AEK: ora ho bisogno di sbuffare – Grande lezione … – Sportdog.gr – Notizie sportive | Notizia

Al diavolo Manolas e il rafforzamento dei trasferimenti sindacali! Stavros Kazantzoglou ha aperto la conversazione su due problemi attuali e futuri nella vita di squadra e ha spiegato perché il club ha dovuto finalmente imparare a vendere!

AEK: Iniziamo a dire buon compleanno? Iniziamo. Quest’anno è ancora più intenso e sonoro, perché con ciò che sta accadendo intorno a noi, nulla è da prendere alla leggera. Rimani in salute, proteggi te stesso e chi ti circonda, mostra un po’ di amore ai tuoi vicini. So che non è facile con tutti i nostri piccoli che ci rovinano la vita quotidiana, ma proviamoci. E poi, per trovare il tempo per parlare di quali sono gli incredibili effetti collaterali delle nostre vite, come il calcio.

Siamo sulla buona strada per il completamento del tempo. Il divario al vertice si è allargato a tal punto che non si può realisticamente dire che si stia giocando un campionato. Ma per l’AEK ci sono tante cose importanti da consolidare per il resto della stagione. Innanzitutto convincere tutti che la sensazione che sta cambiando e sta diventando una squadra migliore, si riflette negli allenamenti. Per andare lontano dalla vetta per avere speranza nei playoff, per vincere la coppa, per avere più attesa per la nuova stagione.

In questo contesto e con la piena consapevolezza dei dati finanziari creati dall’apertura dei trasferimenti estivi e dalla perdita di entrate per l’esclusione europea, non posso dire che non ci sarà alcun sostegno al trasferimento per l’AEK. Principalmente per il presupposto comune che alcune cose non si possano sistemare, anche se Giannikis lavora bene e con metodo.

READ  Finale fantastico, Italia campione d'Europa, Slovenia seconda per la terza volta

L’AEK ha bisogno di sbuffare per ora. Come, dove e quanto non è interessante al momento. L’importante è che la squadra si rafforzi per il resto della stagione. Sarebbe un grave errore presumere che il rinforzo non sia necessario una volta aperto il divario. L’AEK dovrebbe sempre essere rafforzato e diventare più forte. Per le squadre di questa fascia è legge che anche il successo più grande duri una notte e dall’altra passi al livello successivo.

A proposito di Manolas

Tutto questo, infatti, arriva in un momento in cui il principale concorrente dell’AEK ha effettuato una significativa mossa di trasferimento con Manolas. Non ha senso analizzare ora come andrà a finire una mossa del genere. Ovviamente Manolas non è al meglio, ma è comunque di qualità e arriva direttamente da una grande squadra italiana. Mostra uno stato d’animo favorevole. Se sarà reale, si vedrà nel lungo periodo.

Certo, per Manolas ci sono parametri importanti che riguardano l’AEK. Sai, anche il calcio, lo sport in generale, è un’emozione. Per alcuni può essere un affare, una palla piena di soldi, molto si può fare sull’altare degli interessi commerciali. Ma per il tifoso medio, è soprattutto un’emozione. E poiché Manolas parla di emozioni durante la sua presentazione, qui c’è un grosso problema.

Non sono uno che giudica ciò che ognuno sceglie per la propria vita. Posso capire che l’Olympiakos e Marinakis contribuito in modo significativo all’avvio della sua carriera. Ma amico, non sei nato nel 2012. A quel tempo avevi già 21 anni. Fino ad allora, vedi rosso e febbricitante. Fino ad allora, fai parte della carne dell’AEK. Non puoi buttare più della metà della tua vita nella spazzatura, perché alcune persone non si comportano bene.

READ  La Croazia guida la grande sorpresa contro l'Italia

Qualcuno dirà: “Beh, visto che Stelios fa la vita in AEK, dovrebbe fare anche Kostas?”. La risposta è chiaramente positiva. Perché il nome che porta è ciò che lo fa apparire nella Grecia continentale e fa un nome. Il nome che portava, lo prese da Thrasyvoulos e lavorò metodicamente e con il sigillo di Bajevic, prima di consegnarlo al pubblico. Questo nome ha fatto piangere di gioia migliaia di persone quando hanno visto di nuovo il nome Manolas in AEK e triste quando lo ha visto in un grande nemico.

AEK (dovrebbe essere) al di sopra di tutti e di tutto. Ognuno sceglie la propria vita e alla fine viene giudicato da quello che fa. Per AEK (e) questa storia dovrebbe essere una grande lezione. Prima di tutto che le persone sono importanti, ma nessuno dovrebbe andare oltre ciò che rappresenta questo club. E subito dopo, dove è caduta l’AEK, con la sua amministrazione comica e irriverente, dobbiamo fare tutto il possibile per rimanere nel giro della storia.

Impara a vendere

Prendendo spunto dal vecchio caso Manolas, così come dall’altrettanto peccaminoso caso Jembour, sono arrivato fino ad oggi. L’AEK avrebbe infranto la maggior parte della sua esposizione finanziaria, se avesse imparato l’arte della vendita. Nel calcio moderno, vendere al momento giusto e al prezzo giusto è importante quanto il targeting tempestivo e attento dei giocatori da acquisire.

In questi anni, l’AEK ha dimostrato di voler imparare. Ha venduto il Barça al prezzo più alto per un portiere greco. Ha dato Vranjes all’Anderlecht in quantità e modi, il che è stato un grosso problema. Ma doveva trovare un modo anche per altre mosse. Immagina solo che l’AEK respinga l’offerta di concessione di Bakakis e cerchi un modo per essere rescisso dal suo contratto.

READ  Insulto a Donarum, razzismo a Coulibaly e Vlahovi?

Considera anche che Danchenko è “parcheggiato” da qualche parte a Spata. Come è tornato Insua – spero fino a quando non se ne sia andato -. Come trovare una soluzione con Svarna, che non gioca, ma fa anche lo spazio che Lazi può coprire. Come penso che sarebbe uno sviluppo ideale, se un cristiano dalla Russia volesse Le Talec. Se trova una soluzione con questi giocatori, potrà muoversi molto più comodamente nei trasferimenti.

LEGGI ANCHE: “Un greco rapisce Tigers con gli occhi aperti – È l’unico modo per Martins – La gente non gioca a causa di Manolas…”

Segui sportdog.gr su Google News e sii il primo a sapere tutto notizie sportive

Vedi tutto notizie sportive dalla Grecia e dal mondo, su sportdog.gr

COMMENTA CHE

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.