Il governo italiano sta valutando un nuovo decreto per contenere l’elevata inflazione

Il governo sta studiando nuovi decreti per frenare l’aumento dell’inflazione e dei prezzi dell’energia, assicurando che gli aumenti dei prezzi non pesino sui salari, ha annunciato il presidente del Consiglio Mario Draghi dopo un incontro con i sindacati martedì (12 luglio) a Palazzo Chigi.

“Dobbiamo agire per sostenere i posti di lavoro, affrontare la disuguaglianza e mantenere pensioni e salari”, ha detto Draghi ai giornalisti.

Da gennaio il governo ha in programma un intervento da 33 miliardi di euro per proteggere famiglie e lavoratori dall’aumento dei costi che erode il potere d’acquisto.

Se il governo di unità nazionale supererà l’attuale fermento politico, entro fine luglio sarà pronto un nuovo decreto.

Il rapporto annuale dell’Istituto nazionale delle assicurazioni sociali (INPS), presentato lunedì, ritrae una preoccupante povertà dei lavoratori.

Un italiano su 3 guadagna meno di 1.000 euro al mese e 4,3 milioni di italiani guadagnano meno di 9 euro all’ora. Mentre produttività e occupazione sono tornate ai livelli del 2019, la disuguaglianza è in aumento.

In Italia non esiste un salario minimo, quindi non tutti i lavoratori beneficiano di contratti collettivi.

Ma Draghi ha rilanciato il salario minimo. Ha affermato che il governo ha mostrato la sua intenzione di passare a una direttiva sul salario minimo che sarà discussa dal Parlamento europeo.

Prima di discutere il nuovo decreto in Consiglio dei ministri, ci sarà un altro incontro con i sindacati.

“La soluzione su cui stiamo lavorando, che ha raccolto il consenso iniziale, è quella di fissare salari minimi in ciascun settore per negoziazioni migliori e più ampie”, ha affermato Andrea Orlando, segretario al lavoro e alle politiche sociali.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.