Conosci queste cinque isole italiane?

Nel complesso, Ponza mantiene un ritmo rilassato. Gli yacht appariscenti sono rari e mentre ci sono molti negozi lungo i due livelli lungo il porto, non troverai una sfilata di negozi di lusso internazionali lì. Ma c’è un lusso per gli occhi mentre il sole tramonta sul porto.

Se sei fortunato e prendi uno dei tavoli sul muro del porto “Bar dei Pesci”, hai una splendida vista sul porto e sulle facciate colorate delle case. Non c’è da stupirsi che, secondo la leggenda, Ponza fosse la dimora della maga Circe, che aveva stregato Ulisse.

Giglio al posto dell’Elba

Mari verde smeraldo, tanta natura incontaminata e un seducente mix di colori e profumi fanno di quest’isola al largo della costa toscana un vero gioiello da scoprire. Non si tratta dell’Elba, sempre più colpita dal turismo di massa, ma di un’isola molto più piccola chiamata Giglio.

L’isola è un paradiso per gli escursionisti con numerosi percorsi escursionistici che conducono attraverso una macchia profumata e un mare di fiori colorati e scorci panoramici spettacolari. Ora ci sono quasi 30 percorsi per tutti i livelli di difficoltà sull’isola scarsamente popolata. Alcuni di questi sono vecchi “mulatti”, le tracce degli asini che la gente del posto usa per spostarsi tra i luoghi.

A chi credeva di essere sbarcato in un luogo deserto e arido sarebbe stato insegnato il contrario a Giglio Porto. L’unico porto dell’isola è caratteristico e vivace, come si potrebbe pensare a un porto. Vivaci stradine fiancheggiate da case colorate fiancheggiate da caffè, ristoranti e gelaterie.

Vacanze al Giglio: in quest’isola italiana, gli escursionisti in particolare possono trovare i propri soldi. (Fonte: Runner, Panthermedia/imago-images-pictures)

Le cose sono un po’ più tranquille a Giglio Castello, che si erge alto sulla montagna a 405 metri. Nulla sembra essere cambiato lì da secoli e anche i viaggiatori più indaffarati cadono nei ritmi più rilassati dell’isola.

Ancora non senti l’isola? Allora andiamo in spiaggia. Campese, Cannelle e Arenella sono i nomi delle spiagge più famose dell’isola.

Burano invece di Venezia

La città lagunare geme da anni sotto il peso dei suoi visitatori. Afflitta dalle navi da crociera e afflitta dai viaggiatori quotidiani, l’isola sta davvero lottando per sopravvivere. Perché non visitare Burano, il suo fratellino poco lontano?

Carico…

Carico…

Carico…

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.