Eseguono per la prima volta una sostituzione totale del ginocchio con tecnologia robotica

L’Ospedale Italiano di Buenos Aires ha realizzato il primo intervento di sostituzione totale del ginocchio con tecnologia robotica da eseguire nel Paese.

L’ospedale italiano di Buenos Aires ha prodotto il primo intervento chirurgico di sostituzione totale del ginocchio robotico del Paese, una procedura che “rimarrà” in quanto consente “un intervento più efficace e un recupero più rapido per i pazienti”.

“Abbiamo eseguito il primo intervento chirurgico di trauma con tecnologia robotica nel Paese, con risultati iniziali soddisfacenti, perché viene eseguito in un’ora e mezza, il paziente ha bisogno solo di un giorno di ricovero e cammina con un deambulatore”, ha detto a Télam. capo della sezione di artroscopia e protesi del ginocchio dell’ospedale e membro del team di intervento, Matías Costa Paz.

La novità sta nell’utilizzo di assistenti chirurgici robotici (Robot Surgical Assistant; ROSA, per il suo acronimo inglese), ovvero “Un’evoluzione nel campo della chirurgia del ginocchio”.

“La robotica nella chirurgia ortopedica è una tecnologia avanzata che il mondo ha visto negli ultimi sei o sette anni. In Sud America solo Cile e Brasile hanno questo assistente robotico, e pochi giorni fa anche l’Argentina, con il suo arrivo in Italia. ospedale”, ha aggiunto.

Il paziente, 75 anni, è stato operato il 25 agosto e lo stesso giorno ha camminato con un deambulatore, hanno spiegato. Da allora si è ripreso bene.

SE

In cosa consiste la procedura?

La nuova tecnologia incorporata assiste i chirurghi nelle prestazioni artroplastica totale di ginocchio (procedura di sostituzione dell’articolazione), con funzioni utili per la resezione ossea e la valutazione delle condizioni dei tessuti molli, per facilitare il posizionamento dell’impianto durante l’intervento.

Anche tuUtilizza un sistema di dati che gestisce la creazione e il monitoraggio delle procedure chirurgiche.

Al momento dell’intervento, il sistema aiuta principalmente il chirurgo a determinare l’asse di allineamento di riferimento rispetto al punto anatomico; pianificare il posizionamento degli impianti ortopedici in base a questo asse di allineamento e alla geometria dell’impianto ortopedico; facilitare l’equilibrio articolare e posizionare le guide di taglio con precisione in relazione alla posizione dell’impianto ortopedico desiderata attraverso l’uso di un braccio robotico.

Questa squadra è composta da due torri: su uno è presente un braccio robotico che guida il chirurgo durante il taglio, e sull’altro una telecamera che monitora i sensori posti nell’asse della gamba del paziente, prima di eseguire il taglio.

L’apparecchiatura riconosce il dispositivo e visualizza sul monitor un’immagine anatomica, evidenziando le aree in cui deve essere effettuato l’intervento.

“Le operazioni per le protesi primarie convenzionali possono richiedere da un’ora a un quarto o almeno due ore, il tempo che questo robot, come tutte le nuove tecnologie, consentirà di diminuire al passare della curva di apprendimento e all’aumentare dei livelli di allenamento”, Lei dice.

“Ma la cosa più importante è i robot forniscono una maggiore precisione nel taglio delle ossa di eseguire un intervento chirurgico di protesi di ginocchio, consentendo un maggiore controllo rispetto alla chirurgia convenzionale sull’angolazione e sulla quantità di osso da rimuovere”, ha aggiunto.

Cioè, nella misura in cui l’intervento acquista precisione “il paziente perde meno sangue, il tratto intramidollare non funziona e non ci sono molti danni ai tessuti molli”, quale consentendo “una migliore riabilitazione e un migliore post-operatorio”.

Vale la pena ricordare che i principali vantaggi per il recupero del paziente sono: ricovero a breve termine, minore perdita di sangue, breve periodo di recupero e capacità di riprendere presto le normali attività; preservando più ossa e riducendo i danni ai tessuti.

Modello prodotto negli Stati Uniti

Prodotto negli Stati Uniti, Costa Paz spiega che la prima generazione di questo tipo di assistente robotico è stata originariamente progettata “per la neurochirurgia”.

Successivamente è stata creata una nuova versione per la chirurgia della colonna vertebrale, che ora ha aggiunto “questo software per la chirurgia del ginocchio e mentre ne stanno sviluppando un altro per la chirurgia dell’anca” con la stessa tecnologia.

Nel caso dell’Ospedale Italiano,Il robot ROSA si trova in una sala operatoria appositamente attrezzata con un sistema di filtrazione dell’aria a flusso laminare che riduce le possibilità di infezione e viene utilizzato nelle procedure più complesse eseguite nel servizio.

“La sala operatoria non deve avere un flusso laminare, il che è un vantaggio, ma dovrebbe essere spaziosa e disporre di personale chirurgico ben addestrato, compreso il personale di circolazione e il personale chirurgico”, ha affermato.

D’altra parte, sebbene non creda che in futuro le sale operatorie saranno solo il regno dei robot guidati a distanza da umani, Costa Paz assicura che questi assistenti “arrivano per restare”.

“Penso che poiché questo robot dà risultati iniziali così eccellenti, la tecnologia migliorerà e così anche l’efficienza operativa, soprattutto a beneficio dei nostri pazienti”., Lei dice.

Tuttavia, presumo che la parte umana non possa essere assente perché i robot forniscono posizioni di taglio, ma la sensibilità e la conoscenza anatomica sono fornite dall’uomo, che è molto difficile da sostituire completamente”, ha concluso.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.