Elezione nella battaglia del soufflé

“Nel primo tempo si vota con il cuore e lo stomaco, nel secondo tempo con la mente”. Se quello che hanno detto i francesi era vero, allora o Emanuele Macron festeggerà tra quindici giorni un nuovo mandato all’Eliseo. La rielezione di Macron, però, non cambia la sostanza. E la conclusione è che negli ultimi decenni in Francia la democrazia liberale e l’antisistematismo di destra si sono scontrati alle elezioni.

Deve essere successo da qualche altra parte. La democrazia liberale si è scontrata anche con l’antisistematismo di destra in Italia. Si è scontrato anche con i populisti di sinistra Salvini e Bebe Grillo. Tuttavia, in nessun altro luogo questo conflitto è così costante e ininterrotto come in Francia. E in nessun altro luogo, se si esclude la Germania, il predominio dell’antisistema, qualunque siano le sue sfumature ideologiche, può significare la fine dell’Europa.

Ma anche questa volta i francesi voteranno, come sono convinti? Oppure si può giustificare chi somma la percentuale degli arti, che è del 23%. Lepen insieme al 22,2% di Melanson e al 7,2% di Zemour per dimostrare che l’antisistema in Francia ora affascina più della metà dei francesi?

La somma non è sbagliata. L’elettore di Melanson potrebbe non essere lontano dalla destra, così come l’elettore di Le Pen non è di sinistra. In effetti, i due pubblici hanno aree adiacenti. Melanson e Le Pen sono destinatari dello stesso odio, sentimenti di ostracismo, anti-globalizzazione, disgusto o addirittura odio per la democrazia liberale e i suoi valori, “La Francia appartiene alla Francia”.

È in questi due pubblici che si possono provocare la maggior parte degli anti-vaccino, ma anche i più pro-Putin. Perché la pandemia e la guerra potrebbero aver riunito la maggior parte di loro di fronte a pericoli comuni. Allo stesso tempo, però, stanno gettando acqua sulla girandola di un antisistema che, perennemente assetato di nuove narrazioni, mentre inasprisce le vaccinazioni nei recenti atti di difesa delle libertà individuali e l’occasionale riduzione dell’Iva a testimonianza delle sensibilità popolari. .

Ancora una volta, Lepen non ha ottenuto la vittoria che voleva. Ma se in queste elezioni raggiungerà il potere più vicino che mai, è perché questa volta si è adattato agli elementi ideologici retorici dell’agenda liberale e socialista. Quali sono i limiti per i non vaccinati in transito? “La dittatura della salute”, ha detto. Quanto detrarre l’IVA per liberare la Francia dall’onda di precisione? “Al 5%”, suggerì.

Per vedere quanto sia sottile il filo, dobbiamo solo ricordare cosa è successo l’ultima volta che lo sciovinismo aftoso ha incontrato la maggior parte della sua socializzazione. Non solo la Francia è appesa a questo filo, ma anche l’Europa è appesa all’ultimo angolo. E questo significa che anche in questo angolo, quello greco, bisogna assistere alle elezioni francesi in francese, au bout de souffle. A guardarli con il fiato sospeso.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.