Con 2 set a 0, Novak Djokovic ha battuto Jannik Sinner nei quarti di finale a Wimbledon

Ha giocato per spaventarsi, ma Novak Djokovic rimane in lizza per il quarto titolo consecutivo a Wimbledon, il settimo in totale, che gli permetterebbe di eguagliare le prestazioni del suo giovane idolo Pete Sampras. Portato a zero per due set da Jannik Sinner, il serbo, quasi estinto per due set, ha cambiato mentalità per ribaltare una brutta partenza e vincere in cinque set (5-7, 2-6, 6-3, 6-2, 6 -2), questo martedì nei quarti di finale del London Grand Slam.

Questa è la settima volta in carriera “Nole” vince una partita dopo aver perso i primi due set. L’ultima è stata l’anno scorso nella finale del Roland-Garros contro Stefanos Tsitsipas (6-7, 2-6, 6-3, 6-2, 6-4), in uno scenario molto simile a quello vissuto sul Center Court.

Dal 4-1, l’amorfo Djokovic ha perso 12 delle successive 15 partite

Sinner non ha mai perso il suo impegno nei suoi due precedenti incontri contro John Isner e Carlos Alcaraz. Contro Djokovic ha commesso quattro errori non forzati (due dritti, un rovescio e un doppio fallo) e ha subito mollato. Fino al 4-1, doppio break point a suo favore, il serbo, servito con un servizio molto efficace (73% delle prime, 100% dei punti conquistati alle loro spalle), gioca lealmente e domina il dibattito.

Ma la partita si ribalta per la prima volta con il punteggio di 4-2. Due doppi falli e due soft jet: il terzo al mondo ha bloccato completamente il suo ingresso e ha rilanciato un Sinner fiducioso. Abbastanza timido fino a quel momento, il ventenne ha improvvisamente dato più peso al suo tiro e ha iniziato ad abbattere la difesa serba, divagando da un’estremità all’altra del campo.

Spinto in rimonta, Djokovic ha provato ad accorciare lo scambio, ma due drop drop freschi e maltrattati sono stati puniti dall’avversario che, con un cross vincente, è riuscito a rompere il secondo sul 5-5, prima di chiudere il set con un servizio vincitore su T.

“La pausa bagno (dopo il secondo set) è stata la svolta del match”

Novak Djokovic scherza al microfono del Centre Court

Sulla sua strada, il 13° uomo al mondo ha continuato la sua schiacciante attività sulla scia di un super potente colpo piatto per sostituire Djokovic, che è stato regolarmente preso con il piede sbagliato. Un rovescio fuori centro del serbo è stato poi un rovescio che ha colpito la linea di fondo dopo aver chiesto una sfida: l’italiano ha rotto altre due volte, sull’1-1 e sul 4-2, ed è volato in vantaggio di due set a zero punteggi.

26

Contro Jannik Sinner, Novak Djokovic ha vinto la sua 26esima partita consecutiva a Wimbledon. Il serbo è imbattuto nell’All England Club da cinque anni e si è ritirato nei quarti di finale contro Tomas Berdych (7-6, 2-0, ab.) nel 2017.

Dopo una pausa bagno di meno di cinque minuti, “punto di svolta” ha detto con un sorriso, Djokovic, che ha perso 12 delle ultime 15 partite, è riapparso in campo con una faccia completamente diversa. Fino ad allora amorfo e insensibile, aveva notevolmente aumentato il suo livello di gioco, velocità di movimento e intensità ad ogni attacco. Molto più preciso sulla via del ritorno, è anche più vario e gradualmente prende il sopravvento.

Un grosso errore di diritto di Sinner, che nel terzo set (11 contro 3 per Djokovic) aveva fallito quasi quanto nei primi due (15), gli ha dato un break bianco sul 2-1. Con una rinnovata efficienza del servizio (80% delle prime di servizio e un totale di soli cinque punti persi durante l’intero round), ha ottenuto il terzo set senza sforzo.

Peccatore improvvisamente senza una soluzione

In testa al rally di 1 ora e 30 minuti, Sinner non aveva soluzione. La sua percentuale di prima di servizio troppo bassa (54% di tutte le partite) non gli ha permesso di iniziare lo scambio con calma. Le sue statistiche sui punti conquistati dietro la sua seconda di servizio – 65% nel primo set, 56% nel secondo, 40% nel terzo, 33% nel quarto – parlano bene della pressione esercitata sui rientri durante la seconda metà della partita di Djokovic. , che è riuscito a rompere due volte nel quarto inning ed è tornato in gioco in un lampo.

La vittima è caduta alla fine del quarto set, caviglia sinistra leggermente colpita, Sinner ha cercato di reagire all’inizio del quinto con un buon servizio e uno sguardo determinato al suo clan. Ma la tendenza non si invertirà. Un tiro in porta lo ha visto saltare l’intervallo sull’1-1 prima che Djokovic finisse con un superbo passaggio di rovescio vincente a fine gara, scivolando e poi cadendo.

Sul punto successivo, l’italiano colpisce con un dritto facile e per la seconda volta lascia perdere il suo impegno, troppo. Djokovic ha concluso con un terzo tiro consecutivo al servizio. Colui che ha perso 26 punti al suo ingaggio durante i primi due set ha perso solo 14 punti nei tre set successivi.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.