Kajínek, fallimento della banca. C’era anarchia negli anni Novanta, ricorda Cattani. Pilsen

È stato scoperto intorno al 2000 dai giornalisti, perché la mia specialità è il crimine di polizia. A quel tempo, il perseguimento di importanti agenti di polizia era un’eccezione assoluta, a quel tempo solo le guardie non importanti facevano causa. In quel periodo ho iniziato a collaborare con l’Ispettorato del Ministro dell’Interno e ho appreso che c’erano molti indizi che anche gli agenti di polizia potessero svolgere attività non conformi allo svolgimento delle loro funzioni, che potessero commettere reati. Per esempio. a Karlovy Vary ho lavorato a un caso in cui il figlio di un vicedirettore di polizia era sospettato di rapina all’ufficio postale. Uno degli impiegati delle poste in seguito lo riconobbe, ma a quel punto intervenne il vicedirettore e vi mandò un criminologo, il quale gli disse che si sbagliava che fosse il loro collega. Questi non sono stati gli unici fallimenti, hanno praticamente rovinato l’intera indagine. Alla fine, i pubblici ministeri non erano solo vicedirettori, ma anche leader e criminologi dell’SKPV. Tutti sono stati finalmente puniti.

Libor eřicha
Ha iniziato nel 1987 come investigatore presso l’ufficio del procuratore militare, per poi diventare pubblico ministero. All’inizio degli anni ’90, è diventato giudice presso il tribunale di Pilsen. Tuttavia, dopo alcuni anni, ha deciso che più che essere un giudice, era adatto a lui essere un partito e combattere per la sua causa, quindi è andato in procura. Ha lavorato a livello distrettuale, poi a lungo a livello regionale. Ha lasciato la zona per motivi personali e ora lavora presso l’ufficio del procuratore distrettuale di Plzeň-město.

Quanti agenti di polizia hai consegnato alla giustizia nella tua carriera di pubblico ministero?

Questo è abbastanza, più che in altri settori. Non centinaia, ma sicuramente decine più alte.

Gli anni ’90 sono stati intransigenti, afferma il giornalista investigativo Jaroslav Kmenta

Torniamo agli anni Novanta che hai vissuto come giudice e poi come pubblico ministero. Sono selvaggi nella regione di Pilsen come in qualsiasi altra parte della repubblica?

Come Pubblico Ministero, sono entrato in contatto con molti casi prima al distretto e poi anche a livello regionale, e direi che è come ovunque nella Repubblica. Fondamentalmente c’è l’anarchia, soprattutto nella criminalità economica, lì stanno succedendo cose terribili. Nessuno ha molta esperienza in merito, e se non fosse per il fatto che una banca dopo l’altra è caduta, probabilmente non ci sarebbe molto da affrontare. Tutto era dovuto al fatto che il business era molto selvaggio. Tutti vogliono una bella macchina, un ufficio, dei vestiti e, naturalmente, la prendono in prestito. Ma il fatto che doveva pagare era il secondo. Molti investono male, non hanno rate, ed è quello che pensano le banche.

Hai un caso specifico?

Ho fatto un caso in cui la persona interessata ha contribuito in modo significativo alla caduta di tre istituzioni finanziarie. All’epoca funzionava a meraviglia, il prestito fu concesso e le condizioni commerciali furono firmate solo tre giorni dopo. Ricordo di aver parlato con i gestori di quelle banche. Mi hanno detto che dovevo pensare che fossero dei veri idioti, ma mi hanno spiegato che dovevano fare prestiti per far andare avanti l’economia, altrimenti avrebbero perso il lavoro.

Seguendo le orme di Ivan Roubal

Roubal portava un coltello nella scarpa, presumibilmente lanciando la vittima contro il maiale. Il diario ha seguito le sue orme

Ma non si trattava solo di fallimenti bancari…

Dopo il 1989, la criminalità è aumentata in modo significativo, lo stile di lavoro dei criminali è cambiato ed emergono nuovi fenomeni, come l’assassinio. Quindici diverse azioni da incolpare. Tali bande organizzate si vedono raramente in questi giorni.

Ritiene che il forte aumento della criminalità, compreso l’elevato numero di omicidi, potrebbe essere influenzato, ad esempio, dall’abolizione della pena di morte o dall’amnistia di Havel, quando molti criminali hanno iniziato a commettere crimini dopo la loro scarcerazione, compresi i più gravi?

Penso di sicuro. La grande amnistia che deve venire deve essere dimostrata. La maggior parte delle amnistie ritorna entro un anno o due. Per quanto riguarda la pena di morte, probabilmente è più una domanda per uno psicologo. Questa è un’istituzione che tutti dovrebbero temere. Per quanto riguarda gli omicidi, l’abolizione della pena di morte può essere impressionante, ma questa è solo la mia opinione personale.

Jiří Kajínek durante le riprese a Pilsen na Borech

Kájínek appare sulla scena del crimine a Pilsen. Sta girando un documentario lì

Secondo lei, quale caso nella regione di Pilsen è stato il più fondamentale negli anni ’90, a parte i fallimenti bancari di cui sopra?

Naturalmente il caso Kajínek, in cui ho personalmente rappresentato le accuse in tribunale, è stato ascoltato dinanzi alla Prima Sezione. Ma non voglio commentare ulteriormente questo caso. Altrimenti, mi occupavo solo un po’ di criminalità violenta, mi occupavo di criminalità economica. Ricordo che stavo affrontando, ad esempio, la violazione di un’associazione edilizia guidata da un noto politico. All’epoca furono condannati gli avvocati della cooperativa.

Kajínek, il fallimento di una banca… Quanto è stato difficile per pubblici ministeri, giudici, polizia negli anni ’90?

È difficile. Dopo il 1989, un certo numero di giudici e pubblici ministeri in quel momento dovettero andarsene, quindi il loro numero era molto ridotto. Ricordo che quando ho provato a Pilsen, eravamo in cinque, oggi c’erano il doppio dei giudici. E questo è più crimine per noi e nessun accordo su colpa e punizione, ordini penali, procedimenti abbreviati, tutto ciò aiuta molto oggi e velocizza le cose.

Negli anni ’90 sono emerse numerose persone influenti dal punto di vista economico e politico. Stanno cercando di influenzarti mentre lavorano su un caso?

So che alcuni pubblici ministeri o investigatori hanno sperimentato questo, ma personalmente non l’ho fatto.

La Boemia occidentale degli anni '90 è anche associata ai nomi Kajínek, Roubal, Kott e Kutílek

La Boemia occidentale degli anni ’90 è anche associata ai nomi Kajínek, Roubal, Kott e Kutílek

Quando la situazione si è calmata?

Penso che con le modifiche al codice penale entrate in vigore nel 2010. Ciò ha comportato cambiamenti significativi, ad esempio, le prove del processo preparatorio sono state trasferite al processo principale autentico. Ci siamo seduti tutti lì, abbiamo osservato come si comportava la persona, qual era l’intonazione e così via. E le formalità sono infrante. Grazie ai legislatori per questo.

Domanda finale: hai visto la serie Ninety? O qualche altra serie poliziesca?

Non negli anni ’90, ma ho visto altri cattivi con mia moglie. Il mio preferito è Modrava Police.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.