Un vulcano ha distrutto Pompei, ora i robot la ricostruiranno

Enzo Campetella Enzo Campetella Meteore argentino 6 minuti
Pompei
Utilizzeranno robot innovativi per ricostruire oggetti e murales danneggiati dalla città di Pompei distrutta dall’eruzione del Vesuvio.

Il progetto è ambizioso: Costruisci robot per ripristinare resti archeologici frammentati usando la tua intelligenza, i tuoi poteri e la tua sensibilità. Ora, secondo quanto riportato da america scientifica, scienziato di Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) ha un piano. Il suo progetto, chiamato RePAIR (Reconstructing the Past: Artificial Intelligence and Robotics meets Cultural Heritage) combinando robotica, intelligenza artificiale e archeologia nel tentativo di ricostruire elementi dell’architettura pompeiana altrimenti incompleti, troppo complessi o che richiederebbero fatica umana e tempo impossibili.

È come mettere insieme un enorme puzzle in cui i pezzi potrebbero mancare o essere gravemente danneggiati.. Ci riferiamo ai veri pezzi di un puzzle di quasi 2000 anni fa che sono frammenti della città di Pompei distrutta dall’eruzione del Vesuvio. A) Sì la moderna tecnologia ci aiuterà a capire meglio come stavano le cose allora.

Le informazioni indicano che nei prossimi mesi ricercatori IIT e loro collaboratori di diverse università internazionali costruisci, addestra, testa e usa robot per ricostruire murales danneggiati in due edifici. Nel primo edificio, sapevano che aspetto aveva il murale perché era ancora intatto fino ad oggi. I ricercatori non sanno cosa rappresentino i murales nel secondo edificio. I frammenti giacevano nel magazzino da decenni in attesa che qualcuno, o qualcosa, li rimettesse insieme.

Può fallire: è pura follia ai massimi livelli

RePAIR è sperimentale e potrebbe fallire, ha dichiarato a Scientific American Arianna Traviglia, direttrice del Centro per i Beni e le Tecnologie Culturali dell’IIT di Venezia e principal investigator del progetto. È finanziato da una sovvenzione di 3,5 milioni di euro dal fondo della Commissione europea sostenere progetti rischiosi volti a “tecnologie future totalmente nuove”. Se il progetto avrà successo, la tecnologia potrebbe essere utilizzata per ricostruire una serie frammentata di manufatti culturali il cui restauro rimane “al di là della portata umana”, ha affermato il coordinatore del progetto Marcello Pelillo, professore di informatica e intelligenza artificiale all’Università di Venezia.

Tuttavia, Traviglia è fiducioso nel dimostrare di sperare nel successo, poiché faranno qualcosa che non è mai stato provato prima. Lo ha riassunto lui stesso in una bella frase: “questa è assolutamente follia al più alto livello”. Il robot RePAIR deve avere una combinazione di cervello, forza e sensibilità al tocco. Il cervello verrà da una miscela di visione artificiale ad alta tecnologia per scansionare i pezzi del murale, l’algoritmo di apprendimento automatico per risolvere enigmi e l’esperienza umana per guidare l’intelligenza artificiale (AI).

A Pompei, i ricercatori hanno digitalizzato manualmente tutti i frammenti di affresco provenienti da due siti di test per creare un database digitale per il robot RePAIR. Tuttavia, Dopo che l’intero sistema è completamente operativo, il robot eseguirà il processo di scansione da solo. Nel frattempo, Pelillo ha affermato di ritenere che un sistema basato sull’intelligenza artificiale non sarebbe stato sufficiente. Per questo riceveranno indicazioni da archeologi e storici dell’arte sui vari stili di affreschi rinvenuti a Pompei.

Il primo test del robot

Quando i robot possono gestire la digitalizzazione di routine, gli esseri umani sono liberi di svolgere compiti più complessi. Gli studenti laureati non possono scansionare 24 ore al giorno senza cibo, acqua o sonno, ma i robot possono. “L’idea è di lavorare per automatizzare il più possibile questa lunga e noiosa attività di digitalizzazione del patrimonio culturale”, afferma Traviglia.

Robot
I ricercatori stanno addestrando morbide mani robotiche per manipolare delicatamente pezzi di antichi murales trovati a Pompei. Credito: IT-Istituto Italiano di Tecnologia.

Il primo scienziato RePAIR dell’affresco cercherà di risolvere con il nuovo robot fa parte di quello Scuola di armature, sede dell’Associazione di tipo militare situata in Via dell’Abbondanza, La strada principale di Pompei, dove i membri pianificavano attività militari e battaglie tra gladiatori. Scavato nel 1915, la sua grande sala è decorata con raffigurazioni di trofei e armi e fiancheggiata da armadi in legno che possono esporre armature e trofei.

È sopravvissuto alle eruzioni vulcaniche e ai bombardamenti diretti degli Alleati nel 1943, ma alcune parti sono crollate nel 2010 dopo le forti piogge cadute a Pompei, compresi gli affreschi alle pareti che i ricercatori cercheranno di ricostruire. Dato che conosci l’aspetto del murale originale, questo è un buon posto per testare le abilità di un robot. Se il robot riesce con il murale Scuola di armatureIl team proverà quindi a risolvere un puzzle di affreschi trovato in due stanze crollate nella Casa dei Pittori in Azione. L’edificio è così chiamato perché gli artigiani vi hanno dipinto gli affreschi quando eruttò il Vesuvio.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.