La Russia annuncia il pieno controllo dello stabilimento Azovstal – rts.ch

Kiev potrebbe essere due volte più lontana dal Polo Nord, ma la guerra in Ucraina sta alimentando disordini a Barentsburg, una comunità artica unica dove i minatori russi e ucraini estraggono carbone fianco a fianco per decenni.

La statua di Lenin è al culmine di Barentsburg. [John McConnico – Keystone]La statua di Lenin, la statua che dichiara in caratteri cirillici rossi “il nostro obiettivo – il comunismo”… Tutto ci ricorda che la presenza della Russia nel villaggio a sud-ovest dell’arcipelago norvegese delle Svalbard non è una novità.

Dopo aver contato fino a 1500 alla fine della Guerra Fredda, Barentsburg ha subito un calo della popolazione in seguito al crollo dell’Unione Sovietica. Ma 370 persone vivono ancora insieme oggi in questa ex mostra sovietica: due terzi di loro sono ucraini, per lo più dalla regione di lingua russa del Donbass, e il resto sono russi.

45 partenze dall’inizio del conflitto

“Certo che ci sono tensioni e discussioni sui social network come (gruppi di comunità interne su) Facebook e Telegram, ma non ci sono segni visibili di conflitto in superficie”, ha assicurato il console russo locale.

Protetto da alti cancelli e telecamere di sorveglianza, il consolato riccamente decorato con ingressi in marmo, giardini d’inverno e arazzi su misura domina il paese.

Prova, forse, che la rabbia ribolle ancora, 45 persone hanno lasciato Barentsburg “dall’inizio dell’operazione”, io console, riprendendo la terminologia usata da Mosca riguardo all’invasione dell’Ucraina lanciata il 24 febbraio.

Partire, tuttavia, non è stato facile: le sanzioni occidentali imposte alle banche russe non solo hanno impedito ai minori di inviare denaro alle loro famiglie, ma hanno anche reso più difficile l’acquisto di biglietti aerei.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.