La Grecia e altri 55 paesi stabiliscono le regole per il funzionamento di Internet

Gli Stati Uniti e altri 55 paesi hanno firmato oggi una dichiarazione politica che promuove un governo pro-democrazia basato su Internet in un momento in cui Washington accusa Mosca di aver interrotto Internet a seguito dell’escalation degli attacchi in Ucraina.

Questo impegno politico si chiama “Proclamazione per il futuro di Internet“- il primo tentativo di questo tipo – protegge i diritti umani, promuove il libero flusso di informazioni, protegge la privacy degli utenti e stabilisce le regole per un’economia digitale globale in crescita per affrontare quello che due funzionari del governo Biden hanno descritto come un “nuovo modello pericoloso” di politica. Internet da paesi come Russia e Cina.

Gli Stati Uniti stanno vivendo una crescente tendenza globale al totalitarismo digitale con paesi come la Russia che reprimono la libertà di espressione, censurano i siti web di notizie indipendenti, si intromettono nelle elezioni, promuovono la disinformazione e privano altri cittadini dei diritti umani. .

Da quando ha invaso l’Ucraina, la Russia ha effettuato attacchi informatici, inclusa la pirateria informatica sulle reti Internet satellitari all’inizio dell’invasione.

Funzionari del governo di Biden hanno affermato che il nuovo sforzo non era un tentativo di affrontare la guerra informatica.

La dichiarazione è una versione modificata degli sforzi della Casa Bianca nell’ultimo anno per radunare una coalizione democratica attorno a una visione per un Internet libero e aperto.

I paesi partecipanti diversi dagli Stati Uniti includono Australia, Argentina, Belgio, Canada, Danimarca, Georgia, Germania, Grecia, Israele, Italia, Giappone, Paesi Bassi, Regno Unito e Ucraina.

L’iniziativa sarà annunciata online oggi alla Casa Bianca dal consigliere per la sicurezza nazionale di Biden Jake Sullivan.

Fonte: skai.gr

Segui Skai.gr su Google News
ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.