Cause di conflitto Il diario dello scrittore

Il sogno pacifico di una globalizzazione senza politica e di un mondo creato a immagine dell’Occidente diventa fumo

Silvio Pons è professore ordinario di Storia moderna alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Quello che segue è un estratto del suo discorso sulla guerra in Ucraina ed è disponibile su You Tube.


La responsabilità che il presidente Putin si è assunto, compiendo una scelta atroce, è chiara a tutti. Nessuna delle ragioni addotte da Mosca per invadere l’Ucraina, in violazione della sua sovranità nazionale e della sua legittimità internazionale, sembra convincente e provata. Le radici del conflitto risalgono alla dissoluzione dell’Unione Sovietica. Le successive relazioni tra la Russia e altri paesi che in precedenza appartenevano all’impero non si adattarono al più ampio contesto europeo, ma finirono in una comunità vulnerabile di stati indipendenti destinati ad avere poca fortuna.

Per un decennio, Russia e Ucraina hanno seguito percorsi paralleli. Tuttavia, il pericolo di una scissione ucraina tra i poli di attrazione e di influenza, rappresentati dall’Unione Europea e dalla Russia, era già evidente alla fine del secolo scorso. Le strade dei due paesi hanno iniziato a divergere nel 2004, quando la “Rivoluzione arancione” ha innescato una spinta democratica a Kiev dal basso, che ricorda l’onda lunga del 1989 e la tendenza all’europeizzazione del paese. La conseguenza fu un indebolimento della componente filorussa della leadership ucraina e l’inizio di un’intensa polarizzazione e instabilità politica. Nel frattempo, l’ascesa al potere di Putin ha determinato un inasprimento semi-autoritario.

Nel 2005 Putin ha pronunciato un famoso discorso sul crollo dell’Unione Sovietica come il peggior disastro geopolitico del ventesimo secolo, alludendo alla possibilità che la Russia riconquisti un ruolo decisivo in Eurasia. L’Ucraina rappresenta il baricentro dei piani post-imperiali, che contrastano con le prospettive di espansione dell’Unione Europea. Le relazioni tra l’Unione Europea e la Russia non hanno mai gestito e sciolto questi legami. Le relazioni dell’Ucraina con l’Europa sono state il punto di partenza della crisi del 2014, quando in piazza Maidan sono scoppiate le proteste, provocando la caduta del governo filorusso di Yanukovich che aveva deciso di rifiutare l’accordo di associazione con Bruxelles. Putin vede la svolta pro-europea dell’Ucraina come un colpo di stato orchestrato dall’Occidente. Mosca ha scatenato una reazione separatista armata nell’est del Paese e la Crimea è stata annessa alla Federazione Russa.

L'”Accordo di Minsk”, che concede l’autonomia all’Ucraina orientale, è più una tregua che una vera soluzione, lasciando spazio a una guerra civile strisciante. È difficile sostenere che, negli otto anni trascorsi, entrambe le parti abbiano veramente cercato una via per la pace. La strategia di Putin oggi nega la legittimità dell’esistenza dell’Ucraina come stato-nazione, con una nuova guerra anti-leninista che nega i principi dell’autodeterminazione nazionale, che indica lo scioglimento dell’Unione Sovietica. I riferimenti al passato idealizzato servono quindi a tracciare il profilo di una cultura politica che si discosta dall’eredità comunista, o meglio da quelli che potrebbero essere elementi progressisti di tale eredità, ad eccezione del collegamento necessario per la seconda guerra mondiale, che si manifesta nelle accuse di neonazismo, che era diretto contro il nazionalismo ucraino e toccava certamente il tono sensibile della popolazione russa.

Le guerre di Putin implicano maggiormente il passato imperiale come spazio spirituale della nazione russa – queste le parole di Putin – presentato come un assioma usato per sfidare la nozione di storicità dell’identità nazionale e contro il principio di universalità della democrazia. Putin non ha mancato di affrontare le solite argomentazioni a favore della sicurezza nazionale e della minaccia dell’espansione della Nato ad est. Questa visione è spesso respinta dall’Occidente come una bufala, ma anche prima che Putin salisse al potere, c’erano opinioni negative sull’espansione della NATO in Russia. Dovremmo pensare a Putin come al nuovo Stalin che vuole ricostruire l’Unione Sovietica? O come un nuovo Hitler che sogna di conquistare e conquistare l’Europa? Questa interpretazione superficiale contribuisce solo alla confusione delle idee.

I piani di Putin non sono del tutto folli. Ha abbandonato l’idea iniziale di lavorare con Bruxelles per costruire uno spazio eurasiatico più ampio con sede a Mosca. Ma questa è la prima volta che Putin si imbarca in un’avventura pericolosa. L’era del dopo Guerra Fredda non è mai stata pacifica per la Russia e la militarizzazione del Paese ha indebolito la società civile. Il processo di democratizzazione dell’Ucraina è visto come una minaccia alla “contaminazione” della democrazia, che dà origine alla paranoia della perdita del controllo e alla quinta falange, che trasforma la politica russa da una democrazia limitata a un regime che imprigiona l’opposizione e un modello libero. Il collegamento automatico tra l’espansione dell’Unione Europea e l’espansione della NATO ad Est non funge da barriera. Ha invece provocato una reazione ostile che l’Occidente ha ignorato, creando, tra l’altro, le condizioni per un’alleanza strategica tra Russia e Cina che potrebbe cambiare radicalmente l’ordine mondiale.

La guerra di Putin è stata un attacco alla democrazia, ma quanto ci aiuta a presentare un mondo diviso tra democrazia e regimi autoritari? Dobbiamo ricordare che l’attacco alla democrazia viene dall’interno, dando vita a un paradosso: tra i nemici più duri di Putin c’è la Polonia, Paese con un governo non liberale, e tra i suoi amici c’è Trump, che rischia di vincere le prossime elezioni. . Nessuno ha esitato a condannare Putin come aggressore. Ma la guerra in Ucraina illumina anche una realtà ben diversa: il sogno pacifico di una globalizzazione senza politica e un mondo creato ad immagine dell’Occidente, che si è diffuso dopo la fine della Guerra Fredda, si è trasformato in fumo.


Silvio Pons è stato presidente della Fondazione Gramsci e autore di molte opere sul comunismo sovietico e italiano. Ha inoltre curato la pubblicazione dell’opera collettiva in due volumi “Dizionario del comunismo nel XX secolo” (Einaudi, 2006).

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.