Paola Núñez in “A” / Draghi ha fallito perché aveva paura del caldo autunno

La senatrice Paola Núñez, architetto napoletana, ha parlato ad AVGI

Draghi capisce sicuramente che gestire un Paese con aziende del settore finanziario è qualcosa di diverso e non puoi accontentare i tuoi amici e occuparti solo dei settori produttivi che ti interessano, ignorando i cittadini. Un paese è un collettivo che richiede una gestione diversa. Non ho mai dato fiducia a Draghi. Al Senato le cose vanno molto male e non c’è speranza che si sviluppino in una direzione migliore”, ha votato contro il decreto razzista di Salvini la senatrice Paola Nuñez, architetto napoletano, eletta per la prima volta nel 2013 con il Movimento 5 Stelle. Rifiutandosi di eleggere il secondo mandato di Mattarella alla Presidenza Repubblicana, lasciò la Sinistra Italiana e fondò insieme ad altri parlamentari il gruppo ManifestA – People in Power – Ristabilire i Comunisti – Sinistra Europea.

Come vede la presenza di Draghi al Senato?

Big Mario non vuole avere niente a che fare con il Parlamento. In un anno e mezzo ha sollevato 56 volte la questione del voto di fiducia per ottenere in Parlamento ciò che voleva, cercando di ricattare tutti. Usa un voto di fiducia per stabilire ciò che vuole e come lo vuole, senza dialogo, emendamento, correzione. Secondo la costituzione, il Parlamento deve sostenere e controllare l’esecutivo. Con l’uso sistematico del voto di fiducia, Draghi è effettivamente sfuggito al controllo del Parlamento, che ne ha fatto la regola piuttosto che l’eccezione. Utilizzando il voto di fiducia 56 volte, ha evitato il dibattito e ricattato il DPR. Ma l’ultima volta non gli è andata bene.

Draghi andò a dimettersi da Presidente della Repubblica quando conquistò la fiducia del Senato. Qualcosa che è successo per la prima volta nella nostra storia. Draghi vuole appiattire le istituzioni parlamentari. Possiede la maggioranza e crea la crisi stessa. Si fa beffe del Senato, che gli dà la maggioranza necessaria, e dimostra la completa ignoranza dello Stato di diritto, va da Mattarella, che lo rimanda al Senato.

L’Italia sta affrontando una difficile situazione economica e sociale…

K5A, con il quale non sono d’accordo, ha sollevato diversi validi punti di discussione. Draghi vuole un governo così ampio che nessuno possa metterlo in discussione. Draghi ha messo in crisi il suo governo per scappare. Draghi l’ha creato perché sapeva che l’inflazione avrebbe raggiunto o superato il 9%, che abbiamo un problema energetico molto grande, che stanno cercando di risolvere con paesi più volatili della Russia o con l’acquisto di gas liquefatto dagli Stati Uniti, che costerà triplicato e avrà un impatto ambientale per la sua forma più inquinante, con la realizzazione di impianti per la deliquefazione a Piombino e Civitavecchia. Vivremo una grave emorragia economica e conseguenze altrettanto negative per l’ambiente. Peggio ancora, Draghi e i suoi hanno iniziato a parlare di reattori nucleari a persone che avevano rifiutato due volte l’energia nucleare nel referendum.

Il servizio di statistica Istat ci ha mostrato che in tre anni i poveri nel nostro Paese sono quasi triplicati, con 12 milioni di persone che guadagnano e vivono con un reddito al di sotto del livello minimo di vita. L’assistenza sociale L’INPS ci mostra come si tagliano il reddito sociale e le prestazioni di Invalidità Totale. Le imprese chiudono ovunque e si trasferiscono in paesi terzi. A Trieste è in corso una massiccia manifestazione contro la chiusura di quattro grandi imprese. Entro la fine dell’anno avremo un ulteriore mezzo milione di disoccupati nel napoletano. Draghi propone una nuova elasticità dei rapporti di lavoro, dato che il reddito sociale crea problemi sul posto di lavoro.

Draghi sa che ci stiamo avviando verso un caldo autunno e che le leggi repressive non sono sufficienti per affrontare la crescente rabbia sociale. Hanno militarizzato il centro di Roma perché hanno visto i tassisti. Cosa faranno quando decine e centinaia di migliaia di lavoratori scenderanno in piazza? Draghi fugge per l’arrivo del caldo autunno e del Patto di stabilità, mentre lacrime e sangue si preannunciano con nuova austerità. Ha mentito sul raggiungimento degli obiettivi del Piano di Recupero e Resilienza, perché sappiamo che aveva appena inviato una proposta italiana con la propria certificazione del piano. Siamo in attesa di una valutazione da EE Anche lui non ha messo online tutte queste informazioni come richiesto, cercando di rimandare il più possibile fino alla fine dell’anno. Draghi ha parlato delle risorse del Recovery Plan come una manna dal cielo, evitando di dire che la maggior parte sarà attuata aumentando il debito in un periodo di aumento dei tassi di interesse, mentre pianifica grandi privatizzazioni, che non mancheranno.

L’Italia va alle elezioni con una nuova legge elettorale dura, con il nuovo Parlamento che ha la metà degli eletti, eliminando la possibilità di opposizione politica, sociale…

Le possibilità che anche un piccolo gruppo di elementi di sinistra, ecologisti e radicali entrino nel prossimo Parlamento sono zero. Cosa dovremmo fare? Dovremmo pregare Draghi di restare perché le cose peggioreranno? Continuiamo ad andare di male in peggio. Un giorno questo si fermerà e inizieremo a costruire qualcosa di diverso. Avremo il peggior diritto al potere, alcuni rappresentanti parlamentari, eletti dai leader di partito. La cosa peggiore è Meloni e altra destra e destra con Lega e Forza Italia che cercano di aiutare la nostra costituzione democratica. Già Leta voleva mettere le mani sull’articolo 118 della costituzione, di cui si parlava nella sua revisione, ma era stato fermato dal K5A.

Le prospettive vedono il governo Meloni come una minaccia non solo per la democrazia in Italia, ma anche per tutte le democrazie europee, la Grecia e tutti i paesi mediterranei che confinano e comunicano con noi. Spero che abbiamo toccato il fondo, così possiamo riprenderci. Ci vorrà tempo, diversi anni, e il periodo elettorale non è sufficiente. Il prossimo periodo sarà molto difficile per le forze democratiche, progressiste, sindacali e sociali del nostro Paese, perché dobbiamo aprire tutti i canali di comunicazione con loro per iniziare a costruire qualcosa di diverso. Guardando agli ultimi sviluppi in Francia e Spagna, siamo più audaci. La prospettiva delle elezioni dovrebbe essere sempre all’ordine del giorno, visto che a settembre ci troveremo di fronte a una situazione difficile.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.