Arrestato durante gli scontri a Roma anche un ex esponente di un’organizzazione terroristica neofascista

Secondo il Viminale, 38 agenti di polizia e carabinieri sono rimasti feriti negli scontri di ieri con membri di violente organizzazioni neofasciste e antivaccinisti nella capitale italiana.

Allo stesso tempo, sono stati effettuati dodici arresti. Tra gli arrestati, secondo il quotidiano La Stampa, c’erano Luigi Aronica, ex membro dell’organizzazione terroristica fascista Nuclei armati rivoluzionari e Roberto Fiore e Giuliano Castellino. Egli, rispettivamente, è stato il fondatore e leader nella regione di Roma del partito neofascista, extraparlamentare Forza Nuova (Nuovi Poteri).

Allo stesso tempo, la polizia ha continuato a verificare i dati di 600 persone. Ma oggi, la Forza Nuova ha usato ancora una volta un tono molto minaccioso: via internet è stato annunciato che “la gente ha deciso di alzare il livello dello scontro”.

Il primo ministro italiano Mario Draghi e il suo governo, tuttavia, hanno chiarito che un “permesso di vaccinazione verde” entrerà in vigore venerdì prossimo, 15 ottobre.

Nei prossimi giorni è previsto un aumento significativo dei presidi su “obiettivi sensibili”, sia ministeri, sedi di partiti e sindacati, ma anche residenze private di personaggi pubblici, per evitare qualsiasi forma di attacco violento o conflitto.

Il Partito Democratico italiano di centrosinistra ha annunciato che sta prendendo l’iniziativa, raccogliendo firme, per lo scioglimento definitivo di qualsiasi organizzazione (partito e non), legata all’ideologia fascista.

Ricordiamo infine che l’esistenza di un potere politico di ispirazione fascista è già vietata dalla stessa Costituzione italiana.

Fonte: AMPE

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.