Emilio Tapia: visita di Alessandro Corridori, che insegue Pereira – Nucleo Investigativo

Elenco dei visitatori dell’ufficio di cristallo dove l’uomo d’affari catturato Emilio Tapia ha inventato un contratto tra Centro abitativo sindacale temporaneo (UT) e Ministero delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (Mintic) è stata una parte importante delle indagini su questo scandalo.

(Vi invitiamo a leggere: Il destino di Emilio Tapia e altri 3 coinvolti nell’intricato ‘carosello’)

La Procura ritiene che la parziale perdita degli atti inseriti nel luogo, a nord di Bogotà, cercherà di proteggere una serie di personaggi, tra governatori, politici e uomini d’affari, il cui nome potrebbe essere svelato nella collaborazione che offre Tapia.

A parte l’ex supervisore finanziario Miguel Angel Moralesrussi e un influente uomo d’affari di Antioquia, EL TIEMPO determinò che uno dei visitatori abituali dell’ufficio 601 era italiano Alessandro .corridoio.

(Potrebbe interessarti: Il caso Mintic: tracce di un governatore e argento a Dubai che Tapia ha spostato)

È la stessa persona che è stata processata per il disastro Interbolsa Gigante e lo ha accusato di manipolazione fraudolenta di specie, amministrazione ingiusta come ingerenza e associazione a delinquere aggravata.

dribblare

Alesandro Koridori

Alesandro Corridori compare come consigliere per l’acquisto della squadra del Matecaa.

Poche settimane prima che scoppiasse lo scandalo della falsa garanzia nel contratto con Mintic, per 1,07 trilioni di pesos, Corridori è stato visto nell’ufficio 601 circa 5 volte, accompagnato da un avvocato Camilo Andres Bolivar.

L’ultima è legge Anzety SA S., una società fondata nel gennaio 2017, con 500 milioni di pesos, che ora sta cercando di acquisire attrezzature Deportivo Pereira, per 31.200 milioni di pesos.

(Anche: Il ritorno di Emilio Tapia, mente del saccheggio di Bogotà)

Bolívar è comparso al processo presso la Prima Corte Civile del Circuito di Pereira, dove la liquidazione Pereira Impresa sociale, sportiva e culturale (Corpereira), lo stesso Deportivo Pereira.

Cerchio del corridoio

Alessandro Corridori Deportivo Pereira

Da sinistra a destra: Sócrates Valencia Jr., Jhony Vásquez, Alexis Márquez, Alessandro Corridori, Sócrates Valencia, Camilo Bolívar e Luis el “Chiqui” García.

A fine settembre, quando il giudice incaricato della liquidazione ha chiesto a Dimayor, Fedef Fútbol e al ministero dello Sport una bozza di vendita, è arrivata una denuncia alla Procura.

Il 15% del capitale di Anzety SAS appartiene a Olga Patricia García Suárez, parente del tecnico Augusto ‘Chiqui’ Garcia, sì Maria Carolina Londoño Jaramillo avere il 40 per cento. Sembra anche Alberto de la Pava Jaramillo con una quota del 15%.

Londoño è la figliastra di Corridori, e De la Pava, figlio di sua cognata, Maria Eugenia Jaramillo Palacios.

(Anche: La storia dell’aereo di Emilio Tapia e la sua connessione con i Giochi Nazionali)

Inoltre, Corridori è apparso nelle trattative come consulente.

Infatti, anche se il processo di acquisto è ancora in corso, l’italiano ha scattato foto con diversi giocatori e allenatori. Alexis Marquez.

EL TIEMPO ha stabilito che alla fine di settembre, quando il giudice che sovrintendeva alla transazione ha chiesto a Dimayor una bozza, Federcalcio colombiana e per Ministero dello Sport Per quanto riguarda la vendita delle attrezzature del milionario, le denunce sono arrivate alla Procura.

Da dove sono venuti i soldi?

Alessandro Corridori e Camilo Andrés Bolívar

Camilo Bolívar, legale di Anzety, ha confessato a EL TIEMPO di aver portato Corridori nell’ufficio di Tapia con la sua auto.

Lì è confermato che Corridori propone a Tapia di farle partecipare all’impresa. Viene anche detto che verrà utilizzata una parte dell’anticipo di Mintic, poiché Anzety non ha 3,1 miliardi per calpestare l’acquisto.

Inoltre, viene richiesto di specificare dove Anzety riceverà i soldi per acquistare la squadra A.

(Vi invitiamo a leggere: Il caso Mintic: Tapia sotto processo in Procura ed eventuale intervento chirurgico)

Allo stesso modo, perché l’acquisizione del milionario è stata archiviata di persona, dopo un’asta presumibilmente fallita condotta da un liquidatore aziendale, John mar Candamil, che ha completato otto anni di gestione delle risorse del team di Matecaa.

Questo è l'azionista di Anzety

Questi sono gli azionisti di Anzety.

John Omar Candamil

Jhon Omar Candamil, liquidatore del Deportivo Pereira.

Il querelante ha assicurato che, sebbene Anzeta ora hai il capitale 1,2 miliardi di pesos, dovresti ottenere 15 miliardi per onorare le promesse di vendita. Inoltre, mostra che per registrare 3.100 milioni di pesos in tribunale devono invitare gli imprenditori a fare affari Socrate Valencia.

Per inciso, alla Procura è stato ricordato che i due Corridore come sua moglie, Claudia Jaramillo, e sua cognata, Maria Eugenia, è stato citato in giudizio per il caso Interbolsa. E chiede di verificare l’autenticità della firma.

(In contesto: Lo scandalo e la ricchezza opaca dell’imprenditore Sahagn Emilio Tapia)

E sebbene nessuno sia azionista di Anzety, EL TIEMPO ha accesso a documenti, email e messaggi che dimostrano il ruolo di Corridori.

Camilo Bolivar, legale di Anzety, ha ammesso a EL TIEMPO che, in sostanza, più volte ha portato Corridori in macchina all’ufficio di Tapias, prima che esplodesse il caso Mintic.

“Non dà pesos”

Francisco Jose Sintura

Francisco José Sintura, avvocato delle vittime del caso InterBolsa.

Tuttavia, le assicura che non è mai entrato all’incontro e sa solo che offriranno alcuni accordi, anche se non sa quale.

Della sua presenza dove ha detto che gli chiedono di andarsene se hanno bisogno di un avvocato. E per quanto ne sa, Tapia non ha mai dato loro pesos per gli affari di Pereira e Corridori non ha fede.

(Anche: Esclusivo: Emilio Tapia parla dello scandalo contrattuale nel caso Mintic)

Gli avvocati delle vittime dell’Interbolsa hanno dato la loro versione.

“Il processo contro Corridori e sua moglie è stato ostacolato dalla prescrizione dell’azione penale, a causa del ritardo nella loro difesa”, ha detto a EL TIEMPO il noto avvocato penalista. Juan David Riveros. voi Francisco Jose Sintura E ha aggiunto: “Ciò non significa che Corridori sia stato assolto per non aver partecipato alla manifestazione”. Anche estoppel ha presentato ricorso il 19 ottobre 2020.

Giallo e rosso

Deportivo Pereira

Tale è la lettera di offerta di acquisto presentata al liquidatore, Jhon Cadamil.

Il fascicolo è alla Camera Penale Alta Corte di Bogotà e apparire 17 persone.

Le mosse di processo più recenti risalgono al 19 marzo, quando sono state indicate giudice cartella del caso.

Mentre la Procura indaga su una visita a ufficio di cristallo e reclami, continuano gli acquisti di attrezzature.

(Anche: Exmintic chiede agli operatori di autorizzare le chiamate del senatore Armando Benedetti)

Entrambi Dimayor come Fedeftbol e il portafoglio Sport ha ricordato ai giudici che le società per azioni semplificate (SAS) e la gente comune non possono possedere una squadra di calcio.

Camilo Bolívar, legale di Anzety, ha ammesso a EL TIEMPO che, in effetti, aveva portato Corridori con la sua macchina più volte nell’ufficio di Tapia.

voi Fernando Jaramillo, il presidente Dimayor, ha assicurato a EL TIEMPO che sarebbe stata effettuata una due diligence sugli azionisti dietro l’azienda e sull’assemblea dei partner per determinare se fossero accettati o meno.

Il Ministero dello Sport dovrebbe attuare una procedura simile per consentire il riconoscimento dello sport.

A questo proposito, gli avvocati di Bolívar hanno indicato di essere stati chiari sulla procedura e che stavano facendo progressi nel processo Giallo e Rosso SA., la cui bozza di statuto ha ricevuto l’approvazione verbale del liquidatore.

(Potrebbe interessarti: la Corte Suprema interverrà nel caso Mintic)

E ha aggiunto che Socrate Valencia -Riconosciuto per il vivaio dei calciatori- avrà il 51 per cento della popolazione. Inoltre, il dipartimento finanziario di Anzety (che è incompatibile con esso) determinerà se il proprietario investe il denaro rimanente o invita diverse società del gruppo di società di sua proprietà.

Torna a La Picota

ma un

Emilio Tapia arriva al bunker della procura a Bogotà.

Foto:

Ufficio del procuratore generale.

Il liquidatore non ha risposto all’appello di EL TIEMPO. E se va bene Corridore Ha dichiarato che avrebbe comunicato con questo giornale, fino alla fine di questo numero, non c’è stata risposta.

(Anche: inizia il capitolo politico nello scandalo Mintic?)

Nel frattempo, Emilio tapia perfezionato la sua nuova matrice di collaborazione, dopo che il giudice ha respinto le presunte minacce nei suoi confronti e ne ha ordinato l’invio a Pilastro, dove è già una stagione.

(Vedi qui tutti gli articoli dell’Unità Investigativa EL TIEMPO)

UNITÀ DI INVESTIGAZIONE
u.investigativa@eltiempo.com
@UinvestigativaET

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.