Un secondo lupo visto sull’altopiano del Larzac nell’Hérault

Gli esperti lo sospettano, ora hanno la conferma, infatti ci sono due distinti lupi sull’altopiano del Larzac nell’Hérault. Sappiamo da diversi anni che c’erano degli esemplari, ma grazie alle fototrappole, ora abbiamo la certezza che ce ne sono due.

Queste telecamere, installate in tutta l’area in aree dove c’è stato un attacco al bestiame, si attivano automaticamente quando un animale passa davanti all’obiettivo, di giorno o di notte. Gli esperti ora hanno un’istantanea con due lupi nella stessa foto, quindi niente più dubbi. Questa foto è stata scattata all’Hérault al confine con Gard e Aveyron.

Dal loro ritorno in territorio francese attraverso l’Italia negli anni ’90, i lupi si sono stabiliti per la prima volta nelle Alpi, ora hanno attraversato il Rodano e sono osservati quasi ovunque in Francia.

Nell’Hérault, quindi, crediamo che ce ne siano due sull’altopiano del Larzac, ma anche uno nel massiccio del Caroux, uno nel settore Salvetat sur Agout tra Tarn e Hérault. Gli esperti si interrogano anche sull’esistenza dell’esemplare sulla montagna nera tra Aude, Hérault e Tarn.

Questi lupi sono molto opportunisti e mangiano cervi, conigli, selvaggina e, naturalmente, pecore. Gli allevatori pagano regolarmente il prezzo. Diversi altri attacchi si sono verificati l’anno scorso all’Hérault, con diversi animali uccisi e feriti, una dozzina sull’altopiano del Larzac, un’altra dozzina al confine con il Tarn.

La conferma della presenza di un secondo lupo a Larzac non è una buona notizia per gli allevatori. In Hérault, il fuoco difensivo è consentito sui lupi. Ma trovarli è un lavoro di pazienza, tutta la notte a fare il giro. Questo è estenuante per gli agricoltori, spiega Brigitte Saingla, presidente del sindacato degli allevatori dell’Hérault.

Abbiamo già una dozzina di attacchi al solo Larzac

Questa è una delle principali fonti di preoccupazione perché questo contribuirà ad aumentare il caos degli allevatori che affrontano i problemi che ci vengono imposti e di cui soffriamo. Abbiamo fatto una buona dozzina di tiri su Larzac. I lupi sono presenti altrove nel dipartimento dell’Hérault, in particolare vicino a La Salvetat e Fraïsse, sulle rive del Tarn, e anche nell’Haut Minervois. Quindi ci sono stati una dozzina di attacchi anche in quei settori della Montagne Noire. Quindi è una grande preoccupazione perché pratichiamo ancora un sistema di allevamento estensivo all’aperto”.

Le recinzioni da sole non bastano, i cani possono essere pericolosi, per fortuna abbiamo una licenza di tiro che speriamo di ampliare ulteriormente

Siamo in un’area difficile da proteggere, ma abbiamo individuato aree nel cerchio 2 che ci danno la possibilità di utilizzare strumenti di protezione. Stiamo già operando in giardini con recinzioni la cui efficacia è più che relativa. Abbiamo anche cani da guardia, gli allevatori che li chiedono sono stati aiutati, ma questo pone un altro problema perché siamo così obbligati a condividere il territorio, sia con gli escursionisti, i cacciatori, le persone che navigano nel nostro ranch e che, in effetti, a volte hanno affrontato con un comportamento del cane che alla fine può svilupparsi, persino declinare. E lì, sappiamo che questa è una delle principali preoccupazioni per i nostri allevatori da allora la responsabilità legale per questi cani spetta interamente agli allevatori”.

“Oggi tutti gli allevatori che possono rivendicare semplice tiro di difesa averli. Speriamo ora di schierare un fuoco difensivo rinforzato e perché no l’arrivo della brigata lupo. Siamo molto, molto attenti a poter archiviare legalmente tutto ciò che è in nostro potere perché l’agricoltore è la persona responsabile.

La presenza di questo secondo lupo non è sorprendente Pierre Jouventin, ex ricercatore del CNRS e specialisti di lupi, perché cacciando i lupi in determinate aree, gli umani li respingono semplicemente altrove.

I lupi devono essere controllati, non uccisi

“Gli scienziati americani hanno dimostrato che quando spariamo a un branco di lupi, uccidiamo quello dominante che è l’unico che si riproduce, e quindi. pacchetto che esplode e i giovani escono nella natura, cioè in tutta la Francia e formare nuovi gruppi e cercare nuovi territori e partner. Quindi, in realtà, hai lupi che corrono in giro, solitari che cercano di sistemarsi. E in Italia, in Spagna, i lupi sono ovunque e sono da 2 a 4 volte di più che in Francia. E non importa. E non li abbiamo uccisi. Non sono un ayatollah. Penso che il lupo dovrebbe essere controllato ma non ucciso“.

“Sono necessari tre fattori per controllare la popolazione di lupi, per impedire loro di attaccare le pecore. Hai bisogno di una recinzione, se possibile elettrificata. Abbiamo bisogno di pastori e abbiamo bisogno di cani da protezione come Patous. Se li hai tutti e tre elimini praticamente il rischio, ma per gli allevatori funziona”.

I lupi sono un problema politico

“Oggi viviamo nel Medioevo. In Francia abbiamo più di 100 lupi uccisi mentre erano protetti dalla legge europea. In Germania hanno lupi che controllano quando le cose vanno male, ma hanno lasciato che si sviluppasse. D’altra parte, risarciscono l’agricoltore solo se le pecore sono ben accudite. Tuttavia, con noi, non c’è controllo. I lupi non sono una questione di biologia o ecologia. Questa è una questione politica. Ci saranno le elezioni presidenziali e quindi dobbiamo avere la voce degli allevatori e dei cacciatori”.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.