Sharbat Gula: l’Italia concede asilo alla ‘ragazza afgana’ che 30 anni fa era un’icona dei rifugiati | Internazionale

L’Afghan Sugar Sharbat, il simbolo dei rifugiati dopo essere stato immortalato più di 30 anni fa da Steve McCurry sulla copertina del magazine National Geographic All’età di 12 anni è arrivato giovedì a Roma nell’ambito di un programma di asilo ed evacuazione dopo il ritorno dei talebani.

“Il cittadino afgano Sharbat Gula è appena arrivato a Roma”, ha annunciato in un comunicato il capo del governo, dopo aver ricordato di essere stato fotografato alla fine del 1984 in un campo profughi in Pakistan, diventando un simbolo della sofferenza e dell’instabilità politica del mondo. e la gente della regione.

Sharbat Gluttony, interpretato da Steve McCurry nel 1984.Steve McCurry

Sharbat Gula, che ora ha 49 anni, ha chiesto di lasciare il Paese dopo che i talebani hanno preso il potere ad agosto e il governo italiano ha “facilitato e organizzato” il suo trasferimento in Italia, nell’ambito del suo programma di evacuazione afgano e dei suoi piani di accettazione e integrazione, afferma il comunicato . La foto di tre decenni fa “è arrivata a simboleggiare il cambiamento e il conflitto della fase storica attraversata dall’Afghanistan e dalla sua gente”, secondo l’ufficio stampa del primo ministro Mario Draghi.

Sharbat Gula arrivò in Pakistan come orfano quattro o cinque anni dopo l’invasione sovietica dell’Afghanistan nel 1979 insieme a migliaia di altri afgani che erano fuggiti dalle zone di combattimento lungo il confine.

Unisciti a EL PAÍS per essere aggiornato su tutte le notizie e letture illimitate.

cliente

La sua immagine è tornata al mondo quando il fotografo Steve McCurry è tornato a cercarla nel 2002 e ha verificato la vita difficile con cui continua a convivere, così gli ha proposto di nuovo come protagonista della copertina del National Geographic.

Sugar, analfabeta e madre di quattro figli, non sapeva che milioni di persone avevano visto la sua foto o che la sua foto avesse innescato una mobilitazione internazionale a sostegno dei rifugiati. Nel 2016 è stato mandato in Afghanistan, Paese in cui non voleva far ritorno, perché ritenuto pericoloso.

Segui tutte le informazioni internazionali su Facebook Voi Indonesiao dentro la nostra newsletter settimanale.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.