Senza il veto di Scholz, l’inferno del debito di Draghi e Macron si sposta in Europa

Analisi: senza il veto di Scholz, l’inferno del debito di Draghi e Macron si estende all’Europa

Lo hai fatto di nuovo! I capi di Stato di Italia e Francia chiedono una riforma della legge fiscale europea: più debito dovrebbe essere possibile nell’Ue. La Germania e il suo nuovo cancelliere sono ora sulla difensiva. Quanto tempo ancora?

Per i collegamenti in questa pagina, FOCUS Online potrebbe ricevere commissioni dai rivenditori, ad esempio per essere contrassegnato. Ulteriori informazioni

Ironia della sorte, sul “Financial Times” britannico, il primo ministro italiano Mario Draghi e il presidente francese Emmanuel Macron hanno fatto un altro tentativo di “ragionevole riforma” delle regole fiscali dell’UE. In un guest post condiviso, i due hanno delineato dove dovrebbe andare il viaggio. Il tuo consiglio per ridurre il vecchio debito: non si aumentano né le tasse né i risparmi, ma si crea semplicemente nuovo debito.

Sempre informato: coalizione semaforo sul ticker – Il governo conferma: Nagel è il nuovo presidente della Bundesbank e sostituisce Weidmann

“Abbiamo bisogno di più spazio di manovra e di una spesa abbastanza importante per il futuro per garantire la nostra sovranità”, hanno chiesto Macron e Draghi: se un paese si indebita per fare investimenti orientati al futuro, allora tale debito dovrebbe essere preferito. con regole fiscali. Tradotto, questo potrebbe significare che c’è completa libertà di indebitarsi per tutto ciò che ha a che fare con questioni future come la protezione del clima o la digitalizzazione nel senso più lontano.

La Germania ha tradizionalmente idee diverse sulle politiche di finanza sostenibile, in particolare per quanto riguarda le generazioni future o la stabilità monetaria.

READ  La nuova top di gamma Lamborghini sarà 12 cilindri e ibrida

Macron e Draghi: presi di mira nel vuoto di potere della Germania

Il Financial Times ha scritto di un “nuovo partner di potere per l’Europa” in primavera dopo che Draghi è stato nominato Primo Ministro d’Italia. Il nuovo asse Roma-Parigi, secondo il Financial Times dell’epoca, avrebbe sostituito il motore franco-tedesco.

Il presidente di Frankeich, Emmanuel Macron, sta deliberatamente spingendo nel vuoto di potere che la Germania offre da tempo sulla scena della politica estera. Dopotutto, la Grande Nation è una potenza nucleare fiduciosa e, insieme a Regno Unito e Germania, ha sempre rivendicato un ruolo di primo piano nell’UE. E dopo la Brexit, aumenterà il peso della Francia all’interno dell’Ue. Macron vuole fare punti anche con il pubblico e la stampa locale: le elezioni si avvicinano ad aprile 2022 – la battaglia per l’Eliseo è iniziata da tempo.

Draghi, che è stato primo ministro del 67esimo governo italiano dalla seconda guerra mondiale da febbraio, ha sorprendentemente guidato il suo governo tecnocratico e vuole dare al suo paese nuovo splendore e prosperità come primo ministro ad interim. Ma proprio come Macron in Francia, anche i populisti di destra sono al suo collo. Entrambi devono consegnare.

I due ora scrivono su “FT” che mentre “non c’è dubbio che dovremmo ridurre i nostri livelli di debito, non possiamo sperare di raggiungere questo obiettivo attraverso aumenti delle tasse o tagli intollerabili alla spesa sociale, né possiamo sopprimere la crescita attraverso vincoli di bilancio”. aggiustamento sfavorevole.” Il che significa che i livelli di debito non dovrebbero essere ridotti affatto.

Italia e Francia vogliono rinunciare ai criteri di Maastricht, che l’UE ha accettato nel 1992 su pressione del governo tedesco di Helmut Kohl. L’Accordo di Maastricht lo definisce per i bilanci nazionali dei membri dell’UE. Pertanto, il nuovo debito dei paesi membri non dovrebbe superare il tre percento e l’onere del debito totale non dovrebbe superare il 60 percento della produzione economica. A causa della pandemia di coronavirus e dei relativi prestiti agevolati, le attuali regole non si applicano più. Se dipendesse da Draghi e Macron, le cose potrebbero restare così.

READ  La terza votazione per il nuovo...

Dov’è l’iniziativa Maastricht Scholz?

Non c’è da stupirsi che Francia e Italia non tengano molto al governo di Maastricht: l’Italia è uno dei paesi con il più alto rapporto debito/PIL al mondo. All’interno dell’Unione Europea, la Grecia ha un rapporto debito/PIL più elevato, ma in termini assoluti solo un paese dell’UE è più indebitato dell’Italia: la Francia.

Ed entrambi i Paesi vogliono rinunciare a futuri tagli alle prestazioni sociali – per esempio, la pensione di 62 in Francia, o il beneficio del nuovo cittadino italiano di 780 euro. La Francia voleva estendere i vecchi privilegi piuttosto che limitarli e l’Italia alla fine voleva costruire un solido stato sociale. Essere debitore.

Internet da o2: DSL, cavo, LTE o 5G (display)

Il cancelliere Olaf Scholz deve trovare alleati affidabili all’interno dell’UE per prevenire un inferno del debito franco-italiano. Durante la sua visita a Roma lunedì, Scholz ha affermato che le regole di Maastricht sono “una buona base” e che il Patto di stabilità “ha mostrato molta flessibilità in passato”. Tuttavia, Scholz non dovrebbe consentire una maggiore flessibilità. È tempo che il Cancelliere ed ex ministro delle finanze tedesco rilasci una dichiarazione più vincolante su questo tema.

Le riforme del Patto di stabilità e crescita di Maastricht non devono portare a comprare la crescita a scapito della stabilità. Le unioni monetarie possono funzionare solo con regole rigide sui prestiti. Altrimenti, una persona lo paga specificamente nell’area dell’euro.

Un milione di dosi somministrate ogni giorno: ecco cosa ottengono i medici dalle vaccinazioni

opaco/