L’OMS decide se il vaiolo delle scimmie merita il massimo livello di allerta

BERLINO: Il gas russo uscirà di nuovo o no? Il gasdotto Nord Stream, da cui dipende la sicurezza energetica dell’Europa, è un simbolo della dipendenza del continente dalle materie prime provenienti da Mosca.

55,5 miliardi di metri cubi

Il Nord Stream collega la Russia alla Germania settentrionale, tramite due gasdotti che attraversano il Mar Baltico, lunghi 1224 chilometri e con una capacità totale di 55,5 miliardi di m3 all’anno.

Entro il 2021, circa il 40% delle esportazioni di gas russo nell’UE passerà attraverso il Nord Stream.

Operativo dal 2011, appartiene alla russa Gazprom, che detiene una quota del 51%. Le compagnie energetiche europee – Eon, Wintershall, Gasunie e French Engie – si dividono il resto della capitale.

Questo gasdotto è stato al centro del confronto tra Europa e Russia dall’inizio della guerra in Ucraina.

Non citando l’assenza di turbine in manutenzione in Canada, Gazprom ha ridotto del 60% le spedizioni tramite Nord Stream a giugno. Un “pretesto”, secondo Berlin, che ha denunciato la decisione “politica”.

Dieci giorni fa è stato smontato per manutenzione. E nessuno sa quanto consegnerà Mosca giovedì quando è prevista la riapertura della guida.

Infarto economico

La cessazione del Nord Stream – o un’ulteriore riduzione – sarà ancora più problematica poiché altri gasdotti che collegano la Russia alla Germania sono fuori servizio o scarsi.

Yamal, che ha attraversato la Polonia, è stato arrestato a maggio da Mosca per rappresaglia alle sanzioni europee.

E il traffico di gas attraverso l’Ucraina verso l’Europa centrale e la Germania è stato notevolmente ridotto per diverse settimane.

Tuttavia, la Germania ha ancora acquistato il 35% del suo gas in Russia all’inizio di giugno, una cifra che era salita al 55% prima della guerra.

Se il Nord Stream si ferma, il settore manifatturiero teme un “infarto economico”. La perdita del PIL potrebbe rappresentare il 6,5% della ricchezza annuale tra il 2022 e il 2023, secondo l’istituto economico tedesco.

Anche le famiglie saranno colpite: il gas fornisce il 55% del sistema di riscaldamento in Germania.

Berlino chiama case e aziende per il risparmio, ma non esclude il razionamento.

Riscaldare piscine, illuminare edifici pubblici: molti comuni tedeschi stanno già riducendo i propri consumi.

Crisi europea

La crisi del gas dovrebbe interessare l’intera Europa. Berlino riesporta il 40% del gas russo verso i suoi vicini, in particolare la Repubblica Ceca e l’Austria.

Per questo la Commissione europea ha annunciato mercoledì di voler ridurre la domanda di gas dell’UE del 15% da “agosto”, escludendo la riduzione “obbligatoria” a 27 in caso di emergenza.

“Una crisi del gas nella principale potenza economica dell’Unione europea causerà nervosismo in tutto il continente”, ha affermato Constanze Stelzenmueller, esperta del think tank Brookings Institution.

Anche la Germania potrebbe essere costretta a chiedere la solidarietà europea per recuperare il gas.

“Questo sta già accadendo, con flussi maggiori provenienti da Norvegia, Belgio o Paesi Bassi”, ha detto all’AFP Ben McWilliam, del think tank europeo Bruegel.

Alcune altre opzioni

Per sostituire il gas russo, la Germania sta investendo miliardi nella creazione di terminali per l’importazione di gas liquefatto via mare, il primo dei quali dovrebbe essere disponibile tra la fine del 2022 e l’inizio del 2023.

Berlino ha anche deciso di riavviare la produzione in alcune centrali elettriche a carbone. L’espansione del nucleare è persino dibattuta, Berlino in linea di principio ha pianificato di rinunciare a questa fonte di energia.

Senza il Nord Stream, la Germania rischia di rimanere senza carburante da metà dicembre, anche con un drastico calo dei consumi.

Se la fornitura di gas attraverso il Nord Stream viene ripresa ma rimane all’attuale livello basso – al 40% del normale – il deficit arriverà a febbraio 2023, secondo i calcoli effettuati su richiesta del governo.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.