[News-Anciens] Lorenzo Callegar (FC Chambly Oise / N1): “Ho solo bei ricordi”

Pubblicato in


Come ogni settimana, PSG.FR e LTDPSG trovano ex giocatori di passaggio per il Paris Saint-Germain Training Center. Dirigiti a Oise, e più precisamente a Chambly, per ascoltare l’ex Titi Lorenzo Callegar che ripercorre l’attualità e i suoi anni parigini.

Lorenzo, quando pensi al 1 luglio 2015, cosa ti passa per la mente?

“Quando ho firmato il mio primo contratto da professionista con il Paris Saint-Germain! Lo ricordo come se fosse solo ieri. Questo è un giorno che non dimenticherò mai. Ho avuto l’opportunità di realizzare questo sogno in compagnia del mio migliore amico Alec Georgen, con il quale ho dato un calcio al mio primo pallone da Clamart. Questo contratto è una grande ricompensa per tutti i miei sforzi, ma anche per tutti i buoni risultati ottenuti con i miei compagni di squadra. Mi sento come se avessi realizzato qualcosa di meraviglioso, senza dirmi che è tutto guadagnato. So bene che non è dato a tutti. »

Sembra che tu abbia un’ottima memoria. Nuovo test con il 30 novembre 2016… Che evento è?

“Nella mia prima partita ufficiale ho giocato in Ligue 1 con i professionisti del Paris Saint-Germain. Questa apparizione è arrivata subito dopo la mia integrazione nel gruppo professionale. Era contro SCO Angers. Avevo sostituito Lucas a pochi minuti dal termine della partita. Abbiamo vinto la partita 2-0 in pubblico al Parc des Princes. Durante il riscaldamento, ho sentito i tifosi gridare il mio nome. Mi sono convinto a fare le cose bene se devo entrare in gioco. Vivo davvero questo momento al massimo, con la voglia di negoziare alcuni palloni ben toccati. Essere circondato da Marquinhos, Thiago Silva, Maxwell, Thiago Motta o Presnel Kimpembe mi aiuta davvero a facilitare i miei primi passi da professionista. È stato molto impressionante perché di solito guardo la partita in televisione. Quel giorno, il mio sogno si è avverato. »

Tutto su Parigi-Chambly!  |  Parigi Saint Germain

Molti tifosi rossoblù spesso ti paragonano a Marco Verratti perché il tuo stile di gioco ricorda lo stile di gioco italiano internazionale. Hai anche fatto esplodere lo schermo ottenendo ottime prestazioni durante le stagioni 2016 e 2017 contro grandi squadre come Inter, Real Madrid, Juventus Torino, Tottenham e Roma. Lottando per tenere i piedi per terra?

“A essere onesti, non avrei mai pensato di essere arrivato. È vero che giocare davanti a un pubblico enorme e contro una squadra così numerosa è impressionante, soprattutto per i giovani del centro di allenamento. Ma molto rapidamente devi sapere come ignorare il contesto per essere all’altezza delle aspettative che ci vengono date. L’importante è essere presenti quando c’è un’opportunità, perché questa opportunità potrebbe non ripresentarsi sempre. Il gruppo mi ha accolto molto bene, il che mi ha fatto sentire a mio agio ogni giorno. Anche se non ho certezze sul futuro, credo che dimostrando determinazione in ogni allenamento, l’allenatore mi permetterà almeno di stare in panchina per la squadra professionistica. Infine, ho partecipato a due tournée negli Stati Uniti, con esibizioni contro le migliori squadre del mondo. È incredibile vivere momenti del genere. Abbastanza magico! »

SQUADRA su Twitter: "Lo Zénith Saint-Petersburg di Roberto Mancini vuole ingaggiare Lorenzo Callegar, il giovane centrocampista del PSG https://t.co/fKl96F9kqF https://t.co/7tactVaucy" /Indonesia

La sua permanenza al Paris Saint-Germain è stata segnata anche dagli straordinari risultati ottenuti con la promozione del giocatore classe 1998…

“Possiamo mettere in relazione Titis nata nel 1997 e nata nel 1999 con il nostro successo. In effetti, raramente sperimentiamo una sconfitta. Abbiamo ottimi giocatori in tutte le posizioni. La maggior parte dei miei ex compagni di squadra ha giocato ai massimi livelli. Siamo un gruppo solido fuori dal campo. Non è un segreto, i gruppi che ottengono buoni risultati sono gruppi che sicuramente convivono bene. Siamo cresciuti tutti come calciatori durante i nostri allenamenti, ma soprattutto come uomini. Il nostro allenatore François Rodrigues, senza dimenticare il suo staff, è degno di congratulazioni per il suo supporto negli ultimi quattro anni. Gli piacciamo davvero, ed è reciprocamente vantaggioso. Ci ha portato molte cose. Conservo solo bei ricordi nel mio club preferito! »

Paris Saint-Germain su Twitter: "Lorenzo Callegar 2️⃣0⃣ Buon compleanno!  https://t.co/ebCB3e99IP" /Indonesia

Sei uno dei pochi giocatori che ha allenato al Paris Saint-Germain per diventare campione d’Europa Under 17 nel 2015. Sicuramente un grande orgoglio?

“Indossare la maglia azzurra, ascoltare l’inno nazionale e vincere titoli non può che renderti così orgoglioso. È il sogno di ogni bambino! Inizialmente non ero nel gruppo U17 per gareggiare a Euro 2015. Mentre ero ancora a scuola, Thierry Morin (ndr: ex direttore di CFA Omnisports) è venuto a chiedermi di portare la mia valigia per poter volare in Bulgaria! Giocatore infortunato, sono dovuto entrare nella squadra che si è qualificata per le semifinali. Lì ho trovato quattro Titis, Mamadou Doucouré, Alec Georgen, Jonathan Ikone e Odsonne Edouard. Non ho giocato contro il Belgio, ma ho avuto il privilegio di giocare la finale (4-1) contro la Germania. Vivere questa vittoria con i miei amici del Training Center è stato fantastico. »

Per concludere la nostra intervista, puoi parlarci delle tue novità all’FC Chambly Oise?

Abbiamo faticato a guadagnarci il mantenimento in Nazionale 1. Siamo un po’ ottimisti, perché ci affidiamo ai valori del club, l’importante è non mollare mai di fronte alle avversità. Da quando ho giocato a Chambly, non sono più lo stesso giocatore di Parigi. Prima arrivavo a 100 palline a partita, mentre in N1 dovevo andare a carbone come mai prima d’ora per riuscire a recuperarne un po’. Ad ogni incontro, scopro un nuovo aspetto del mio calciatore completo. Ho dovuto usare altre qualità per spingermi a centrocampo. Amo questo club perché ha un clima familiare e soprattutto mi permette di rilanciarmi. Voglio ridare tutta la sua fiducia dando il meglio di me. »

Profilo

Data di nascita : 27 febbraio 1998
Luogo di nascita : Meudon (Hauts-de-Seine)
Inviare : Centrocampista difensivo
Club di fila : CSM Clamart (dal 2004 al 2011) Paris-Saint-Germain (dal 2011 al 2018) Genoa CFC (2018) Ternana UC (Pronto/dal 2018 al 2019) US Avranches MSM (dal 2019 al 2020) US Chambly Oise (da luglio 2020)

Record con le giovanili del Paris-Saint-Germain : Vincitore Al Kass International Cup U17 (2015) Vicecampione Francia U17 (2015) Finalista UEFA Youth League U19 (2016) Campione Francia U19 (2016)

squadra francese : U17 (6 presenze/1 gol) U18 (4 presenze) U19 (7 presenze)

Listino premi a scelta giovani : Campione d’Europa U17 (2015) Vincitore del torneo di Limoges U18 (2015) Copa del Atlantico U18 (2016)

Callegar intervista Chamblylorenzo Callegar

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.