Il primo ministro Orban vuole che le sanzioni contro la Russia siano revocate entro la fine di quest’anno


Primo ingresso: giovedì 22 settembre 2022, 20:13

Ungheria: il premier Orban vuole revocare le sanzioni alla Russia entro la fine dell'anno

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán, critico frequente delle sanzioni dell’UE contro la Russia, vuole che siano revocate entro dicembre e avvierà presto “consultazioni nazionali” sulla questione.

In una riunione del partito al governo di Fidesz, Orbán ha invitato i suoi sostenitori “a fare tutto il possibile per garantire che l’Europa elimini le sanzioni entro la fine di quest’anno”, ha riferito il quotidiano filogovernativo Magyar Nemzet, mentre Bruxelles sta valutando l’imposizione di nuove misure. .

Il governo ha confermato le informazioni riportate in questo rapporto, secondo AFP.

Allo stesso tempo, Fidesz ha annunciato che avvierà le consultazioni pubbliche, un metodo che il governo utilizza dal 2015 per denunciare, ad esempio, le politiche dell’UE in materia di immigrazione. Il questionario che gli ungheresi saranno chiamati a compilare darà loro “l’opportunità di esprimere la propria opinione su questo tema”, ha spiegato ai giornalisti Mate Kocsis, capo del gruppo parlamentare del partito. “Non è normale che le sanzioni siano decise esclusivamente dall’élite di Bruxelles”, ha aggiunto.

Orban, che ha cercato di mantenere stretti legami con il Cremlino, ha costantemente criticato la strategia dell’UE, che secondo lui ha conseguenze disastrose per l’economia. L’Ungheria sta affrontando un’inflazione elevata e timori per la carenza di energia questo inverno poiché fa molto affidamento sugli idrocarburi russi. Orban ha votato a favore delle sanzioni precedenti, ma è riuscito a esentare il suo paese dal petrolio che riceve attraverso l’oleodotto, negoziando anche un accordo con la russa Gazprom per ulteriori forniture di gas.

I ministri degli Esteri dell’UE hanno tenuto una riunione di emergenza questa mattina a New York, a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, per discutere una nuova serie di sanzioni contro Mosca. Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjártó ha detto all’incontro che il rafforzamento delle sanzioni “aggraverebbe solo le difficoltà”.

“L’Europa sta soffrendo più della Russia per le restrizioni imposte a causa della guerra in Ucraina”, ha detto all’inizio di questa settimana, chiedendo l’abbandono dei piani per imporre un ottavo pacchetto.

Ultimo aggiornamento: giovedì 22 settembre 2022, 20:13

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.