Ankara non è felice, Atena è preoccupata

Anche se i combattimenti in Libia si intensificheranno, la crisi alimentare che già sta colpendo il Paese peggiorerà e di conseguenza non si può escludere una nuova crisi dei rifugiati.

Foto di AP / Mohammed el-Shaiky

edizione cartacea

Con la situazione ucraina che ha modificato tutti i dati, uno dei problemi principali per la Grecia è quello di non diffondere la crisi in un focolaio di tensione nella regione sud-orientale dell’Unione Europea.

Atene si prepara diplomaticamente all’instabilità geopolitica di lungo periodo, caratteristica del periodo della Guerra Fredda, con tutti gli scenari aperti sull’esito della guerra in Ucraina. L’Ucraina ha cambiato la costante degli ultimi tre decenni nella rete delle relazioni USA-UE. – La Russia, ma anche la dottrina della Nato, che rientra in un confronto frontale con Mosca.

La prima questione, ovviamente, è la fine della guerra in Ucraina, ma quando e come sarà concluso l’accordo di cessate il fuoco è impossibile da prevedere, per non parlare di essere determinato dagli Stati dell’UE. L’iniziativa greca si concentra sulla protezione e la sicurezza della comunità greca, direttamente attraverso le organizzazioni internazionali per fornire assistenza ai civili ea medio termine attraverso l’UE. per la ricostruzione dell’economia quasi completamente distrutta di Mariupol.

crisi alimentare

Il secondo problema per Atene è quello di non diffondere la crisi in un focolaio di tensione nella regione sud-orientale dell’Unione Europea. e non sono pochi. In Libia, l’impasse nel processo di transizione politica si aggrava. L’impatto dell’impennata dei prezzi dei generi alimentari di base non si fa sentire solo in Libia, ma anche in Egitto, a cui si è appellato il FMI. Tuttavia, in Libia ci sono due governi ed è molto difficile prendere una decisione del genere, mentre le garanzie politicamente necessarie non esistono.

Anche la Siria rimane una fonte di preoccupazione permanente. Anche se i combattimenti si intensificheranno, la crisi alimentare che sta già travolgendo il Paese peggiorerà e di conseguenza non si può escludere una nuova crisi dei rifugiati, anche se la Turchia ha completato la barriera di confine. Inoltre, guarda caso, non è escluso che Ankara ricoprirà nuovamente il ruolo di pressione dei profughi nell’UE, poiché le discussioni sull'”agenda positiva” non si sono sviluppate e il disagio della Turchia è stato espresso nell’incontro tra T. Erdogan e Foreign I contatti del Ministro M. Tsavousoglou con i colleghi omologhi europei.

Inoltre, i rapporti da Bruxelles secondo cui la Commissione europea sta rivedendo tutti i piani di interconnessione per le energie alternative, compreso il Mediterraneo orientale, nonché i nuovi piani per Egitto e Libia, destano sospetti ad Ankara. Erdogan ha chiarito all’UE che vuole un ruolo nella nuova mappa energetica. Il ministro dell’Energia turco F. Donmez è in contatto con il suo omologo israeliano K. Elharar per presentare una proposta per la costruzione di un gasdotto. Quando saranno discussi nell’UE? tutti questi piani e su quali basi non sono chiari. Ankara ha ricevuto un messaggio simile dal nuovo quadro di difesa e sicurezza discusso nell’UE. a livello di Ministro degli Affari Esteri e della Difesa.

Riunione di Erdoan

A margine del vertice della NATO, Erdogan ha incontrato il presidente francese E. Macron. Non ha avuto luogo un incontro privato con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. La delegazione turca ha incontrato la delegazione italiana guidata da M. Draghi, con l’obiettivo di riorganizzare lo schema di cooperazione italo-francese-turca. Per quanto riguarda la decisione della NATO di rafforzare il fianco orientale, l’accettazione di Ankara è fredda, poiché Bulgaria e Romania avranno un ruolo rafforzato. Nella sua dichiarazione sul volo di ritorno, Erdogan ha annunciato un incontro con il presidente ucraino V. Zelensky e una comunicazione con il presidente russo. mettere in. In tema di sanzioni, ha ribadito che “la porta della Turchia è aperta per le aziende russe”.

Nei Balcani occidentali, per ora, le preoccupazioni di Atene si stanno attenuando, con gli interventi statunitensi in Albania, Serbia e Kosovo che evitano mosse provocatorie nelle decisioni della Bosnia e dell’UE. per rafforzare la forza di pace. Allo stesso tempo, si sta valutando la possibilità di nuove iniziative diplomatiche contro Sarajevo e la parte serbo-bosniaca per normalizzare la situazione politica, poiché non si prevede che Mosca abbia un’influenza decisiva sugli sviluppi.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.