Tre mesi di guerra: dove andiamo da qui?

I giorni passano lenti e dolorosamente, i contatti diplomatici restano congelati, la crisi alimentare si approfondisce e la domanda – come e quando finirà questa storia di morte e sradicamento – diventa sempre più importante.

Con l’invasione russa dell’Ucraina ormai vecchia di tre mesi, domande e dilemmi si moltiplicano da una parte all’altra sui passi successivi.

Nonostante Kiev e le celebrazioni dell’Occidente per rovesciare i piani di guerra di Putin e fermare Mosca – in una guerra di danni combinati militari, economici e geopolitici – le truppe russe hanno continuato ad avanzare, anche se lentamente, nell’Ucraina orientale e meridionale.

Ora è visibile la prospettiva di un conflitto a lungo termine e vi è il rischio di una più ampia diffusione e escalation della crisi.

Le Nazioni Unite hanno ora pubblicamente avvertito di una crisi alimentare globale e “cronica”, con la guerra in Ucraina che funge da catalizzatore per le attuali sfide del cambiamento climatico, della sovrappopolazione e dell’interruzione della catena di approvvigionamento (20 paesi hanno sospeso le esportazioni alimentari).

E il FMI sta suonando il campanello per la continua stagflazione e recessione in uno sfondo di guerre, crisi energetiche e un aumento dei prezzi delle materie prime a livelli record.

Sul fronte occidentale il “marmo” è stato pagato principalmente dall’Ue, provocando un forte shock alla (già problematica) coesione dei “27” e creando un contesto di instabilità economica, sociale e politica negli Stati membri.

Nel frattempo, nell’emergente scena della neo-Guerra Fredda, il clima euforico della Finlandia e le storiche richieste della Svezia per l’adesione alla NATO (una volta “cervello morto” secondo Emanuel Macron) sono state oscurate dal bazar del veto della Turchia.

Ankara, infatti, trova ora imitatori nella persona del presidente croato, che chiede modifiche alle leggi elettorali in Bosnia Erzegovina e il rafforzamento della rappresentanza politica della comunità croata in uno dei “legami” più deboli e instabili nei Balcani occidentali.

Con un’attenzione al presente e alle preoccupazioni per il breve termine – compresa la necessaria convivenza con la vicina Russia e il rischio di destabilizzazione – i leader di Parigi, Berlino e ora Roma cercano urgentemente soluzioni globali.

Secondo La Repubblica, il governo italiano ha presentato al segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres un piano di pace in quattro punti per l’Ucraina.

Ciò include un cessate il fuoco, con meccanismi di sorveglianza e smilitarizzazione totale in prima linea. Inoltre, negoziati multilaterali per il futuro status dell’Ucraina, in direzione della neutralità, ma compatibile con la futura adesione del Paese all’UE. e fornendo “rassicurazioni politiche” dalla comunità internazionale. Inoltre, l’autonomia delle regioni contese, con enfasi sul Donbass e (annessa alla Russia nel 2014) Crimea, con garanzie per la conservazione della loro identità storica e culturale.

Infine, la firma di un nuovo accordo per garantire la pace e la stabilità strategica in Europa, con riferimento diretto alle relazioni UE-Russia, al controllo degli armamenti, ai meccanismi di prevenzione dei conflitti e, in conclusione, all’allentamento delle pesanti sanzioni nei confronti di Mosca.

“Purtroppo, al momento non conosciamo i dettagli di questo piano. Non so se ci è stato inviato attraverso la diplomazia, ma siamo stati informati della sua esistenza dai media”, ha detto ieri il portavoce del Cremlino Dmitry Peshkov. la parte di Kiev fino a ieri pomeriggio … c’è stato silenzio radio sulla questione, mentre il presidente ucraino Zelensky ha descritto il massiccio pacchetto di aiuti militari, finanziari e umanitari da 40 miliardi di dollari, che alla fine ha approvato, come un investimento nella sicurezza occidentale. Il Congresso degli Stati Uniti G7 coordinato nella stessa direzione.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.