Non c’è Pasqua senza burro e panna, dice il fornaio che insegna a Brno a mangiare dolci di qualità Notizie dall’azienda Brněnská Drbna

Sette anni fa ha aperto per la prima volta un panificio artigianale nel quartiere Veveří di Brno. L’azienda, allora una delle prime nel suo genere, guadagnò presto popolarità tra il pubblico di Brno. Così famoso pane a lievitazione naturale, la gente non esita a stare in piedi o in fila. Anche se la famosa fornaia Maryna ha lasciato la Moravia metropolitana dopo tanti anni per il villaggio, non le mancavano ancora gli ordini, soprattutto prima delle vacanze.

L’odore dei pasticcini riempì la sala. Il pane viene cotto al forno, l’impasto pasquale italiano viene messo in ciotole e il fornaio di Maryna taglia i biscotti con i motivi del pollo. Anche se il prezzo della farina e dell’energia è ancora in aumento, una donna non si fermerà oggi. Le squadre più grandi sono a Natale e Pasqua, che, oltre alle usanze cristiane e alla pomlázka, sono anche associate alla tradizionale cottura della focaccia e dell’agnello. Panettiere Maryna Matuszek, meglio conosciuto per il suo brand e blog Laska by Maryna, questa settimana, oltre al pane, si è concentrato principalmente su Giuda, torta pasquale e crema di burro di mandorle. Ne avrebbe arrostiti una trentina quest’anno. Fa tutto da solo e se non lo fa, non vuole nemmeno.

“Cerco di fare tutto onestamente, non c’è nessun sostituto”, disse Maryna con un sorriso mentre tagliava la torta di Pasqua. L’onestà è probabilmente il motivo per cui le torte e le loro ricette stanno diventando popolari tra le persone. I clienti adorano lo speciale pelapatate e il pane con formaggio cheddar, noci e simili. Invece, aveva accanto una torta di carote.

I panettieri cercano la ricetta per la ricetta dappertutto. “Ci sto provando. Quando sono interessato a qualcosa, cerco di adattarlo e adattarlo a me stesso, ad esempio trasformo la pasta madre in lievito, che è la mia specialità. Altre volte, trovo qualcosa da solo”. ha spiegato Maria. A volte cerca ispirazione nella cucina polacca, perché i suoi antenati provenivano. Ma può anche cuocere altre prelibatezze mondane su ordinazione, come la specialità italiana Colombo, la cui preparazione richiede tre giorni.

La tendenza a trasformare le ricette classiche in varianti etnografiche studiate “più sane” non è un problema. A lui stesso non piace, ma rispetta le opinioni e gli atteggiamenti degli altri. I clienti di Maryna sanno già che non possono desiderare biscotti crudi, senza lattosio o senza glutine perché burro e panna aggiungono la maggior parte dell’impasto. Sebbene il fornaio non condanni le tendenze moderne, non pensa che eliminare determinati cibi sia a prova di corpo. L’eccezione, ovviamente, è un’intolleranza diagnosticata, quando altrimenti è impossibile.

La cottura è nei geni

Maryna è sempre stata vicina alla cottura. Inoltre, ha fornai nuziali su entrambi i lati della sua famiglia, quindi probabilmente ha ereditato il suo amore per il mestiere. Ma prima che il suo hobby diventasse un mezzo di sostentamento, ha lavorato in un’istituzione monumentale. Quando ha iniziato a scrivere il blog di cibo di Maryna Laskina undici anni fa, non sapeva che questo le avrebbe fatto decidere di lasciare il lavoro e aprire la sua panetteria. “Stavo pensando a cosa fare dopo e i miei amici mi hanno convinto a fare ciò che amo”. descrive una donna di quarantacinque anni.

Così aprì una piccola panetteria a Brno, dove insegnava alle persone a mangiare pane di qualità con lievito naturale. Tuttavia, l’anno scorso, ha chiuso il locale dopo sei anni a causa di una lite con il proprietario. Alla fine, Maryna decise di avere solo una fabbrica e trovò un posto adatto a Bílovice nad Svitavou. Le persone possono ora acquistare i loro prodotti direttamente in fabbrica, in alcuni negozi a Brno o nei negozi online. Anche dopo tutti questi anni, il fornaio è rimasto fedele al piano di voler possedere una piccola panetteria. Pensava che in una grande panetteria non avrebbe trovato affatto la sua passione per il lavoro manageriale.

Odia i computer

La cosa principale che Maryna prepara è che vede i risultati del suo lavoro immediatamente e ogni giorno. Cerca anche di mantenere contributi regolari al suo blog, ma è impegnativo. Secondo lui, devi avere l’energia e l’umore per farlo. L’anno scorso, però, si è ripromesso di aggiungere almeno una nuova ricetta ogni mese, cosa che ha fatto finora. Ma il sogno di Baker era quello di pubblicare un libro un giorno. “Volevo pubblicare un libro di cucina sui piatti legati all’usanza annuale, ma non riuscivo a farne a meno. Ho avuto un periodo in cui odiavo davvero i computer e riuscivo solo a scrivere fatture”, Ridere. Tuttavia, Maryna ha superato quel periodo e spera che la sua motivazione a creare e creare ricette duri a lungo.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.