“Niente è stato deciso e dobbiamo sostenere l’Ucraina vista la possibilità di una lunga guerra”

La guerra in Ucraina ha messo in luce le debolezze e le carenze del secondo esercito mondiale. Lontano dall’immagine di potere che Vladimir Putin trasmette, l’esercito russo ha mostrato i suoi limiti sul campo di battaglia, sia nell’utilizzo delle sue capacità aeree a bassa quota che nei suoi sforzi di comando e logistica. Questa modernizzazione dell’esercito, avviata nel 2008 dopo la guerra in Georgia, ha dato i suoi frutti solo in parte.

La guerra in Ucraina: il nostro fascicolo speciale

Ma il presidente russo ha potuto mostrare un certo successo durante la cerimonia del 9 maggio, giorno in cui la Russia ha celebrato la vittoria sulla Germania nazista nel 1945. Riorientando la sua strategia militare, dopo aver appreso le lezioni della prima fase della guerra iniziata il 24 febbraio. , Mosca ora controlla due terzi del Donbass (un’area nell’Ucraina orientale), così come la Crimea settentrionale e parti dell’Ucraina meridionale. I governanti del Cremlino saranno soddisfatti di questo guadagno territoriale? Niente è meno certo.

Intervista a Jean-Sylvestre Mongrenier, ricercatore presso l’Istituto francese di geopolitica (annesso all’Università di Parigi-VIII), ricercatore associato presso l’Istituto Thomas-More e autore di “Il mondo si vede da Mosca. Geopolitica della Russia post-sovietica e dell’Eurasia” (PUF, 2020).

Due mesi dopo l’inizio della guerra, quattro settimane dopo il suo ritiro dalla periferia di Kiev, l’esercito russo sta combattendo?

Sì, l’esercito russo sta combattendo, anche se la concentrazione di azione e spari

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.