‘Ariaferma’: Dialogo tra due colossi italiani della recitazione | Cultura

Sono nati nella stessa provincia, Napoli. Anche la sua età non è molto diversa, più di 60 anni. Entrambi hanno trasformato la loro vita in recitazione, per conquistare il plauso del teatro e del cinema. Tra i due ci sono più di 100 film e sei David, Goya Italia. Tanto che sono considerati due dei migliori traduttori del loro paese. Condividono addirittura la fama internazionale che ha conferito loro la collaborazione con Paolo Sorrentino. Ma in un’altra opera. Perché Toni Servillo e Silvio Orlando non hanno mai lavorato insieme. Finora. Come mai? La spiegazione non potrebbe essere più semplice. “Questa è la prima volta che ce lo chiedono”, ha concluso il secondo. Bastava chiedere a loro. Ma nessuno lo fece, finché il regista Leonardo di Costanzo non osò. il film ariaferma Così ha vinto due maestri di recitazione. Ma tutto il cinema italiano, in generale, finisce per celebrare l’incontro dei due colossi sullo schermo.

Ulteriori informazioni

“Ci hanno anche proposto due personaggi che per noi non sono facili da immaginare. La cosa più comune è stata che mi hanno proposto il ruolo del cattivo e Silvio del buono”, ha aggiunto Servillo. Perché, stranamente, il suo primo sindacato professionale aveva cambiato il curriculum. Orlando, famoso per il cardinale Voiello della serie giovane balena E spesso nella pelle di un umano fragile e perdente, gioca qui come un prigioniero con uno sguardo risoluto e uno spirito feroce. E il suo compagno, abituato a interpretare l’individuo carismatico ma malinconico, come in Incredibile bellezza Quella divo, indossando l’uniforme dell’ufficiale di polizia responsabile del carcere. A) Sì ariaferma, che ha debuttato oggi fuori concorso al festival di Venezia, si è trasformato in un duello quasi teatrale. Anche se questo film ha molti più meriti: è stato girato in una vera prigione, ma racconta con tatto e sottigliezza la storia della co-gabbia in un posto che nessuno vuole.

“Il cinema è fondamentalmente un problema del regista. Imposta l’attività di 150 persone per raggiungere 30 secondi di qualità. L’attore poi, con le sue capacità, ha cercato di illuminarli. E rimase con il pubblico per due ore. Quindi ho scelto il mio ruolo in base alla mia vicinanza al regista e al desiderio di entrare nel mondo che ha creato, anche prima della sceneggiatura”, ha detto Servillo. Un esempio che cita subito è Pedro Almodóvar. A quanto pare, i due si conoscevano e il regista è andato a vederlo esibirsi a teatro. Ma il traduttore non parla spagnolo, barriera insormontabile, per ora. “Ho iniziato, fermato, ricominciato. Mi affido spesso all’avventura. Sono stanco di fare sempre le stesse cose. La mia carriera sta raggiungendo sempre più il teatro. Amo, in un regista, che consideri questo viaggio, chi sono io”, spiega Orlando i criteri. E ha mandato un messaggio anche alla Spagna: la sua adorazione per Javier Cámara, con cui ha coinciso con la serie Sorrentino.

Nelle interviste, gli attori sembrano ritrovare i loro ruoli più naturali. Servillo ha risposto prima, con lunghe e complicate argomentazioni che si abbeverano alla filosofia e alla politica. Orlando è più tranquillo, quasi in secondo piano, e più attaccato al suolo. A un certo punto ha dichiarato: “È chiaro che siamo persone molto diverse. Diciamo che siamo due guide. Tu, al teatro mistico. E io, la guida dei confusi”.

Lo dimostrano anche le loro risposte. Anche se, a volte, la parola trova un punto di contatto. I due, ad esempio, trascorrono quasi più tempo sul palco che sul set. E anche se avevano diretto lo spettacolo, non avevano intenzione di farlo con un film. “Il teatro è pericoloso. Ti costringe a confrontarti con l’aspetto intimo, con il dolore. Non si può fare una volta ogni tanto”, riflette Servillo. “Mi piace mostrare tutte le debolezze umane. Ho affrontato le insicurezze, le cose che mi rendono debole, e le ho messe al centro della mia professione. Il teatro ti permette di metterti seriamente in discussione; al cinema non ti chiedi, devi essere preparato”, ha aggiunto Orlando.

Tutta la cultura che ti accompagna ti aspetta qui.

Cliente

Soprattutto, diceva la leggenda, se lavori con Sorrentino. I registi hanno la reputazione di essere esigenti. Ma qui, a parte la risposta, anche l’esperienza dei due è diversa. “Ho fatto sei film con lui. Siamo quasi vicini. Arrivato sul set con le idee molto chiare. E ha scritto una frase che poi è diventata un proverbio”, ha detto Servillo. Anche se si è qualificato: “Non volevo dire che fosse un viaggio rosa”. Orlando ha collaborato con i registi solo a due serie di patate. Ha condiviso la qualità della scrittura del regista, e ha sottolineato: “Ti mette in una posizione alta, in competizione con te stesso. E lì non puoi vincere. Provi un tale senso di responsabilità… Poi fai quello che devi fare e cerchi conforto, ma non arriva mai. “

Anni fa, Sorrentino disse a El País Semanal che essere un regista significa anche imparare a “dire di no molto”. Il ricordo fece nascere un’altra conversazione tra gli interpreti. “La capacità di rifiutare e di votare ti protegge dalla corruzione di questo commercio. Non mi interessa rompere tra così tanti attori diversi, perché per tutte le stagioni. Qualcuno si sveglia la mattina, dice “sono un attore” e trova persone disposte a crederci. Guarda la politica”, ha detto Servillo. Mentre Orlando va a un certo episodio: “Un giorno un ragazzo mi disse che sognava di fare l’attore. Ho chiesto perché. In realtà, quello che voleva era diventare famoso, distinguersi dalle masse. La gente ha molta paura dei mediocri”. Il tempo di conversazione, quindi, sarebbe finito. C’era un’ultima domanda, ma entrambi concordarono che non si poteva rispondere in fuga. Sarà, quindi, per il prossimo incontro. Ogni volta che qualcuno lo suggeriva.

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.