Sepúlveda completa la prima tappa del Giro in Italia

Eduardo Sepúlveda ha fatto molta strada dalla vetta ma spera ancora di essere protagonista su un palco alto.

Lennard Kämna (BORA-Hansgrohe) alza la mano nel quarto set del Giro d’Italia 2022, costruito su 172 chilometri con partenza ad Avola e arrivo all’Etna, primo arrivo in collina dell’edizione. I tedeschi sono i grandi favoriti e con intelligenza ha battuto in volata Juan Pedro López (Trek-Segafredo), che è il nuovo leader della classifica generale. Tra i loro preferiti non si fanno male a vicenda.

Eduardo Sepúlveda, di Chubut, 30 anni e membro del team Drone Hopper-Androni Gioccatoli, Pro-Continental, ha chiuso al 90° posto. si è piazzato a 19′ 17″ dal vincitore dell’edizione 2022 della prima grande giornata di montagna. Con questo risultato, il nativo di Rawson è salito di 33 posizioni a 95 nella classifica generale, a 22,38 minuti dal nuovo leader, lo spagnolo “Juanpe” Lopez.

Un altro argentino alla prova classica, Maximiliano Richeze (Emirati Arabi Uniti), è classificato 163° con 29.55, e Richeze è classificato 159° con 35.21.

All’inizio la notizia è stata scioccante e deludente, poiché Miguel ngel “Superman” López (Astana) è rimasto indietro. All’epoca il motivo era sconosciuto, ma Astana ha poi rivelato che la corridore aveva subito un infortunio all’anca da cui non era riuscita a riprendersi, costringendola a ritirarsi. Manca uno degli arrampicatori più solidi e uno dei pochi che oggi può muovere la corsa.

Anche l’inizio è stato teso, con una forte lotta per entrare in fuga, poiché si sapeva fin dall’inizio che con alta probabilità, la vittoria e la rosa ci sarebbero state. Nel bel mezzo dell’alterco, si verifica un incidente nel parcheggio che coinvolge Simon Yates (BEX), sollevando punti interrogativi sul fatto che avrà un impatto su di lui sulla salita finale.

Dopo diversi chilometri di combattimenti, tra cui un attacco di Mathieu van der Poel (AFC), 14 uomini sono rimasti all’avanguardia: Lilian Calmejane (ACT), Mauri Vansevenant (QST), Valerio Conti (AST), Davide Villella (COF), Juan Pedro López (TFS), Rein Taaramäe (IWG), Stefano Oldani (AFC), Lennard Kämna (BOH), Rémy Rochas (COF), Alexander Cataford (IPT), Diego Camargo (EFE), Gijs Leemrijze (TJV), Erik Fetter (EOK) e Sylvain Moniquet (LTS).

Hanno ottenuto il nulla osta dal lotto, hanno ottenuto un comodo margine di 9’30”. Non dovendo mollare Alpecin per la presenza di uno di loro in fuga e per il fatto ovvio che Van der Poel stava per cedere il comando, gli altri giocatori sono stati costretti ad assumersi le responsabilità. E ce l’hanno fatta i due più forti: INEOS e Bahrain. Stanno restringendo ancora di più le distanze, anche se devono stare attenti, perché inseguire una via di fuga non è un buon affare pensando di essere troppo all’inizio della gara per prendere il comando.

L’azione inizierà prima della salita dell’Etna, poiché Oldani, non scalatore, cerca di raccogliere alcuni benefici per sopravvivere alla scalata. All’inizio l’attacco non è stato spaventoso, ma poiché è riuscito a fare la differenza in 1’05”, la preoccupazione ha iniziato a sopraffare gli inseguitori.

“Juanpe” López ha cambiato il ritmo che era già in pieno svolgimento, scegliendo un gruppo di fama, come solo Kämna, Vansevenant, Taaramae, Moniquet e Leemrijze hanno rifiutato. L’unione degli arrampicatori più forti non è bastata, quindi lo spagnolo ha reso più efficace la seconda accelerazione a suo favore. Andò da solo e raggiunse rapidamente il leader italiano, che seguì anche lui.

Con il senno di poi, INEOS ha deciso di velocizzare le cose, dando il primo segnale positivo sullo stato di Carapaz. Il ritmo dell’Inghilterra ha devastato il gruppo dove il primo favorito è stato scartato, oltre a “Superman”-. È Tom Dumoulin (TJV), che è a oltre 8.000 metri di quota, insiste sul fatto che la sua prestazione non è idonea a competere nella classifica generale del Giro. Anche Vincenzo Nibali (AST) non ha rifiutato, in una giornata dimenticata per l’Astana.

In attacco, López ha allungato la distanza a 40″ sugli inseguitori, che si sono disorganizzati nel loro lavoro. Kamna, Vansevenant e Moniquet restano le minacce più immediate per il front man in gara. Più dietro Oldani e Taaramae si trascinavano dietro.

Kämna, ha scelto di sbarazzarsi dei suoi compagni avventurieri a causa della sua riluttanza a collaborare e, quindi, alla caccia dell’alpinista Trek da solo. La manovra è stata efficiente, poiché ha rapidamente colmato il divario e ha visto l’opportunità di realizzare il suo favoritismo data la bella forma che ha messo in questa stagione.

Ha realizzato la sua premessa a 2,5 chilometri dalla fine, contro López che ha cercato di impostare prima della sua grande occasione per vincere la rosa. I due sono arrivati ​​all’asta per determinare il vincitore della giornata in volata, con la Spagna che ha commesso un errore all’ultima curva, dando a Kämna il vantaggio di tenerlo lontano e festeggiando finalmente una meritata vittoria.

Tra i favoriti non c’erano più notizie ad eccezione di Dumoulin e Nibali, che hanno raggiunto la vetta nello stesso tempo, senza nemmeno provare nulla, al di fuori di un’intensa volata finale guidata da Carapaz, che non è andata a buon fine.
Foto

Domani sarà la quinta tappa del Giro d’Italia 2022, che si snoda su 174 chilometri con partenza da Catania e arrivo a Messina, con sviluppi dipendenti dall’intensità dell’innalzamento dell’unico premio di categoria di oggi (2°).

Foto

Fonte: ciclismo internazionale.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.