Pro Reco ai rigori in Champions League

I pallanuotisti della Nuova Belgrado non hanno approfittato dell’occasione per aggiudicarsi il loro primo trofeo di Champions League, essendo stati battuti in finale dalla Pro Reka su rigore. Nel girone regolare, 13:13, mentre dopo cinque punti, la squadra italiana è andata meglio con 4:3.

Il primo quarto è stato un pareggio completo ed entrambe le squadre hanno segnato quattro gol ciascuna. Nel secondo tempo, Nuova Belgrado si è comportata meglio e nel primo tempo è rimasta indietro con un gol di vantaggio.

Nella ripresa il pallanuotista serbo ha recuperato leggermente con 5:4 ed è entrato nell’ultimo quarto con due gol di vantaggio.

Tuttavia, la Pro Reko ha giocato bene nell’ultimo tempo ed è riuscita a recuperare il gap, quindi la partita si è conclusa con il punteggio di 13:13 ed è proseguita con i calci di rigore.

Il finale della partita è molto interessante, degno di un gran finale. Entrambe le squadre sono andate ai tempi di recupero con un pareggio, quindi Nikola Jasic con il suo sesto gol ha portato la Nuova Belgrado in vantaggio a 50 secondi dalla fine.

Tuttavia, l’esperto team Pro Reka, che aveva 17 partecipazioni in finale, non si è arreso e Gergo Zalanki ha salvato la sua squadra dalla sconfitta a 12 secondi dalla fine.

Il problema del vincitore è stato risolto facendo cinque, in cui la squadra italiana è stata più fortunata. Dušan Mandić e Nikola Jakšić non hanno utilizzato i rigori per la Nuova Belgrado, mentre i cinque punti per la Pro Reko sono stati segnati dall’ungherese Gergo Zalanki, autore di cinque gol in questa partita.

Corrado Bellini

"Amichevole appassionato di Internet. Creatore. Appassionato di zombie impenitente. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.