Perché lo ha fatto? Cristiano Ronaldo vuole che il suo pene sia ingrandito

Non tutti i giocatori a cui è stato attribuito un grande talento in tenera età ce la fanno per quanto si potrebbe pensare. Più precisamente, dei tanti nomi che negli anni si sono lanciati nel pubblico del calcio, quasi nessuno è riuscito nella misura delle proprie potenzialità. Ce ne sono molti di più che, per vari motivi, non sono arrivati ​​a tanto e hanno dovuto accettare carriere poco conosciute. Uno del secondo gruppo sono i giocattoli brasiliani conosciuti come Robinho.

Robson de Souza doveva essere il prossimo Pelé, e non solo altri lo dicono di lui, ma soprattutto lo stesso tre volte iridato scelse come suo successore l’allora quindicenne Robinho. Indubbiamente, questo deve essere divertente, ma è un fardello relativamente pesante sulle spalle di un giovane che ha appena ricevuto la cittadinanza.

Proprio come Pelé e Robinho, ha studiato grande calcio al Santos Brasil, dove ha firmato il suo primo contratto da professionista all’età di diciotto anni. Ma prima di entrare in accademia, ha giocato come molti tifosi brasiliani per stronzate unanimi, soprattutto futsal, grazie alle quali ha perfezionato il suo dribbling, l’orientamento negli spazi piccoli e l’accelerazione.

Nonostante fosse solo un adulto, è stato subito chiaro che c’era qualcosa di speciale nel magro velocista. I palloncini gli fecero amicizia come pochi altri e il nativo di Sao Vincente fece quello che voleva con i difensori. Con il Santos ha vinto il campionato due volte in tre anni e ha raggiunto la finale di Copa Libertadores. Quando la sua stella è cresciuta, è diventato chiaro alla dirigenza di Alvinegro Praiano che non avrebbero potuto tenere il giovane a lungo.

Così, dopo la battaglia tra i big europei, il Real Madrid lo ha premiato con una vittoria al Santiago Bernabeu. Ha inviato ben 24 milioni in Brasile e non vedeva l’ora della samba che avrebbe fatto ballare i difensori nella massima serie spagnola.

E non si è perso in Spagna. Ha giocato un ruolo da sostituto nella prima stagione sotto Fabio Capello, ma dopo il suo licenziamento si è affermato come membro degli undici titolari del nuovo allenatore Bernd Schuster. Insieme a Raúl e Van Nistelrooy, ha funzionato e il gomito magro ha diffuso la gioia del calcio per i Los Blancos.

Ma niente dura per sempre e nell’ultimo giorno di trasferimento dell’estate 2008 si recò a Manchester per firmare per i Citizens.

La sua prima stagione in Inghilterra ebbe un discreto successo, anche se i tifosi dovettero accettare che il “nuovo Pelé” volesse mantenere i colori dei rivali del Manchester United. È anche diventato il capocannoniere della squadra in Premier League.

Il secondo anno dell’EPL non ha avuto molto successo, principalmente a causa di infortuni, a causa dei quali ha giocato solo 12 partite. Sta anche iniziando a trapelare che l’ego di Robinho può essere una forte barriera alla chimica della cabina, e nemmeno il suo stile di vita è esemplare.

Ciò ha comportato una corsa al Santos, dove ha lasciato in prestito di due anni, dopo di che ha dichiarato di voler lasciare la parte blu del Manchester.

Il famoso Milan gli ha lanciato un lazo, dove è stato trasferito alla fine dell’estate del 2010. Ma il percorso è sostanzialmente simile a quello del City. Inizio promettente, infortuni e nonostante abbia trascorso più tempo in Italia che in Inghilterra, il suo fidanzamento si è concluso nuovamente con un prestito travolgente al famoso Santos.

Un anno in prestito è stato seguito da un trasferimento gratuito in Cina, da lì di nuovo in Brasile, ma questa volta ha giocato per l’Atlético Mineiro, poi ha fatto due periodi in Turchia ed è tornato di nuovo con la maglia bianca del Santos.

Con il senno di poi, c’è da dire che Robinho ha giocato per i migliori club di Spagna, Inghilterra e Italia, quindi non si tratta di un completo fallimento, ma forse tutti si aspettavano qualcosa di più.

La vulnerabilità ai problemi di salute, insieme a uno stile di vita povero, che dovrebbe sicuramente prolungare i tempi di recupero, e un’alta fiducia in se stessi malsana hanno portato la stella di Robinho a non salire così in alto e non brillare nemmeno per errore finché tutti i canarini vorrebbero. .

Risorsa: Gol, Transfermarkt

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.