LIVE – La guerra in Ucraina: a Mariupol, speranza di una nuova evacuazione umanitaria – Liberazione

Guerra tra Ucraina e RussiaAstuccio

Cento civili sono stati finalmente in grado di lasciare la grande acciaieria Azovstal a Mariupol durante un’operazione di evacuazione sotto la supervisione del CICR. Nell’Ucraina orientale, le truppe russe hanno continuato la loro offensiva, in cui domenica un bombardamento ha ucciso otto persone.

In breve:

– Il proseguimento dell’evacuazione degli abitanti di Mariupol è previsto per lunedì mattina, dopo la prima operazione che ha portato via un centinaio di civili dalla fabbrica Azovstal, assediata dalle truppe russe.

– L’Unione Europea sta finalizzando un arresto graduale degli acquisti di petrolio e prodotti petroliferi dalla Russia per sanzioni di guerra contro l’Ucraina e annuncerà un nuovo programma e misure questa settimana.

7:44

Nuova evacuazione a Mariupol.Il 2 maggio, alle 7 del mattino, è iniziata l’evacuazione a Mariupol. Punto di raccolta – Mall + Port City”, ha annunciato su Telegram Pavlov Kirilenko, governatore regionale di Donetsk, la sera da domenica a lunedì. L’operazione di evacuazione è iniziata sabato ed è stata condotta in coordinamento tra Ucraina, Russia e il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR). Riguarda in primis i civili presenti nei sotterranei dell’enorme acciaieria Azovstal. “Oggi, per la prima volta dall’inizio della guerra, questo vitale corridoio umanitario sta iniziando a funzionare. Per la prima volta c’è stata una vera tregua di due giorni nella regione. complesso siderurgico, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in una trasmissione video domenica sera. “Più di cento civili sono stati evacuati, primi fra tutti donne e bambini”ha detto il presidente, aggiungendo che i primi rifugiati sarebbero arrivati ​​lunedì mattina a Zaporizhia, una città a ovest di Mariupol.

07:40

Otto sono morti nella regione di Donetsk domenica. Otto civili sono morti domenica nei bombardamenti nelle regioni di Kharkiv e Donetsk, di cui quattro nella sola città di Lyman, vicino alla linea del fronte e sotto la diretta minaccia dell’avanzata russa, ha annunciato il governatore regionale. “Sparatoria russa nella regione di Donetsk: uccisi quattro civili, tutti di Lyman”, ha affermato su Telegram il governatore della regione di Donetsk, Pavlo Kyrylenko, aggiungendo che sette civili sono rimasti feriti in questa città dalla quale l’esercito ucraino ha dovuto recentemente ritirarsi. Un alto funzionario militare ucraino ha sottolineato “situazione difficile” nell’est del paese, in particolare nelle regioni di Izium e Sieverdonetsk, “dove il nemico ha concentrato la maggior parte dei suoi sforzi e le sue truppe più pronte al combattimento”.

7:32

Il gol del 9 maggio è stato respinto da Mosca. La Russia non sta cercando di porre fine alla guerra in Ucraina il 9 maggio, che è commemorato come il Giorno della Vittoria, ha affermato il suo ministro degli Esteri, poiché gli analisti ritengono che il conflitto potrebbe finire in quella data. “I nostri militari non adegueranno artificialmente le loro azioni in nessuna data, incluso il VE Day”Lo ha detto Sergei Lavrov in un’intervista alla televisione italiana Mediaset trasmessa domenica, riferendosi a questa data che commemora il 9 maggio 1945 e la resa dei nazisti agli Alleati, compresa l’Unione Sovietica. “Il ritmo delle operazioni in Ucraina dipende soprattutto dalla necessità di ridurre al minimo i possibili rischi per la popolazione civile e militare russa”Ha aggiunto.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.