Hanno scoperto le origini della mummia di S. John dal DNA umano nelle zecche

Una delle mummie studiate era un uomo appartenente alla Cultura Ansilta. Visse 2000 anni fa nell’attuale regione di San Juan, Argentina / Archivi

Nel ciclo riproduttivo dei pidocchi, la femmina depone le uova che si attaccano ai capelli umani. Queste lendini si bloccano sulla punta delle radici dei capelli. Sì, incollato bene. Perché le zecche producono una sostanza molto forte, simile al cemento. Questi microrganismi sono parassiti unici dell’uomo. Condividono la loro storia evolutiva e lLa scienziata argentina Alejandra Perotti, ricercatrice presso l’Università di Reading nel Regno Unito, si concentra su questa relazione. Ha studiato antiche zecche mummificate conservate nella provincia argentina di San Juan. È stato in grado di studiare per la prima volta il DNA umano antico dalle lendini.

“Può darsi che le lendini siano considerate un organismo fastidioso, ma studiandole possiamo avere un ponte per scoprire storie del passato e degli ultimi anni”, Egli ha detto infobae il biologo Perotti. Fa parte del comitato direttivo dell’Associazione Europea degli Archeologi e ha ricevuto premi dalla Società Entomologica Argentina e il Premio César Milstein dal Ministero della Scienza, della Tecnologia e dell’Innovazione.

Perotti e colleghi dell’Università Nazionale di St. John, il Museo di Storia Naturale dell’Università di Oxford, l’Università di Bangor e l’Università di Copenhagen in Danimarca hanno pubblicato risultati con molte implicazioni. Questo ci permette di capire meglio come avvennero le migrazioni in Sud America tra 2000 e 1500 anni fa e apre la possibilità che scheletri e mummie del passato possano essere studiati senza intervenire su queste persone. Mostrano che la storia può essere compresa solo studiando le lendini che colpiscono gli esseri umani.

Capelli umani con pidocchi attaccati con "calcestruzzo"/ Università di Reading
Capelli umani con lendini aderenti al “cemento” / Università di Reading

“Il campionamento distruttivo sta diventando sempre più difficile da ottenere per motivi etici e i metodi standard di frattura dei crani per accedere all’osso petroso o ai campioni di denti rimanenti sono spesso vietati per motivi di conservazione”, hanno scritto nel documento pubblicato sulla rivista scientifica. Biologia Molecolare ed Evoluzione. Per evitare questa difficoltà, Perotti e i suoi colleghi hanno testato i benefici dello studio del DNA umano trovato nelle uova mummificate conservate a San Juan.

La mummia appartiene a una popolazione umana che ha raggiunto le Ande tra 1.500 e 2.000 anni fa. Le cellule della pelle di queste persone sono intrappolate nel seme prodotto dalla zecca. Il team di scienziati ha studiato 6 nits di ciascuna delle mummie di San Juan e ha estratto il DNA umano. La qualità del materiale viene quindi confrontata con l’osso petroso e i denti che sono anche disponibili.

I campioni prelevati dal cemento nit hanno fornito la stessa concentrazione di DNA dei campioni dentali, il doppio di quello osseo e quattro volte quello del DNA umano prelevato dal sangue nello stomaco delle zecche più recenti. Oltre alla tecnica stessa, lo studio ha permesso di scoprire chi fossero queste persone. Da dove venivano i loro antenati? “L’analisi del DNA antico ci fornisce informazioni su nuove antiche rotte migratorie in Sud America”, hanno detto i ricercatori.

“Una delle mummie viveva nell’odierna regione di San Juan 2000 anni fa. Studiando il suo DNA con lo sperma prodotto dalle zecche come fonte, siamo stati in grado di scoprire che discendeva da persone che un tempo vivevano a nord del bacino amazzonico, nell’attuale Venezuela e nel nord del Brasile. Si sa che c’è stata una migrazione molto numerosa, ma non si sa che sono venuti dall’Oriente e poi sono andati al Centro e all’Occidente in Argentina», spiega Perotti.

Hanno scoperto quella rotta migratoria studiando il DNA umano, ma si sono anche concentrati sul DNA delle zecche. “C’è una corrispondenza nel DNA umano e nel DNA delle lendini. Entrambi i DNA provenivano dall’Amazzonia. Le zecche sono uno specchio di ciò che accade al loro ospite”, ha affermato lo scienziato. L’esistenza di questo percorso migratorio è stata proposta molti anni fa dal professor Mariano Gambier de San Juan.

Quando, le altre due mummie sono legate a persone che abitavano la Patagonia più di 1.500 anni fa, secondo gli scienziati. “Abbiamo anche effettuato uno studio comparativo con i dati della base genomica e identificato che un’altra rotta dalla Patagonia all’attuale regione centro-occidentale risale a 1.500 anni fa”, ha aggiunto.

Il team di Alejandra Perotti studia anche pidocchi e lendini come fonte di informazioni per chiarire crimini e morti dubbi / Archivi
Il team di Alejandra Perotti studia anche pidocchi e lendini come fonte di informazioni per chiarire crimini e morti dubbi / Archivi

Un’altra scoperta è stata che, indagando sulla mummia, è stata effettuata la più antica registrazione del poliomavirus a cellule di Merkel. Questo è un virus descritto nel 2008 e può essere trovato nella pelle sana. A volte i virus causano un cancro della pelle aggressivo. La squadra di Perotti l’ha trovata nel DNA intrappolato nel pidocchio di cemento di una delle mummie. “Questa scoperta solleva il sospetto che le pulci umane possano trasmettere il virus della polioma, ma dovrebbero essere fatte ulteriori ricerche per confermarlo”, ammettono gli autori.

La mummia è stata esposta a temperature estremamente basse prima di morire. Il freddo può essere uno dei fattori che causano la morte. È determinato dalla breve distanza tra le lendini e il cuoio capelluto. I pidocchi dipendono dalla temperatura dell’ospite per mantenere le uova in un ambiente adatto al loro sviluppo. Pertanto gli scienziati sanno che quando le lendini sono più vicine al cuoio capelluto significa che c’è una temperatura molto bassa nell’ambiente. Il dottor Perotti non si è fermato. Ha fatto più ricerche.

Pure hConduce indagini forensi con lendini e pidocchi per chiarire crimini o morti recenti. È il coordinatore dell’Advisory Group for Animal, Plant and Soil Forensic Footprints (APST) nell’Unione Europea. Tra gli altri lavori, gli scienziati hanno studiato i capelli di una donna anziana morta in Italia nel 2016.

La donna era stata trascurata e aveva una grave infestazione da pulci. Valutando la biologia dei pidocchi e il numero e la posizione delle lendini nei capelli, è possibile determinare per quanto tempo la donna è stata trascurata e la frequenza degli episodi di abbandono. Lo studio sui pidocchi ha anche chiarito che la donna aveva un’overdose di farmaci che l’ha portata alla morte.

CONTINUA A LEGGERE:

Nuove scoperte in Israele potrebbero rimodellare la storia dell’evoluzione umana
“Con i micron, i ricoveri in Sud America saranno inferiori rispetto alle precedenti ondate”, ha detto a Infobae l’esperto statunitense Ali Mokdad.
Il Viagra® può aiutare a ridurre il rischio di malattia di Alzheimer

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.