Formula di prova di Russia e Ucraina per aprire le esportazioni di grano

La Russia si è detta oggi “pronta” a garantire, in collaborazione con la Turchia, la sicurezza delle navi di grano in partenza dai porti ucraini, mentre Ucraina e Germania hanno discusso anche della necessità di garantire le esportazioni di grano via mare ed evitare così una crisi alimentare. L’invasione è stata lanciata il 24 febbraio.

Il presidente russo Vladimir Putin ha assicurato di essere disposto a creare la “logistica necessaria” e garantire il trasporto di cereali dai porti di Berdyansk e Mariupol, nell’Ucraina meridionale, “senza alcuna precondizione”, hanno riferito le agenzie di stampa russe.

Di conseguenza, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che Mosca garantirà la sicurezza delle navi in ​​partenza dai porti ucraini “in collaborazione con le nostre controparti turche”, in una conferenza stampa ad Ankara con il suo partner locale Mevlut Cavusoglu, il cui Paese ha offerto la sua collaborazione. affrontare la creazione di corridoi marittimi.

Le osservazioni arrivano in un momento in cui i prezzi dei cereali sono saliti alle stelle a causa del blocco di cui il quinto esportatore mondiale di grano: l’Ucraina, è responsabile del 9% delle spedizioni mondiali.

Su richiesta delle Nazioni Unite, la Turchia ha offerto la sua assistenza per scortare le navi in ​​grado di spostare il grano.

Cavusoglu ha affermato che “il piano delle Nazioni Unite è ragionevole e fattibile”. “Ucraina e Russia devono accettarlo”, ha riferito l’agenzia di stampa AFP.

Parallelamente, il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, e il leader ucraino, Volodimir Zelenski, sono intervenuti oggi al telefono e hanno concordato sulla necessità di fare tutto il possibile per garantire le esportazioni di grano dall’Ucraina, soprattutto via mare, riferisce il servizio stampa del governo tedesco .

Scholz ha raccontato a Zelensky delle sue ultime conversazioni telefoniche con il presidente russo Vladimir Putin e il presidente francese Emmanuel Macron il 28 maggio, ha aggiunto il rapporto.

Secondo il governo Zelensky, più di 25 milioni di tonnellate di cereali sono bloccate sul territorio dell’Ucraina e sono in attesa di una soluzione negoziata dai due paesi contrapposti.

I colloqui Scholz-Zelensky hanno discusso l’alternativa della riapertura del porto ucraino di Odessa (controllato da kyiv), ma l’Ucraina ha esitato e ha chiesto che gli fossero fornite armi per difendere la costa del Mar Nero in caso di attacco russo e pattugliamenti navali da un paese terzo. .

Per alimentare il conflitto, Vladimir Rogov, membro dell’amministrazione civile-militare filo-russa nella regione di Zaporizhia – la regione dell’Ucraina orientale ora sotto il controllo russo -, ha riferito che prevede di rilasciare grano questa settimana attraverso il porto occupato di Berdiansk. , una pratica che l’Ucraina definisce “saccheggio illegale”.

“Tutto è pronto per la consegna. Il primo carico molto probabilmente è il nostro grano che in realtà è molto abbondante, tutti i silos sono pieni, dobbiamo svuotarli per caricare il raccolto fresco, perché la nostra campagna di raccolta inizierà tra pochi minuti. settimana”, ha detto.

Nonostante le differenze, il ministro della Difesa nazionale turco Hulusi Akar ha affermato che ci sono stati “certi progressi” e ha osservato che la Turchia sta cercando di “ottenere risultati il ​​prima possibile”, necessari per affrontare “i dettagli tecnici che sono ancora in discussione. “

In particolare, ha spiegato il ministro delle Finanze, si sta negoziando il funzionamento del corridoio, che disinnescherà le mine nel porto, quale nave accompagnerà le navi mercantili.

“Sabato scorso un rappresentante delle Nazioni Unite ha negoziato con un funzionario del nostro ministero. Data la volontà delle parti di risolvere la questione, il processo sta andando avanti”, quindi “un incontro è possibile” sulla questione in Turchia, ha affermato Akar.

L’Italia ha annunciato oggi che cercherà di aiutare l’Ucraina ad esportare il suo grano, ha assicurato il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio in apertura di una riunione ministeriale dei Paesi mediterranei dedicata alla sicurezza alimentare.

Ha ricordato che il premier italiano, Mario Draghi, ha discusso con Putin e Zelensky del rilascio dei porti ucraini, per risolvere il problema dell’approvvigionamento.

L’Ucraina e le potenze occidentali accusano la Russia di bloccare le forniture di cibo dai porti ucraini con le sue forze navali.

Mosca respinge queste accuse, affermando che le esportazioni di pesce dall’Ucraina sono state paralizzate perché le forze locali stavano minando i porti del Paese e che le sanzioni imposte alla Russia hanno portato a tagli alle catene di approvvigionamento e ai flussi finanziari internazionali.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti ei loro alleati affermano che le esportazioni di prodotti agricoli e fertilizzanti non sono soggette a sanzioni imposte dai paesi occidentali alla Russia per la sua invasione militare del territorio ucraino. (Telam)

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.