“Aspiriamo ad inaugurare l’opera per la città luna”

Informazioni | 06-06-2022

Plaza Centenario è quasi dichiarata Patrimonio Storico Nazionale, e per questo si prepara a ripristinare la sua struttura originale progettata nel 1934 dall’architetto Francisco Salamone. Attualmente l’intervento è in fase conclusiva con la posa delle piastrelle e il restauro della fontana con l’obiettivo di essere ultimato entro settembre, mese cittadino.

Durante la sessione odierna, il sindaco Martín Gill visita l’opera e, come in ciascuna delle sue visite, supervisiona il lavoro insieme ai membri del Ministero dell’Ambiente, dei Lavori e dei Servizi Pubblici. Lo ha fatto insieme al capo di gabinetto, Héctor Muñoz, e al capo del portafoglio incaricato del compito, Omar Regueira.



Dopo aver esaminato lo spazio la cui data di nascita risale al secolo scorso, il capo comunale ha affermato: “Aspiriamo ad inaugurare la piazza per la luna della città, e tenendo conto di quel periodo ci stiamo lavorando”.



Allo stesso tempo, Gill sottolinea che “questo è un lavoro meticoloso e artigianale, che richiede tempo per essere svolto correttamente e quindi può essere dichiarato Patrimonio Storico Nazionale”. Sulla base di ciò, il presidente ha chiesto pazienza ai vicini, assicurando che “presto ripristineremo completamente la piazza, diventerà la prima opera di restauro del patrimonio dell’intera città”.



Inoltre, il capo del comune ha spiegato che il progetto sta valutando l’integrazione di nuove tecnologie che consentano una maggiore ottimizzazione del funzionamento della piazza senza cambiarne lo spirito. A tal proposito, sono in corso lavori di ammodernamento dello spazio attraverso la realizzazione di reti sotterranee, fibra ottica, telecamere di sicurezza e sistemi di connettività.



Allo stesso tempo, si stanno compiendo progressi nella sostituzione del pavimento, un’attività che ha registrato un completamento del 35% e che è attualmente in corso sulla sezione parallela a José Ingenieros Street. A tal fine, è stato svolto un lavoro precedente con un laboratorio dell’Istituto nazionale di tecnologia industriale (INTI), incaricato di analizzare le piastrelle e ricreare pigmenti, materiali e composizioni originali di design che imitano il movimento delle onde.



Per quanto riguarda le fontane, sono in corso i lavori per la loro impermeabilizzazione, sostituzione delle tubazioni, apparecchiature per l’approvvigionamento idrico, installazione del seminterrato e rifacimento estetico. Contestualmente sono state collocate sulla struttura le tradizionali rane, che è stata riprodotta dopo il ripristino dello stampo originario.



In questo modo, una volta completato il progetto, la fontana avrà un caratteristico flusso d’acqua e illuminazione insieme a un ligustro che completa il progetto, come era in origine. In questa linea si lavorerà alla sistemazione paesaggistica dell’intero spazio, preservando la vegetazione dell’epoca, elemento distintivo e di grande rilievo della piazza progettata dall’architetto italiano.



Va tenuto presente che l’intervento è finanziato dal governo centrale, dopo la gestione del comune alla presenza della Segreteria di Stato ai Lavori Pubblici. Per quanto riguarda i lavori, sono a carico della società Lozada & Silvestro, nominata aggiudicataria dell’incarico dopo aver vinto la gara.



Al tour hanno preso parte anche la direttrice del progetto del comune, Jaqueline Miraldes, insieme al direttore della Rete di infrastrutture, Joel Coria. Inoltre, era accompagnato dal Vice Segretario della Task Force, Sebastián Panero, e da altri membri del team dei Lavori Pubblici.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.