Google Doodle: Elena Caffarena, figura femminista

Google hanno votato questo mercoledì 23 marzo per Elena Cafferina, un avvocato, esperto legale e figura femminista in chile, diventando così un simbolo dell’intero movimento del 20° secolo.

“Con questa iniziativa, l’azienda si impegna a continuare a mettere in evidenza le donne che sono prominenti in vari campi d’azione. E, in questo caso particolare, il ruolo che Caffeina era nel movimento sociale e nell’emancipazione delle donne all’inizio del 20° secolo e nella conquista dei diritti civili delle donne in Cile, in particolare nella voce”, ha affermato la compagnia.

Elena Caffarena, simbolo femminista in Cile

Elena Caffarena nato a Iquique, chile, il 23 marzo 1903 divenne figlia di immigrati italiani.

Dopo essere emigrato a Santiago con la famiglia, è cresciuto in un laboratorio di calzetteria intervallato dai suoi studi.

Entrò all’Università Chile nei primi anni venti, entra subito nel laboratorio di volontariato per la formazione dei lavoratori e dei lavoratori. Lì, si sono avvicinate alla Federazione cilena degli studenti (FECH), essendo una delle prime donne a far parte di questo circolo e incoraggiando altre persone a unirsi.

Si laurea nel 1926 con una tesi dal titolo Compiti a casa, arricchimento senza motivo a spese degli altri, nel codice civile cilenoCIAO.

Nel suo ruolo femminista, partecipò, insieme ad Amanda Labarca, alla formazione della “Associazione Universitaria delle Donne” nel 1931, in qualità di delegata di questa istituzione davanti alla “Federazione delle Istituzioni Femminili” FECHIF, un gruppo che fu fondamentale per ottenere voti elettorali delle donne In precedenza, nel 1935, insieme a diverse donne di tutti gli strati socioeconomici, ha formato il “Movimento per l’emancipazione delle donne in Cile”, MEMCH, di cui è stata per molti anni segretaria generale.

I membri di questo movimento si dichiarano apertamente femministe e Caffeina afferma che le gravidanze indesiderate sono, tra le altre cose, una tragedia sociale. A causa sua, è stato bollato come un “comunista” e un “distruttore di famiglia”.

Ha sostenuto un disegno di legge per il voto delle donne cilene nel paese, che è stato finalmente promulgato l’8 gennaio 1949 dal presidente Gabriel González Videla.

Fu accusato di essere comunista e di incitamento alla sedizione, in un momento in cui la cosiddetta “Legge maledetta” vietava il diritto di eleggere i membri del Partito Comunista.

Sotto la dittatura del generale Augusto Pinochet, il palazzo Elena Caffarena divenne un centro operativo e di ritrovo per femministe e dissidenti in generale, con tutti i pericoli che si profilavano per il momento.

Dopo una lunga storia, morì il 19 luglio 2003 all’età di 100 anni.

Consigliamo METADATA, il podcast della tecnologia RPP. Notizie, analisi, recensioni, consigli e tutto quello che c’è da sapere sul mondo della tecnologia. Per ascoltarlo meglio, #StayHome.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.