Libro Il regista mondiale Radovan Auer: Sarà più spazioso, estivo e festivaliero

Questa festa per tutti gli amanti della buona lettura e della scrittura sta per entrare nel suo 27° anno quest’anno e si svolgerà dal 9 al 12 giugno presso il quartiere fieristico di Praga. In un’intervista a Právo Auer, ha promesso alcune novità, tra cui l’arrivo di personalità di spicco della letteratura italiana e un nuovo concept più aperto all’intera mostra.

L’Italia sarà l’ospite d’onore di Book World di quest’anno. Cosa possono aspettarsi i visitatori da questo paese?

Cerchiamo sempre di unire la delega creativa del paese ospitante per presentare l’opera letteraria nella sua interezza. Porta con te scrittori di romanzi per bambini, narrativa, poesia, saggistica, gialli e saggi. L’Italia ha sicuramente qualcosa da offrire e sembra che la spedizione sarà abbondante.

Tra le altre cose, doveva venire lo scrittore di culto di Gomora, Roberto Saviano, anche se avrebbe potuto essere viziato da complicazioni di sicurezza dell’ultimo minuto. Fu seguito senza compromessi dalla mafia italiana, di cui descriveva così bene il principio di funzionamento. Ha scritto una taglia alta sulla sua testa.

Stai organizzando un evento in connessione con la scrittrice italiana più popolare di oggi, Elena Ferrante?

Per quanto riguarda Elena Ferrante, non è facile organizzare la partecipazione di un autore sconosciuto. Tuttavia, da anni i media e gli studiosi di letteratura italiani speculano su chi ci fosse dietro questo pseudonimo. Cadono nomi diversi e ne porteremo alcuni a Praga. Forse ho risposto a Salomone abbastanza da suscitare l’interesse del lettore.

Mi fermerò al programma Letteratura come Voce della Libertà dedicato agli scrittori che lottano per la libertà. Su quale autore o regione del mondo ti concentrerai quest’anno?

L’anno scorso ci siamo concentrati su un paese e abbiamo presentato i volti più importanti della letteratura bielorussa. Quest’anno lo faremo in modo un po’ diverso, attraverso i singoli ospiti vogliamo sottolineare la situazione in più ambiti.

Purtroppo, ci sono molti luoghi in cui i diritti umani sono calpestati dal regime e la libertà creativa non è rara. Non posso entrare nei dettagli qui, vogliamo aiutare gli scrittori perseguitati in questa sezione a far sentire la loro voce nei forum internazionali. Le prime pubblicazioni possono vanificare questi sforzi.

Né dovremmo perdere la letteratura ceca. Cosa consiglieresti da un programma dedicato agli scrittori nazionali?

È vero che per quanto riguarda la letteratura nazionale e il campo dei libri in generale, il mondo del libro della Genesi è il bilancio, dove tutto ciò che è importante è stato presentato negli ultimi tempi, e quest’anno non sarà diverso. I nostri espositori non includono nulla di importante nel settore, editori grandi o piccoli, e l’ampiezza della copertura si adatta bene a questo.

Inoltre, quest’anno vogliamo concentrarci su tutti coloro che vivono di libri. Pertanto, vorremmo presentare al pubblico altre professioni legate ai libri, non solo scrittori, ma anche editori, traduttori, illustratori, ma anche librai, bibliotecari ed educatori.

Di recente hai affermato che l’obiettivo dei tuoi sogni è avvicinarti all’ultimo record dell’anno pre-pandemia, quando darai il benvenuto a oltre 50.000 lettori. Quindi questo significa che quest’anno sarà più grande e più ricco delle due precedenti pandemie?

Dopo tanti anni è finalmente iniziata la ricostruzione del Palazzo Industriale. Per noi questo significa che ci spostiamo sul retro dell’Esposizione ricostruita, dove, oltre al padiglione Křižík, verranno costruite alcune sale temporanee esclusivamente per il Mondo del Libro. Non siamo così limitati nello spazio, abbiamo l’opportunità di espanderci di più e fare una sorta di programma che non c’è spazio nel palazzo.

Gli eventi saranno più ampi, come l’estate, i festival, e si svolgeranno a giugno. Questa è anche la nostra responsabilità in relazione alla pandemia. Le persone potranno partecipare in gran numero senza essere pericolose o irresponsabili. Abbiamo provato misure antiepidemiche l’anno scorso ed erano gestibili. Ma credo che a giugno non ci sarà bisogno di altro che di una deliberazione reciproca.

Il motto di Book World quest’anno è la dichiarazione dell’autore e scienziato Umberto Ec: Viviamo per i libri e questa è una dolce missione in un mondo degenerato e in caduta. Pensi che viviamo in un mondo di declino e caos?

Questa è una citazione originale dall’introduzione al romanzo più famoso di Ecova, Il nome della rosa, che tratta del Medioevo, non del presente. Quindi c’è un livello di ridondanza. D’altra parte, ci sono molti segnali preoccupanti che la nostra civiltà è in un declino o addirittura in una fase terminale. Anche senza una pandemia, che di certo non vuole prendersi cura del pianeta o sviluppare i valori umani e la democrazia. È molto più importante leggere buoni libri.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.