L’esercito invia più soldati a Michoacán dopo la persecuzione elementare

Dopo che un gruppo di soldati è stato maltrattato e cacciato da Nueva Italia, Michoacán, da presunti uomini armati su camion, l’esercito ha inviato più rinforzi nella regione della Tierra Caliente.

Questo lunedì è circolato un video che mostra quattro pattuglie dell’esercito che scappano da civili a bordo di sette camion. Uno di loro è stato ripreso in un video in cui insultavano uomini in uniforme.

Il segretario di governo di Michoacán, Carlos Torres Piña, mercoledì ha escluso che si trattasse di persecuzione e ha affermato che i soldati hanno evitato i posti di blocco con manifestazioni mentre tornavano alle loro baracche.

“Dite loro che in una conversazione che abbiamo avuto con il personale della 43a zona militare, sotto il comando del generale Covarrubias, ci ha informato che erano stati in un giro di ricognizione di Cupuán, ma quando sono tornati alla struttura di Apatzingán, un camion li superò di corsa. all’uscita di Cupuán, la stessa uscita che avevano evitato senza un grande combattimento, e quando sono arrivati ​​al comune di Múgica, c’era qualcosa come una manifestazione o un posto di blocco, diciamo, civili, sull’autostrada, e hanno fatto la stessa cosa , evitandolo, e non fermarti al posto di blocco”, ha detto il funzionario, pur non escludendo che si trattasse di sospetti criminali.

“Sparagli, sparagli!” gridarono dal furgone finché non lasciarono la città. Finora, l’esercito non ha preso posizione su questo argomento.

La violenza a Michoacán è aumentata negli ultimi mesi nonostante il dispiegamento di elementi federali. In coordinamento con i governi statali, il ramo esecutivo federale ha inviato almeno 3.100 dipendenti in uniforme all’entità tra gennaio e metà marzo.

Tuttavia, l’entità ha chiuso febbraio con 250 omicidi, diventando lo stato con il maggior numero di omicidi involontari nel Paese, secondo un recente rapporto del Segretariato esecutivo del Sistema nazionale di pubblica sicurezza (SESNSP).

Quello che facciamo in Animal Politico richiede giornalisti professionisti, lavoro di squadra, dialogo con i lettori e qualcosa di molto importante: l’indipendenza. Puoi aiutarci ad andare avanti. Entra a far parte della squadra. Iscriviti a Political Animals, beneficia e supporta il giornalismo gratuitamente.

#YoSoyAnimal

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.