L’Ucraina rifiuta l’ultimatum russo alla resa a Mariupol – rts.ch

L’Ucraina non “deporrà le armi e non lascerà la città assediata” di Mariupol, ha detto il suo vice primo ministro ai media ucraini durante la notte da domenica a lunedì, in risposta a un ultimatum emesso dalla Russia.

“Non c’è problema a parlare di arrendersi o deporre le armi. Ne abbiamo informato la parte russa”, ha detto Iryna Vereshchuk al quotidiano Ukrayinskaya Pravda. “Questa è una manipolazione deliberata e una vera presa di ostaggi”, ha aggiunto della richiesta.

Il ministero della Difesa russo ha chiesto all’Ucraina di “deporre le armi” e di chiedere una “risposta scritta” al suo ultimatum entro le 5 del mattino di lunedì, in nome della protezione dei residenti e delle infrastrutture della città di Mariupol.

Membri delle truppe filo-russe a Mariupol. [Alexander Ermochenko – Reuters]

“Chiediamo alle autorità ufficiali di Kiev di essere ragionevoli e di annullare le istruzioni fornite in precedenza, che hanno costretto i militanti a sacrificarsi e diventare ‘martiri di Mariupol'”, ha affermato Mikhail Mizintsev, direttore del Centro di gestione della difesa nazionale russo nel briefing diffuso dal Ministero della Difesa russo.

“Metti giù la mano”, disse. “Si è verificata una terribile catastrofe umanitaria (…) Tutti coloro che depongono le armi hanno la garanzia di lasciare Mariupol in completa sicurezza”.

Corridoio dell’Umanità

Secondo Mikhail Mizintsev, Russia e Ucraina hanno concordato un percorso per i residenti di Mariupol per raggiungere il territorio controllato da Kiev il 21 marzo. “Dalle 10:00 ora di Mosca (…) la Russia ha aperto un corridoio umanitario da Mariupol a est e, come concordato con la parte ucraina, a ovest”, spiega Mikhail Mizintsev.

Il ministero della Difesa russo in serata ha parlato con le autorità di Mariupol tramite l’app di messaggistica Telegram: “Voi (affrontate) una scelta storica: o siete con la vostra gente o siete con i criminali”.

“Gli invasori continuano a comportarsi come terroristi”, ha risposto Iryna Vereshchuk su Telegram. “Hanno detto di aver concordato (per costruire) un corridoio umanitario e al mattino hanno bombardato i campi profughi. Il governo sta facendo tutto il possibile. La cosa più importante per noi è salvare la vita e la salute dei nostri cittadini”.

Mariupol, un porto strategico prevalentemente di lingua russa nel sud-est, è stato uno dei principali obiettivi degli attacchi di Mosca.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.