Anno nuovo senza Merkel – L’Europa cerca la leadership

Il 2022 sarà il primo anno senza Angela Merkel alla “capo” della leadership europea, con gli analisti che prevedono che tre politici stanno discutendo per la sua successione, ma avvertono anche che la speranza rischia di essere delusa.

Dopotutto, attualmente si ritiene possibile che nessuno attualmente abbia la capacità di guidare da solo, viste le sfide che l’UE deve affrontare: lo stato di diritto, il rischio di emarginazione geopolitica e le conseguenze della Brexit.

Angela Merkel ha sigillato l’Europa implementando la gestione della mitigazione e contribuendo così a mantenere la coesione attraverso la lunga serie di crisi che l’Unione ha subito

“E’ considerato il leader de facto dell’Unione Europea e del mondo libero”, ha detto Sebastian Reiche, professore all’Università IESE di Navarra.

Secondo un recente sondaggio del think tank European Council on Foreign Relations, il 41% degli europei voterebbe, se potesse, per Angela Merkel come presidente europeo, rispetto a solo il 14% per Emanuel Macron.

Opportunità per Macron

Al presidente francese è stata offerta l’opportunità con un trampolino di lancio dal semestre di presidenza francese dell’Unione europea, che Parigi assumerà dal primo gennaio.

La partenza della Merkel “potrebbe dare una possibilità alla visione della Francia per l’Europa di dispiegarsi”, un’ambizione che Emanuel Macron ha avuto da quando è arrivato al Palais des Champs-Elysees, secondo un’analisi di Alexandre Robinet-Borgomano pubblicata dall’Istituto Montaigne.

“Il presidente Macron sta guidando la corsa” per la leadership europea, “in un momento in cui i suoi sforzi spontanei per dare all’UE una chiara visione politica sono finora rallentati”, ha scritto Helen Thompson, professoressa dell’Università di Cambridge, in un recente articolo. sul New York Times.

READ  Da Ravenna a Piada

Super Mario

In questo contesto, l’accordo franco-italiano che ha firmato con Mario Draghi non è passato inosservato, in un momento in cui si stanno formando nuove alleanze nell’Europa post Brexit.

Inoltre, il presidente del Consiglio italiano, dopo il suo simbolico viaggio dalla Banca centrale europea, è considerato anche un potenziale candidato alla leadership europea.

“Mario Draghi può colmare il vuoto lasciato da Angela Merkel come costruttore di consenso ‘nell’Ue’ e, contrariamente all’approccio della Merkel, possiamo introdurre nuovo dinamismo all’integrazione europea nei settori economico e della difesa”, ha affermato Nicoletta Pirozzi, di il think tank Istituto Affari Internazionali di Roma.

Tuttavia, è probabile che Mario Draghi passi alla Presidenza italiana nel 2022.

E il presidente francese ha davanti un anno difficile, dovendo affrontare le elezioni presidenziali in primavera con esiti incerti.

In questo modo la Francia potrebbe essere assorbita da problemi di politica interna che ostacolerebbero lo sviluppo della grande visione dell’Europa.

“Grande Svizzera”

E Olaf Solz? In Germania, chiamata “Grande Svizzera” per il suo impegno per la prosperità economica e la sua distanza dalle grandi questioni internazionali, c’è una tendenza al cambiamento.

“Vogliamo aumentare la sovranità strategica dell’Unione europea” e difendere meglio “gli interessi comuni dell’Europa”, ha affermato in una nota il nuovo governo di coalizione.

Ma perché ciò accada, il successore di Angela Merkel dovrà rompere con il “merkelismo”, una “diplomazia” che cerca costantemente compromessi, aspetta nella crisi e dà priorità agli interessi finanziari, anche quando si tratta di relazioni con regimi autoritari come la Russia. e Cina.

Perché questo sistema sta raggiungendo il suo limite. “Non sopravviverà alla partenza della Merkel perché non consente soluzioni vincenti ai problemi europei, come le pandemie, i cambiamenti climatici e la competizione geopolitica internazionale”, secondo un’analisi di Piotr Buras e Jana Puglierin all’ECFR (European Council on Foreign Relations) .

Europa senza testa?

Emanuel Macron, il più radicale sostenitore delle soluzioni, è il favorito del momento?

READ  Elezioni presidenziali in Italia: calano le possibilità di Draghi

“Anche se la leadership di Macron rimane una possibilità (…) è improbabile” a causa delle difficoltà che dovrà affrontare nel consolidare le alleanze necessarie, ha avvertito il professor Sebastian Reiche. Parigi (e non Berlino?) era, a suo avviso, sospettata di voler usare l’Europa per difendere i propri interessi.

Helen Thompson era ancora più pessimista.

“L’Unione europea è stata indebolita dalla rivalità tra Stati Uniti e Cina, è profondamente divisa al suo interno e non può avere una leadership attuale, nessuno sarà la nuova ‘Mrs. Merkel'”, ha affermato il professore di Cambridge.

“La realtà, francamente, è che né il cancelliere tedesco né il governo francese possono guidare l’Europa (…) e, in assenza di leadership, l’Europa è diretta verso la stagnazione”, ha affermato.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.