Claire Michel, il cuore della Rete in Yahoo! Francia, modello

Moralizzazione della pubblicità su Internet. Il cantiere è titanico. Ma Claire Michael, amministratore delegato di Yahoo in Francia, non ha paura di farlo. Sapendo che intende anche “stampare il nostro nome come azienda leader, sia nei media che nel management”. Inoltre, Yahoo diventerà ufficialmente l’operatore esclusivo di Marriott Media Network, una soluzione di visualizzazione pubblicitaria digitale senza precedenti che il gruppo alberghiero ha appena lanciato. Negli Stati Uniti e in Canada prima, poi in tutto il mondo, capi dettagliati con look sofisticati, consegne veloci ma parole pesanti.

L’immagine del suo gruppo, nato all’angolo di un campus a Stanford, nel 1994, evoca la preistoria di Internet. Ma Yahoo dice che punta fermamente al futuro. Tuttavia, “il movimento di trasformazione del business è molto drastico”, ha continuato Claire Michel. Compreso internamente. Soprattutto perché la strategia del nuovo proprietario, il fondo americano Apollo, era destinata a prosperare.

Per ora, Yahoo include una serie di marchi proprietari (Yahoo News, Yahoo Mail, Yahoo Search e Techcrunch) che aggiungono attività insieme a Microsoft News, Outlook e Xbox. Ma il leader 46enne non ha intenzione di fermarsi qui.

Artista alla commedia francese

Tra le questioni importanti? Preparandosi a un mondo senza cookie, Google ha annunciato che non utilizzerà più questa tecnologia di targeting a partire dal 2023. Ma “possiamo anche immaginare che la pubblicità sia un vettore di valore, servendo ad esempio a rendere obsoleti i consumi eccessivi”, scivola questo boss, che ha recentemente trasferito 60 dipendenti dalla Francia in uno spazio di co-working nel centro di Parigi.

“Il principale motore di Claire sono le persone: adora il progetto, ma soprattutto l’incontro”, Delphine Nathan, direttore delle misure di marketing di RATP. E un amico da più di dieci anni lo ha descritto come “visionario, oltre che concreto”.

Senza dubbio questo è ciò che ha distolto Claire Michel dalla professione di “artista alla Comédie Française” in cui si è rapidamente proiettata. Così, una volta nelle tasche del suo studioso scientifico, la più giovane di tre figli, figlia di un’infermiera di cardiologia e di una professoressa di medicina classica, ha integrato la preparazione dell’HEC. Seguono ESC Troyes e Erasmus a Roma per le donne innamorate della Città Eterna, che stanno imparando l’italiano come terza lingua.

Venditore di cercapersone Tam-Tam

Mentre lavora part-time, il suo appetito per le nuove tecnologie sta prendendo forma, poiché è in particolare “il venditore dell’ufficio Tam-Tam su Fnac”. E “per non perdere la rivoluzione di Internet” ha rassegnato le dimissioni dal suo primo incarico nel gruppo Emap per diventare responsabile della pubblicità di AOL.

Poi espulso “per l’assemblea di Google in Francia”, ha poi sentito la sensazione di “entrare a far parte della storia digitale”. E Claire Michel ricorda che vive al Googleplex di Mountain View, in California, “dove Sergei Brin e Larry Page sono venuti a vedere la squadra venerdì”.

Si è poi immerso nell’e-commerce, presso Voyage SNCF, prima di entrare a far parte di Microsoft. Poi è arrivato il momento di tornare alle origini, in AOL, dove si è aperto un gateway su Yahoo!, i due marchi che in seguito sono diventati Verizon.

Se sa adattarsi, questa madre di due figli, moglie dell’imprenditore seriale Marc Pfohl, non evita le avversità. “Il mio temperamento ottimista è una tattica di distrazione dallo stress”, afferma l’uomo che, l’anno scorso, ha completato il Rallye des Gazelles. Un’altra fonte di decompressione, “yoga e danza contemporanea”. Senza tenere il broncio, ovviamente, le pubblicità dei film che riempirà durante i prossimi Cannes Lions, o festival internazionale della creatività.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.