in cosa investe un campione?

L’ultimo campione della Copa América ha avuto il tempo di investire in una varietà di attività, di tutti i tipi. In alcuni, mette la sua impronta speciale

I calciatori di solito iniziano con serie di tentativi dopo la fine della loro fase professionale, che avviene in età molto giovane. Quello che stanno cercando con questo è iniziare una vita diversa al di fuori degli sport professionistici.

Tuttavia, Alcuni, anche se non molti, si prendono il tempo necessario per investire in aziende all’apice della loro carriera.

Uno dei quali è Alejandro el “Papu” Gómez, Il giocatore del Siviglia e quello che ha vestito la maglia dell’Argentina nella partita di questo giovedì, in cui l’albiceleste ha vinto 3-1 contro il Venezuela. Inoltre, è stato l’ultimo campione della Copa América con la nazionale argentina, torneo in cui ha segnato due gol, questo è un caso speciale. Il tempo è fatto non solo per un’attività, ma per molte e le più diverse in natura. Inoltre, in alcuni, ha sicuramente messo certa traccia che lo ha trasformato in un personaggio al di fuori del calcio.

Il giocatore uscito dai ranghi inferiori dell’Arsenal de Sarandí, campione del mondo Under 20 2007, con Sergio Agüero e ngel Di María, tra gli altri, possiede un ristorante, apre un centro medico sportivo a Bergamo, lancia una collezione di Costumi da bagno con sua moglie, ha i suoi cartoni animati e ha persino investito in un’app chiamata Shirtum, che collega fan e collezionisti con atleti, per acquisire oggetti simbolo. Un vero imprenditore, con diversi fronti aperti.

“Boedo”, un ristorante del nord Italia

Nel gennaio 2021, all’età di 33 anni, “Papu” ha salutato la città che si è rivelata il suo posto nel mondo. Ha trascorso sette anni a Bergamo, in Italia, dove è diventato l’epitome assoluto dell’Atalanta. Una partita con l’allenatore di successo Gian Piero Gasperini lo ha visto lasciare la squadra per emigrare nel calcio spagnolo, ma non ha mai lasciato la città in passato. Lì, dove aveva aperto una filiale del ristorante Pampa Gourmet, ne aprì una tutta sua.

Ristorante “Boedo”

L’avventura gastronomica si chiama “Boedo” e alcuni credono sia un riferimento a uno dei club da lui saltati nel calcio argentino: il San Lorenzo. Il locale, oltre al cibo tipico del nostro paese, ha diversi riferimenti alla città di Buenos Aires, come quadri che alludono al tango, il quartiere di La Boca, Caminito e persino quadri Diego Armando Maradona.

Anche il nome del ristorante dove i vincitori della Coppa Sudamericana 2007 con l’Arsenal hanno cercato di portare un po’ di gastronomia argentina nel Vecchio Continente, ha uno scopo commerciale: San Lorenzo è il club di Papa Francesco, che genera ulteriore attrazione tra gli italiani.

Il cibo è servito in base al luogo. È molto caratteristico del nostro paese fin nei minimi dettagli. Chorizo, empanadas o provoleta per gli antipasti, vari tagli di carne come secondo piatto, tradizionale asado di criollo e flan con dulce de leche per dessert. Naturalmente, ci sono anche alcune opzioni con un tocco più locale.

“Ciao, sono papuano”

La sua figura in campo negli anni è stata molto importante, soprattutto nel calcio italiano, dove ha trionfato all’Atalanta ma prima ancora al Catania, tra il 2010 e il 2013. Tuttavia, basandosi sull’utilizzo dei social, è diventato virale. fenomeno. Istrionica e la danza, al ritmo della sua stessa canzone, “Balla come Papua”, guadagnandosi una popolarità più alta, anche tra i più giovani: ha più di tre milioni di follower su Instagram. Il suo ballo nello spogliatoio, in occasione della vittoria della Copa América, è stato molto popolare.

Gomez ha approfittato di questa situazione, ma ha apportato una modifica speciale: Ha lanciato il suo cartone animato chiamato “Ciao, sono il Papu” o “Ciao, sono Papu”. La serie è scritta in formato fumetto e si propone di raccontare aneddoti e i propri sogni nel calcio, da luoghi diversi, dedicati ai più piccoli. Lui, sia nella sua versione da bambino, come nell’attuale giocatore, è il protagonista dell’edizione, che narra dalla sua nascita fino al suo arrivo nella squadra nazionale argentina.

Papu Gómez . Cartoon

Papu Gómez . Cartoon

Shirtum, una piattaforma in cui i giocatori vendono i loro oggetti più preziosi

Il tentativo più strano di “Papu”, senza dubbio, è camicia. È una piattaforma per la compravendita di oggetti da collezione, legati allo sport e di grande valore iconico. Sebbene ci siano diverse piattaforme digitali in cui è possibile effettuare transazioni simili, questa ha una particolarità notevole: sono i giocatori stessi che creano una sorta di profilo in cui espongono i loro musei privati ​​e vendono i loro beni, dai vestiti alle medaglie. .

Ha un formato web e applicativo e vi partecipano noti calciatori, sia del nostro paese, come Lucas Ocampos, Rodrigo De Paul e Jonás Gutierrez, sia stranieri come il croato Ivan Rakitic, lo spagnolo Luis Alberto o il brasiliano Marcelo Guedes.

L’incentivo, a parte questo, è che i giocatori che ne fanno parte progettano i propri contenuti digitali e in questo modo riescono ad attirare i fan. Dall’altro, favorisce il contatto tra i potenziali acquirenti e i loro idoli, i calciatori.

Conosci il valore del dollaro in dollari oggi e segui il suo prezzo e il suo comportamento minuto per minuto. CLICCA QUI

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.