L’Italia si prepara alla battaglia del Quirinale | Internazionale

I palazzi romani, secoli fa, parlano ancora dell’identità dei loro inquilini. Il Palazzo del Quirinale fu costruito nel XVI secolo come seconda residenza pontificia. Con la caduta dello Stato Pontificio e l’Unità d’Italia divenne sede della monarchia e, dopo un referendum costituzionale, divenne sede della Presidenza della Repubblica. Eppure il modo, il silenzio e il modo in cui vengono prese le decisioni importanti ricordano ancora l’unicità del Vaticano. I tre mesi successivi hanno riportato alla ribalta i riti politici più interessanti dell’Italia. La madre di tutte le battaglie istituzionali che deve trovare un sostituto per Sergio Mattarella (80 anni) alla guida della presidenza repubblicana. Il pizzo è complicato. I nomi vanno dal presidente del Consiglio, Mario Draghi, a Silvio Berlusconi, che ha sognato a lungo di porre fine alla sua carriera da capo di Stato. Ma niente risolve completamente il problema: completare le riforme statali.

L’Italia è entrata nel semestre bianco, sei mesi in cui le camere non possono essere sciolte e tutte hanno le chiavi presidenziali. La partenza dal Quirinale era aperta e brucerebbe tutta la politica italiana: a breve ea lungo termine. Il nome del candidato, specie se Draghi sarà eletto, determinerà la linea politica per i prossimi sette anni e la fine dell’attuale legislatura. Il problema è che l’ascesa al Quirinale dell’attuale presidente del Consiglio o renderà necessario trovare un suo successore che completerà il quinto anno di legislatura nel momento più turbolento, oppure convincerà Mattarella ad accettare un altro mandato. Diversamente si dovranno tenere elezioni anticipate, un’operazione che al momento è scomoda per quasi tutti e che metterà a repentaglio le riforme che il Paese sta intraprendendo per garantire un investimento regolare con i fondi europei. Piscina all’aperto. Ma la messa in scena delle decisioni, da prendere tra fine gennaio e inizio febbraio, sarà comunque spettacolare.

READ  Il produttore di carri armati KNDS in vista di un'offerta di 650 milioni di euro per le parti di Leonardo

I membri delle due Camere si riuniscono a Montecitorio il giorno delle votazioni. Ci sono 950 parlamentari aggiunti dai senatori a vita. Il tutto secondo le regole che consentono la proroga all’infinito voti per raggiungere un accordo e laddove il quorum richiesto sia ridotto a causa della mancata selezione dei candidati. Nei primi tre ci vogliono due terzi: cioè 673 dei 1.008 parlamentari. Del quarto servirne solo la metà più uno. Solo allora i candidati presi in considerazione hanno cominciato a emergere.

Il nome scelto di solito non viene ascoltato al primo scrutinio. Francesco Cossiga, ministro dell’Interno durante il sequestro di Aldo Moro e presidente del Consiglio del 1979-1980, è uno dei due casi contrari alla regola non scritta (752 voti su 977 elettori). L’altro è Carlo Azeglio Ciampi (1999-2006), il modello ormai utilizzato per promuovere Draghi: è banchiere ed è presidente del Consiglio e presidente quasi ininterrottamente. Gli altri, come Mattarella, Napolitano o Scalfaro (16° voto), si sono arenati dopo tanti tentativi. Questa circostanza ha portato i partiti a prendere il primo voto come un gioco di poker e proporre nomi stravaganti che vanno da presentatori televisivi o attivisti come il medico e fondatore della ONG Emergencies Gino Strada che alla fine è stato scartato: i cosiddetti candidati di bandiera.

Stefano Ceccanti, deputato del Pd ed esperto costituzionalista, ritiene che “questa volta è stato tutto diverso”. “Di solito c’è una maggioranza di governi che può scegliere da sé. Ma se avete una maggioranza eterogenea come adesso, dovreste votare insieme per evitare problemi nell’Esecutivo. In caso contrario, i partiti che non sono presenti possono decidere di ritirare i propri ministri. Ecco perché ora è importante farlo nei primi tre scrutini”.

READ  Pirelli prevede corse one-stop nel 2022

Draghi, concordano quasi tutti, è il nome di maggior peso e prestigio per il Quirinale. Ma la sua nomina preoccupa molti legislatori, che temono che la sua elezione li costringerà a chiamare prima e perdere il seggio. “Nessuno lo dirà chiaramente. Ma quella variabile ha pesato molto sulla decisione”, ha affermato un rappresentante del Movimento 5 stelle, che sta esaurendo due condizioni che le regole del suo partito non dovrebbero superare.

Unisciti a EL PAÍS per essere aggiornato su tutte le notizie e letture illimitate.

cliente

Preoccupa anche l’Unione Europea, dove si spera che si portino a termine le riforme e si proteggano i progetti in cui verranno investiti 200.000 milioni di euro del piano di risanamento che è stato assegnato all’Italia. Se Draghi viene scelto al Quirinale e si evita l’elezione, bisogna trovare un tecnico per portare il Paese alle urne. Il problema, ritengono tutte le fonti consultate, è che il restante anno sarà turbolento, i partiti attiveranno un confronto elettorale – è probabile che Matteo Salvini deciderà di lasciare l’Esecutivo a segnare il proprio profilo – e si teme che qualcuno come il L’attuale ministro dell’Economia, Daniele Franco, potrebbe non farcela.

L’unica opzione che consentirebbe a Draghi di finire il suo incarico di presidente del Consiglio e mantenere l’opzione per il Palazzo del Quirinale è convincere Mattarella a prolungare il suo mandato. Era già il caso di Giorgio Napolitano, ma l’attuale presidente non vedeva di buon occhio stravolgere la Costituzione per un’idea che all’epoca aveva proposto di mettere fuori legge. Non crede che siano consigliati altri sette anni, dice chi lo conosce. Convinto. Con età e salute democratiche. Ma non sembra nemmeno felice di estendere il suo mandato su base temporanea fino alle prossime elezioni, una soluzione, ha spiegato qualcuno con cui ha parlato. Se il mandato di un presidente repubblicano è di sette anni, non coincide con il ciclo parlamentare.

READ  Superstizione: "Scena da film dell'orrore": Nove ore di esorcismo in Italia di seguito

Il gioco è molto complicato. Non c’è stato un nome a livello di Draghi per sostituire Mattarella, cruciale negli ultimi quattro anni per resistere alla tempesta populista che ha colpito l’Italia. Ma, soprattutto, nessuno è d’accordo con tutte le parti. Al tavolo c’è la ministra della Giustizia, Marta Cartabia: sarà la prima donna. Ma il suo principale sostenitore, il Movimento 5 Stelle, lo rifiuta ora dopo le riforme giudiziarie che non gli piacciono. O l’attuale responsabile dell’Economia della Commissione Europea, Paolo Gentiloni. Un ultimo tentativo potrebbe essere quello di proporre un biennio di transizione con Giuliano Amato, che era vicino a occupare la posizione sette anni prima che Renzi lo lasciasse cadere. È un favorito di Silvio Berlusconi, che ora, a 85 anni, vuole occupare lui stesso la posizione. I suoi compagni di coalizione (La Liga ei Fratelli d’Italia) gli permettono di continuare a sognare sussurrandogli fedeltà. Tuttavia, nessuno in Italia pensava che potesse farlo. Da gennaio anche lui farà parte del rito.

Segui tutte le informazioni internazionali su Facebook voi Indonesia, o en la nostra newsletter settimanale.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.