Nel bel mezzo della crisi economica, vanità 2.0

Jorge Gomez lasciò la sua azienda su un camion Porsche. Non è arrivato a 300 metri quando un’auto lo ha interrotto, criminali armati sono scesi e lo hanno indicato. Quando il blindato, l’industriale non era troppo arrabbiato, si è ritirato ed è fuggito. “Dato che ho cento storie”, ha detto NOTICIAS.

Quell’aneddoto non cambia le cose. Infatti, invece di abbassare il suo profilo, è diventato famoso su Instagram pubblicando foto delle sue auto, orologi dei marchi più esclusivi e raccontando storie del suo miglioramento. “I miei figli mi chiedono sempre di non mostrarmi troppo”, ammette. Ma li ignorava: per 63 anni aveva a una dozzina di Ferrariha comprato la prima Pagani in Sud America per 340 mila euro e uOrologio Richard Mille per $ 200.000. Tutto è pubblicato sulla loro rete.

Ma Gomez non è solo. Un gruppo di persone benestanti in Argentina dimostra sfacciatamente uno stile di vita per pochi. Case di lusso, auto di lusso, aerei privati ​​e viaggi nel mondo. Influencer milionari, in un Paese assediato dalla povertà che, però, non ricevono messaggi di odio, gelosia o odio tra i loro seguaci. Essendo un’oasi della società, c’è poco spazio per gli hater nel suo mondo.

ESPOSIZIONE

Si stima che in Argentina ci siano solo circa 350 Ferrari, il marchio italiano che, come alcune cose, è uno status symbol. Per questo motivo, ogni volta che c’è cavallino rampante vista da diverse strade, la porteña attira l’attenzione. Oscar Fernandez (@torofz su Instagram), un imprenditore logistico internazionale nato nel Chaco, ha raccolto più di 50.000 Mi piace mostrando uno degli ultimi arrivati ​​nel Paese.

Adottato dall’importatore Veicolo di lusso Malek Fara, Fernández sfoggia la sua Ferrari Pista gialla 2020. “Toro”, come lo chiamano i suoi amici, ha più di 400mila followers e lì mostra le sue vetture, i viaggi e i contatti con le celebrità. “Non ho haters. Apprezzano lo sforzo, anche se sanno che qualcuno ha soldi. Io esco dal basso”, ha detto. E ha aggiunto: “Ci sono persone ricche che non fanno vedere niente, hanno le macchine riposte nel garage. Qualcuno che cerca di essere amichevole perché, in fin dei conti, ho gli stessi vizi di chi viene a vedere una Ferrari. Siamo tutti di ferro”.

Casi simili sono vissuti da giovani imprenditori e collezionisti di automobili Agostino Trajtenberg. Di solito si fa vedere con auto importate e guida aerei privati, ma il fiore all’occhiello lo è Lamborghini Spyder targata Ohio che si è trasferito più volte a Punta del Este. “Sin da quando ero molto giovane, sono sempre stato un appassionato di auto e possedere una decappottabile era il mio sogno. Quando ne ho l’opportunità, non esito. Questa è la mia felicità al di là di quello che possono dirmi”, ha commentato a NEWS.

Ma essere un esibizionista di lusso in Argentina comporta qualche rischio in più, oltre al pericolo latente dell’insicurezza. Lo dimostra Malek Fara, il quale, dopo aver protestato per il fermo in dogana dei veicoli che aveva portato in vendita nel Paese, ha deciso di trasferire la sua attività in Uruguay. Possiede 47 vetture, tra Ferrari, Maserati, Rolls-Royce e Lamborghiniche non avrebbe mai potuto nazionalizzare.

ATTIVITÀ COMMERCIALE

imprenditore tessile Federico Alvarez Castillo ha anche trasformato il suo amore per le auto di lusso in un business. Ha iniziato come hobby, importando veicoli che si dedicava al restauro in campagna. Aston Martin, Porsche e Mercedes Benz, tra gli altri marchi, fa parte della sua collezione. “Abbiamo artigiani straordinari qui, a differenza di altri paesi. Ho portato l’auto a mio nome e li abbiamo sistemati”, ha detto.

Ivarez Castillo, marito dell’ex modella Lara Bernasconi, Ha collaborato con la rurale Pilará nell’impresa Car & Office, un luogo in cui sognava i collezionisti che costruivano i loro hangar per esporre i loro gioielli e fare affari. “Non accetto commenti negativi sulla rete, la gente lo sta prendendo con buone vibrazioni”, ha aggiunto il proprietario di Black Label.

per psicologo Harry Campos Cervera, l’assenza di haters si spiega nella nozione di specchio: “I seguaci di queste persone si identificano con i desideri dell’altro. Vedono la loro vita e vogliono possederla”, commento professionale di Associazione Psicoanalitica Argentina.

Quanto ai ricchi che ostentano i loro beni di lusso in un clima di tensione sociale, Campo di Cervera ha aggiunto: “C’è bisogno di riaffermare ciò che si ha, prima delle opinioni degli altri. Su piccola scala, accade quando qualcuno scatta una foto di ciò che sta per mangiare, in attesa di una risposta dai suoi amici. Su grande scala, i ricchi ostentano le loro mercanzie”.

La risposta è unanime, tra questa e altre persone facoltose che accumulano centinaia di migliaia di follower su Instagram: “Lo mostriamo perché ce l’abbiamo”, ha detto un milionario che ha scelto di non essere nominato. E ha aggiunto: “Tanti politici possono anche comprare una Ferrari, ma non possono uscire per strada”.

Nel contesto della crisi economica, hanno osato sfidare l’ostracismo dei ricchi ed esporsi all’insicurezza. Sono noti per essere ricchi. “Non mi piace intromettermi negli affari delle persone. Voglio dirvi che se posso, chiunque può”, ha concluso l’industriale Jorge Gómez, che ha svelato in rete che si prepara ad acquistare un’altra Pagani, una delle auto più costose del mondo.

Galleria di immagini

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.