Ragazzo sopravvissuto a un incidente in funivia in Italia viene rapito dal nonno

Lo stato in cui la funivia che collegava il monte alpino Mottarone e la città di Stresa (nord) è stato abbandonato, dopo essere caduto nel nulla, il 23 maggio.  EFE / EPA / TINO ROMANO / Archivi
Lo stato in cui la funivia che collegava il monte alpino Mottarone e la città di Stresa (nord) è stato abbandonato, dopo essere caduto nel nulla, il 23 maggio. EFE / EPA / TINO ROMANO / Archivi

Il bambino sopravvissuto all’incidente avvenuto lo scorso maggio, quando la cabina della funivia cadde nel vuoto nel nord Italia e morirono 14 persone, ha rapito dal nonno, che lo aveva trasferito con un aereo privato in Israele, dove vive la famiglia della madre, hanno rivelato oggi i media locali.

La procura di Pavia (nord) ha aperto un’inchiesta dopo le denunce del sequestro di sabato del piccolo Eitan, come è conosciuto in Italia, dove è diventato un simbolo di speranza dopo la tragedia sofferta dalla sua famiglia e da altri. passeggeri a bordo caduti nel vuoto tra il monte alpino Mottarone e la città di Stresa il 23 maggio.

Gravemente ferito, Eitan ha trascorso diverse settimane in un ospedale di Torino.

Il ragazzo, che ha perso i genitori e il fratello nell’incidente ed è affidato alle cure della zia paterna, è da mesi al centro di una battaglia per la custodia dopo che la sua famiglia materna ha affermato che era israeliano.

Toilette italiana nell'ospedale di Torino.  EFE / EPA / TINO ROMANO
Toilette italiana nell’ospedale di Torino. EFE / EPA / TINO ROMANO

Eitan fu affidato alla zia paterna dal Tribunale per i Minorenni di Torino, mentre la sua famiglia materna aveva il diritto di fargli visita. Un tribunale italiano ha anche ordinato a quest’ultimo di restituire il passaporto del bambino in suo possesso.

E’ stata la zia del bambino a denunciare questo sabato alle forze dell’ordine che il nonno materno, trasferitosi in Italia dopo la tragedia, non ha consegnato il bambino a casa sua nei tempi previsti dopo la visita consentita dal giudice, secondo “il Corriere”. della sera”.

La prima indagine della Polizia di Pavia ha concluso che il nonno e il minore erano saliti su un volo privato sul quale il bambino poteva imbarcarsi perché in possesso del passaporto, che permetteva agli espatriati, ha aggiunto il quotidiano, spiegando che la conferma dell’atterraggio dell’aereo in Israele “era arrivata tramite canali diplomatici.” .”

In un’intervista questa domenica a Israel Radio 103, sua zia materna, Gali Peleg, ha confermato il suo ritorno in Israele. “Non l’abbiamo rapito… l’abbiamo portato a casa. Abbiamo dovuto farlo perché non avevamo informazioni sulla salute fisica e mentale di Eitan”Lui ha spiegato.

    EFE / Nadeem Khawer / Archivi
EFE / Nadeem Khawer / Archivi

“Lo abbiamo già portato a casa, come volevano i suoi genitori, che è tornare a casa, ma devono tornare a causa del coronavirus, però quando sono stati qui qualche mese fa, abbiamo parlato loro del ritorno, ” Egli ha detto. .

“La notizia ha sconvolto tutti e ci ha preoccupato molto. È stato strappato dalla famiglia che ha cresciuto, dai medici che lo hanno curato, in un modo traumatico che può destabilizzarlo”, ha detto l’avvocato Armando Simbari.

Il presidente della comunità ebraica di Milano (nord), Milo Hasbani, ha condannato «questo azioni che violano il diritto italiano e internazionale“. “Speriamo che questo caso si risolva al più presto in accordo con la sentenza del tribunale per i minorenni”, ha aggiunto in un comunicato il legale della famiglia italiana.

L’Italia ha atteso per settimane l’evoluzione del piccolo Eitan, che dopo l’incidente è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Regina Margherita di Torino (nord) prima di essere trasferito in reparto e iniziare un percorso psicologico dopo la tragedia. chi soffre.

EFE / EPA / ITALIA SERVIZI ANTINCENDIO E SOCCORSO
EFE / EPA / ITALIA SERVIZI ANTINCENDIO E SOCCORSO

Il 10 giugno è stato poi dimesso e ha vissuto con la zia, dopo essere stato informato della morte dei suoi genitori.

Per l’incidente un tribunale italiano ha indagato su dodici persone e due società, accusate di duplice omicidio volontario, catastrofe colposa e rimozione di attrezzi per prevenire incidenti sul lavoro, dopo che il responsabile delle operazioni della funivia ha ammesso di aver disattivato l’impianto frenante, al fine di evitare la chiusura l’installazione, che provoca la caduta.

(con informazioni da EFE e AFP)

CONTINUA A LEGGERE:

Nuovi undici accusati per incidente in funivia che ha ucciso 14 persone in Italia
Rivelano il video scioccante dell’incidente della funivia che ha ucciso 14 persone in Italia

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.