preparato una novità relativamente insolita. I prezzi degli skipass locali non sono fissi, i visitatori pagano solo ciò che realmente ottengono. Il metodo “pay-per-use” è adatto agli sciatori di tutte le categorie, anche a coloro che amano trascorrere il tempo sulle piste soggiornando al ristorante, prendendo il sole o rilassandosi alle terme. Non devono pagare gli skipass per l’intera giornata.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.